best western italia 2022

Best Western in Italia: nel 2022 focus sulla crescita sostenibile

Il gruppo Best Western tira le somme del 2021 in Italia e annuncia gli obiettivi di sviluppo del 2022. Per la prima catena alberghiera in Italia per numero di strutture, camere e location, il consuntivo è di 400 camere in più e 11 nuovi contratti di affiliazione al network.

Dei nuovi indirizzi, sei sono già prenotabili.

Si tratta di tre hotel a Vico Equense – Axidie Resort, Axidie Residence e Le Ancora – l’hotel Raffaello a Roma e l’Oasi a Levanto.

Gruppo Best Western in Italia: lo sviluppo 2022

Entro il primo trimestre del 2022, con il brand Best Western Plus entrerà nel gruppo un hotel a Bagno di Romagna. Si aggiungeranno due alberghi a Milano e a Napoli, mentre per la Collection BW è in arrivo una struttura a San Martino di Castrozza. Infine, con il brand Premier si uniranno un albergo a Reggio Calabria e un altro a Trapani.

«Anche nel 2021 abbiamo tenuto il punto», esordisce la Ceo di BW Italia, Giovanna Manzi.

Continua: «Con un mix tra determinazione e realismo, abbiamo reagito alla situazione pandemica, assicurando ai nostri albergatori supporto su ogni materia, per aiutarli a interpretare gli aiuti del governo e offrire soluzioni operative per affrontare una nuova normalità».

Per la manager, l’obiettivo macro è continuare a crescere in maniera sostenibile.

Manzi: «In particolare, puntiamo sui brand lifestyle Aiden by Best Western e Crafted by WorldHotels sempre nell’ottica di partnership con gli imprenditori, formula che ci ha consentito di essere il numero uno in Italia».

best western italia 2022

I trend della gestione alberghiera e dell’affiliazione

L’attività di sviluppo del gruppo hanno intercettato due macro-tendenze.

Da una parte la gestione tradizionale e in management accanto alla emergente realtà di neoimprenditori alberghieri. Cioè un cluster emergente di interlocutori attivi in altri mercati, che guardano con grande interesse al settore dell’hospitality per valorizzare gli investimenti immobiliari.

Tuttavia, la figura dell’albergatore tradizionale, imprenditore, continua a rappresentare la maggioranza dei prospect per BW in Italia.

Parimenti, si consolida il dialogo con le management company che sempre di più decidono di integrare nuove proposte di marchi nella loro strategia di gestione e differenziazione.

La catena prosegue lo sviluppo selle aperture nel segmento leisure, che ha visto aggiungere le destinazioni di Levanto, Sorrento, Santa Margherita Ligure e Ragusa, più San Martino di Castrozza e il nord della Sardegna.

Oggi i brand sono 18 e coprono tutti i target, dal midscale al lusso, grazie all’acquisizione di Worldhotels.

[Approfondisci sull’infrastruttura di ricarica per le auto elettriche negli hotel BW]