MissiOnewsTrasporti

Il Coronavirus ferma le compagnie aeree, stop ai voli sulla Cina da febbraio

Il Coronavirus ferma le compagnie aeree verso la Cina continentale. Ecco chi ha già deciso gli stop ai voli: British Airways ha comunicato ufficialmente di sospendere i collegamenti su Pechino e Shanghai nei prossimi giorni finché la situazione non si sarà assestata. Invece i servizi su Hong Kong rimangono attivi. Finnair interrompe per i mesi di febbraio e marzo le operazioni da Helsinki a Pechino e Nanjing. Anche da parte di United Airlines arriva la comunicazione di un cambio degli operativi. Infine, Cathay Pacific informa che dal 30 gennaio riduce del 50% o più le frequenze sulla mainland fino a marzo.

Naturalmente la situazione è in aggiornamento repentino. Considerato che alcune notizie danno il virus in via di rallentamento dei contagi ed emergono alcuni casi di guarigione a Shanghai, il ripristino dei trasporti aerei è da considerare un’eventualità non remota.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità non raccomanda in questa fase restrizioni ai viaggi o l’istituzione di procedure di screening per i paesi interessati. Tuttavia il Ministero degli esteri inglese, notoriamente sollecito allo sconsiglio ai viaggi, ha emesso il suo.

Qui puoi verificare il numero esatto dei contagi accertati dall’Oms nell’ultimo report disponibile, il numero 8.

Coronavirus ferma le compagnie aeree, da febbraio o con effetto immediato

Le motivazioni di British Airways: «Abbiamo temporaneamente sospeso tutti i voli da e verso la Cina continentale con effetto immediato a seguito dell’avviso del Foreign Office contro tutti i viaggi tranne quelli essenziali. Ci scusiamo con i clienti per l’inconveniente, ma la sicurezza dei nostri clienti e dell’equipaggio è sempre la nostra priorità. I passeggeri in viaggio verso o dalla Cina nei prossimi giorni possono trovare maggiori informazioni su Ba.com».

Così spiega United Airlines che sospende alcuni voli per Pechino, Shanghai e Hong Kong dalla prossima settimana, citando «un significativo calo della domanda di viaggi verso la Cin

A partire dal 1 ° febbraio, United cancella 24 voli tra i suoi hub di San Francisco, Newark, Chicago e Dulles e le tre città fino all’8 febbraio.

«Le riduzioni riflettono il nostro significativo calo dei fattori di carico – afferma United -. Inoltre, sebbene abbiamo implementato una riduzione temporanea, stiamo ancora effettuando voli tra gli Stati Uniti e la Cina per consentire ai clienti di viaggiare tra i due paesi».

Fee di cambio sui biglietti annullate

United, Delta e American Airlines hanno eliminato le fee sui cambi di data sui biglietti fino alla fine del prossimo mese.

Da Cathay Pacific: «Alla luce del piano di risposta del governo sull’infezione da Coronavirus e in considerazione della domanda del mercato, Cathay Pacific e Cathay Dragon ridurranno progressivamente la capacità dei voli da e verso la Cina continentale del 50% o più dal 30 gennaio alla fine di marzo 2020».

Al momento il vettore di Hong Kong sta rivedendo i programmi che aggiornerà progressivamente nelle prossime ore.

Le spese di cambio di prenotazione, cambio di rotta e rimborso non verranno applicate per tutti i biglietti emessi entro il 28 gennaio 2020 o antecedenti Per viaggiare con prenotazioni confermate tra il 28 gennaio e il 31 marzo 2020. Ed indipendentemente dal tipo di tariffa.

travelpool europe
Precedente

Nasce il consorzio del business travel, si chiama Travelpool Europe

Tecnologia hotel
Successivo

Sabre e Accor, partnership per tecnologia hotel