AutoGreen

A Bologna il car sharing si fa elettrico con Corrente di Renault

Dal 27 ottobre, una flotta di 240 auto elettriche darà il via al car sharing Corrente emissioni zero a Bologna. Un progetto che vedrà circolare sulle strade cittadine un primo blocco di 120 Renault Zoe, con altrettante che verranno introdotte entro l’inizio della primavera 2019.

Il servizio sarà gestito da Omnibus, un consorzio pubblico-privato che riunisce Tper, l’azienda regionale dei trasporti, Cosepuri e Saca, entrambe società di noleggio auto. Nelle settimane precedenti il lancio del servizio, una quarantina di Renault Zoe “Corrente”, effettueranno test di prova su tutti e 45 i chilometri quadrati di territorio comunale in cui sarà possibile iniziare e terminare il noleggio. Nel centro di Bologna saranno poi a disposizione alcune auto per mostrare agli utenti il funzionamento delle stesse e per familiarizzare gli utenti con l’auto elettrica.

A Bologna il car sharing si fa elettrico con Corrente di Renault, che mette a disposizione 240 Zoe

Del resto le vetture emissioni zero non sono una novità in Emilia: a gennaio 2016, proprio Renault consegnò 76 auto elettriche alla regione, da utilizzare da polizia municipale e altri soggetti pubblici (leggi la notizia).

Per quanto riguarda il car sharing, a partire da lunedì 8 ottobre gli utenti si potranno registrare sulla piattaforma corrente.bo.it (vedila qui) o scaricare la App su Play Store o Apple Store. Le tariffe? Fino al 31 dicembre si partirà con una tariffa promozionale di 20 centesimi al minuto, che con l’inizio del 2019 passerà a 25 centesimi ossia in linea con quanto praticato da altri gestori. Per i titolari di abbonamenti annuali del Tper, la tariffa continuerà a essere di 20 centesimi al minuto anche con l’anno nuovo.

“Le Zoe del car sharing Corrente potranno circolare nelle zone a traffico limitato del comune di Bologna, sulle corsie preferenziali e parcheggiare gratuitamente sulle righe blu” ha detto Irene Priolo, assessore alle Politiche per la Mobilità del Comune di Bologna, che ha rimarcato anche l’attenzione del Municipio per la mobilità emissioni zero visto anche il successo del bike sharing. “Attualmente abbiamo 20 colonnine di ricarica nell’area comunale, che diventeranno 93 con doppia postazione (quindi per 196 auto) nel giro di pochi mesi”.

Della ricarica elettrica delle vetture si occuperà la società di gestione, che toglierà temporaneamente dal noleggio quelle vetture con un livello di carica troppo basso per garantire un’autonomia adeguata. Dal portale o dalla app, il cliente potrà visualizzare sulla mappa le auto disponibili più vicine alla propria posizione o ad un altro indirizzo d’interesse e la prenotazione potrà essere effettuata anche con poco anticipo rispetto alla fase di fruizione (“prelievo on demand”). Dal momento della prenotazione, si avranno a disposizione 15 minuti per raggiungere l’auto e il pagamento, per i soli minuti di effettivo utilizzo, avverrà in modo semplice e sicuro attraverso la propria carta di credito.

“Anche la regione farà la sua parte in tema di infrastrutture di ricarica – ha aggiunto Raffaele Donini, Assessore Regionale alla Mobilità – visto che nel giro di 2 anni le colonnine di ricarica raggiungeranno quota 2.000 in tutta la regione. Anche per questo, riteniamo che entro il 2025, la mobilità emissioni zero in Emilia Romagna aumenterà del 20% rispetto a oggi”.

“In tutta Europa – ha detto Xavier Martinet, direttore generale di Renault Italia – ci sono circa 5.000 Renault Zoe dedicate al car sharing elettrico. Mi auguro che questo esempio di Bologna possa essere replicato in molte altre città italiane, per contribuire concretamente allo sviluppo su larga scala della mobilità elettrica, nei centri urbani e nelle smart city”.

Grazie alla sua batteria Z.E. 40 da 41 kWh, Renault ZOE vanta un’autonomia pari a 300 km WLTP (Worldwide harmonized Light vehicles Test Procedure).

Con la gamma di veicoli 100% elettrici più completa del mercato, Renault propone questa tecnologia per gli utilizzi più diversi. Da Twizy – disponibile anche in versione Cargo per le piccole consegne in ambito urbano – alla berlina compatta Zoe (e la sua versione Van destinata agli operatori professionali), dal veicolo commerciale Kangoo Z.E., ideale soluzione di logistica urbana a zero emissioni, al grande furgone Master Z.E., per le consegne dell’ultimo miglio nei centri urbani.

Vinfast
Precedente

Stile italiano e cuore vietnamita per Vinfast

Best Global Brands 2018
Successivo

Best Global Brands 2018, domina il digital ma bene l’automotive