AutoServiziSguardo sul futuro

Aquaplaning: Easyrain accelera con Eugenio Razelli, Bosch e Italdesign

Eugenio Razelli entra nel consiglio di amministrazione di Easyrain. L’azienda, attiva nel settore della tecnologia applicata alla sicurezza stradale, ha iniziato a correre veloce. Già a maggio aveva annunciato la partnership con Italdesign e l’avvio di una nuova collaborazione con Bosch mobility solutions, per la prosecuzione del piano di sviluppo del suo nuovo sistema “A.I.S.” (aquaplaning intelligent solution) che riduce il noto fenomeno dello slittamento sull’acqua. Cioé quando un veicolo in movimento “galleggia” su un esteso strato d’acqua sulla strada. Questo accade quando i suoi pneumatici non riescono a disperderla e si crea una sorta di “cuscino d’acqua” tra essi e il manto stradale. Compromettendo drasticamente la tenuta.

La società spiega che l’Ais è il primo sistema di sicurezza attivo al mondo a non agire direttamente sulla vettura, ma sugli elementi “a contorno”.

Una volta che il software installato rileva l’insorgere dell’aquaplaning, infatti, una iniezione intelligente di acqua rimuove quella in eccesso sull’asfalto, ripristinando immediatamente l’aderenza. Dunque, migliorando le prestazioni e la sicurezza della vettura.

Oggi Easyrain inserisce nella propria compagine aziendale un’autorevole figura dell’industry automotive italiana.

Ascolta qui la video intervista a Eugenio Razelli

Aquaplaning: in Easyrain un manager-chiave dell’automotive

«È un onore poter accogliere Eugenio Razelli in Easyrain. È una notizia che ci riempie di orgoglio e di responsabilità verso le sfide che ci attendono. Il suo ingresso consolida la nostra maturità, rappresentando una tappa fondamentale per la futura crescita», dichiara Giovanni Blandina, nominato recentemente Ceo della società di Rivoli (Torino).

Attualmente, Razelli è presidente del Consiglio di amministrazione di Safilo, industrial advisor del Fondo Strategico Italiano e vice presidente di Texa. Dal 2005 al 2015 ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato e direttore generale di Magneti Marelli.

«L’innovazione è sempre stata alla base dell’industria automotive. Connettività, elettrificazione, guida autonoma, digitalizzazione, sharing hanno contribuito ad accelerare il gradiente – commenta -. Easyrain si ripropone con una soluzione interessante nel campo della sicurezza preventiva in generale e nel miglioramento delle performance in campo sportivo: un’enorme opportunità di mercato».

Aquaplaning Easyrain: come funziona

Il dispositivo Easyrain è in grado di riconoscere l’aquaplaning e come detto, attraverso l’iniezione di un getto controllato di fluido davanti agli pneumatici, libera l’acqua in eccesso ristabilendo immediatamente l’aderenza sull’asfalto. Ad oggi A.I.S. è grado di garantire tutti gli standard del settore in modo da poter soddisfare l’installazione su qualsiasi tipo di veicolo. Incluse le vetture elettriche e i veicoli a guida autonoma.

Un business in evidente espansione, considerato lo sviluppo tecnologico delle macchine tra Adas e guida autonoma. Spinto più che altro da una missione: azzerare i numerosi incidenti stradali creati dal fenomeno.

Secondo l’European road safety observatory, nel corso del 2018 in Europa sono stati 2.418 i decessi a causa degli incidenti su strada avvenuti per pioggia, di cui 283 in Italia.

«La sicurezza è da sempre al centro dell’attività di Bosch engineering, impegnata nello sviluppo di servizi e soluzioni per una mobilità efficiente, sicura e connessa. Insieme a un’altra consociata del Gruppo Bosch, Vhit, supportiamo Easyrain nella fornitura e nello sviluppo di componenti prototipali e confermiamo l’impegno verso una mobilità a zero incidenti, con l’obiettivo non solo di semplificare la guida, ma soprattutto di salvare vite umane». Così Andrea Maffiotto, sales manager Bosch engineering Italia.

La collaborazione con il colosso tedesco consentirà a Easyrain di trasferire il know how accumulato durante gli anni di ricerca nello sviluppo di un prototipo Trl7. Si apre una nuova fase che da programmi durerà sino a metà del 2021 e porterà alla definizione di un prototipo di livello B integrato su un’Audi A6. Uno step propedeutico alla fase di industrializzazione dell’aquaplaning intelligent solution.

Approfondisci qui come funziona AIS.

Compensare le CO2 della flotta auto aziendale
Precedente

Compensare le CO2 della flotta auto aziendale: come calcolarlo

Panda Hybrid City Cross
Successivo

La nuova Panda Hybrid City Cross è anche a metano