Citroen C5 X

Citroen C5 X, il comfort da salotto dell’ammiraglia da 33.250 euro

Salire a bordo della Citroen C5 X significa fare un viaggio nel tempo come nell’auto del film “Ritorno al futuro”. Un film che ha fatto epoca proprio come le ammiraglie della casa francese.

Già, perché questa è un’auto che racconta la storia di un marchio che ha lanciato sul mercato vetture stilisticamente diverse e tecnologicamente all’avanguardia. Basti pensare alla DS o alla Pallas e a tutte le berline progettate per viaggiare estremamente comodi nelle lunghe e rettilinee strade francesi.

E la Citroen C5 X non fa eccezione.

Non solo perché segna il ritorno (alla grande) del brand – ora nell’orbita Stellantis – nel segmento D. Ossia quello delle ammiraglie, fiori all’occhiello di un’industria che nonostante la crisi degli ultimi due anni viaggia bene sulla strada del futuro.

Ma anche perché il ritorno contiene innegabili tocchi di modernità.

Sempre con l’attenzione al comfort, che per Citroen è quasi una ragion d’essere, come spiega Jean-Arthur Madelaine, responsabile del reparto Stile Interno della Casa.

«Per Citroën, il benessere è innanzitutto la sensazione di una guida fluida e regolare. Si esprime anche attraverso le forme, i volumi, i colori e i materiali utilizzati nell’abitacolo, che danno l’impressione di viaggiare in un ambiente protetto, come in un cocoon».

L’abitabilità “da salotto” della Citroen C5 X

Prima di parlare di prezzi e di motori, vale la pena soffermarsi sull’abitabilità della Citroen C5 X, al centro di tutte le fasi di progettazione.

Prima cosa: lo spazio, per i passeggeri anteriori e per quelli posteriori, con sedili regolabili anche dietro. E poi la comodità di queste sedute, con un’imbottitura ad alta densità e una spessa schiuma strutturata di 15 mm. Un comfort di seduta immediatamente percepibile anche grazie al comfort posturale e a molteplici regolazioni elettriche (longitudinale, lombare, dell’altezza e dell’inclinazione dello schienale) sia per il conducente che per il passeggero anteriore.

Il sedile del conducente è anche molto accogliente quando si sale a bordo perché si sposta automaticamente indietro per facilitare l’accesso e poi ritorna alla posizione di guida memorizzata. Possono anche essere riscaldati, ventilati e massaggianti.

In pratica: come essere a casa propria. Col vantaggio di essere in viaggio.

Gli stilisti francesi hanno decorato l’abitacolo con tocchi di colore nero lucido e cromo satinato. Tutte le aree di contatto sono morbide: dal cruscotto, alle fasce dei pannelli delle porte, dai bordi della console centrale, fino agli inserti e ai braccioli.

«Sia per gli spostamenti di lavoro che per i viaggi personali, tutto in C5 X è stato progettato per facilitare la vita a bordo e alleggerire il carico mentale del conducente e dei suoi passeggeri».

[Potrebbe interessarti anche l’articolo sulla Citroen C4]

La sensazione da “tappeto volante” dell’ammiraglia francese

Il comfort è dato anche dalle sospensioni Citroën Advanced Comfort, un’innovazione che filtra le imperfezioni del fondo stradale come piccoli ostacoli, buche, cordoli, dossi e altre asperità. Il risultato è una guida fluida che dà  l’impressione dell’effetto “tappeto volante”, tanto caro a Citroën.

Un “tappeto volante” con tanta luce naturale.

«La grande luminosità a bordo di C5 X permette di amplificare lo spazio rendendo l’atmosfera ancora più conviviale. Le superfici vetrate invitano a godersi il mondo esterno senza essere disturbati dai rumori grazie all’eccellente insonorizzazione dell’abitacolo».

A tal proposito, per aumentare il comfort a bordo è stata rivolta una particolare attenzione all’acustica.

In particolare con i vetri delle porte anteriori e posteriori stratificati, in modo da isolare dai rumori esterni. Viaggiando nella modalità a emissioni zero della versione ibrida plug in (fino a 55 km), il silenzio è ancora più evidente.

L’auto francese è disponibile in 6 tinte di carrozzeria tutte metallizzate o perlate e 4 diversi ambienti interni.

[Leggi anche della Citroen C5 Aircross]

Tecnologie e motori

Anche se la C5 X mantiene la filosofia e il comfort che hanno reso famoso il costruttore francese, non vuol dire che la tecnologia sia rimasta fuori. Anzi.

L’Extended Head Up Display, per esempio, visualizza tutte le informazioni utili nel campo visivo del conducente direttamente sul parabrezza. E lo fa in una superficie equivalente a quella di uno schermo da 21”, proiettato virtualmente a 4 m di distanza.

MyCitroën Drive Plus, una interfaccia dotata di Natural Voice Recognition. Il tutto abbinato a un touchpad HD da 12”, a quattro prese Usb di tipo C e alla ricarica wireless dello smartphone.

E poi ci sono gli Adas, che introducono i dispositivi di guida semi-autonoma di livello 2.

Per quanto riguarda i motori, Citroen vende la C5 X con 3 motorizzazioni: 2 a benzina e una ibrida plug in. Tutte con cambio automatico.

La versione ibrida plug in associa il motore benzina PureTech 180 S&S, il motore elettrico da 81,2 KW, il cambio automatico elettrificato ë-EAT8 e la batteria agli ioni di litio da 12,4 kWh

Ordinabile in Italia, la C5 X è già disponibile nei concessionari a un prezzo di ingresso di 33.250 euro per la versione a benzina. Con motorizzazione ibrida plug in a partire da 45.250 euro.

Generose le dimensioni: lunga 4.805 mm, larga 1.865 e alta 1.485 ha un bagagliaio di 545 litri.

Citroen C5 X