AutoGallerySguardo sul futuro

Cupra Formentor, aperta la lista d’attesa per il Suv sportivo

Lo scorso 6 luglio è iniziata una nuova era per Cupra: fatta di qualità, tecnologia e anima sportiva che deriva dalla sua storia racing. In questa occasione è partito anche il conto alla rovescia per l’arrivo del primo modello progettato specificamente per il brand: Cupra Formentor, l’auto che riprende il nome dal luogo simbolo dell’isola di Maiorca. Ad oggi già vettura ufficiale dell’FC Barcelona.

«Formentor, il primo modello nativo Cupra, rappresenta la chiave di volta nel nostro obiettivo di conquistare gli appassionati di auto in tutto il mondo. Dopo l’inaugurazione della sua nuova sede Cupra Garage e la presentazione della famiglia Cupra Leon, Formentor segna l’inizio di un percorso entusiasmante e diventerà un pilastro del marchio», ha commentato Wayne Griffiths, presidente del marchio di Seat.

In Italia, sono bastate meno di due settimane per segnare il sold out delle unità rese disponibili in pre-booking.

La piattaforma online per ordinarla, aperta lo scorso 8 luglio, rimarrà attiva fino al prossimo 16 agosto per completare la lista di attesa di interessati alla versione di lancio del modello.

Cupra Formentor: qualità di un Suv ad alte prestazioni

Cupra Formentor è stata studiata per esprimere appieno l’essenza del marchio e punta a posizionarsi nel crescente mercato dei Cuv (compact utility vehicle). Ossia di quei modelli che combinano i vantaggi di un’auto ad alte prestazioni con le qualità di un Suv.

Le misure: 4,45m di lunghezza, 1,84 di larghezza e 1,51 altezza.

Nella sua edizione di lancio, Formentor offre il propulsore top di gamma 2.0 Tsi (a benzina) con iniezione diretta e turbocompressore, per una potenza massima di 310 CV e una coppia di 400 Nm. E’ abbinato alla trazione integrale 4Drive e al cambio automatico Dsg a 7 rapporti.

Il colore scelto per la carrozzeria è petrol blue opaco: conferisce eleganza e personalità, evidenziata da cerchi in lega Machined exclusive da 19” (48 cm) in Sport black copper, che incorporano i freni Performance Brembo in tonalità rame.

Per esaltare l’anima racing del brand, ecco l’applicazione dello spoiler posteriore e l’estrattore con quattro terminali di scarico.

Il design esterno sportivo si combina alla modernità degli interni.

I sedili sportivi, avvolgenti ed elettrici, sono rivestiti in pelle. Nell’abitacolo tornano i dettagli in color rame a cui si aggiungono elementi in alluminio scuro spazzolato. Infine, il volante racing caratterizzato da pulsante di avviamento e dalla selezione della modalità di guida “Cupra”.

In tutto ciò risalta l’infotainment da 12” incastonato nella plancia, pronto ad offrire tecnologie di connettività e sicurezza.

Cupra: gli spagnoli con uno spirito strong

In futuro, Cupra Formentor proporrà una ricca gamma di motori e alimentazioni che contribuiranno a mantenere lo spirito fortemente sportivo del marchio.

Oltre la prima grande novità che sarà l’introduzione dell’alimentazione ibrida plug in, dunque, gli spagnoli continueranno ad affiancare i tradizionali motori termici alimentati a benzina e diesel, disponibili con vari livelli di potenza. Al momento ci sono 250 punti vendita specializzati nel mondo per toccare con mano i modelli in arrivo. Oltre alla Formentor, del resto, è in arrivo sul mercato anche Cupra Leon.

Sono passati due anni, da quando il marchio ha iniziato la sua strada indipendente da Seat.

Cupra ha chiuso il 2019 con una crescita del +72%, sfiorando le 25.000 unità. In occasione del secondo anniversario, ha inaugurato la nuova sede a Martorell (Barcellona), denominata Cupra Garage: un edificio di 2.400 m2 situato accanto all’headquarter di Seat. Dedicato al mondo racing, invece, Cupra racing factory, dove i tecnici hanno messo a punto la prima auto turismo da gara al 100% elettrica, la Cupra e-Racer.

Approfondisci qui sui progetti di Cupra e di Seat dopo la recente conferenza del top management.

pedaggi autostradali DKV
Precedente

Pedaggi autostradali: arriva in Italia il box di DKV

Danni da grandine
Successivo

Danni da grandine sotto controllo in 7 mosse