AutoServizi

Danni da grandine sotto controllo in 7 mosse

I danni da grandine sono in aumento col crescere delle precipitazioni. E le auto sono le prime a essere danneggiate. A conferma di questo ci sono i dati dell’European severe weather database, l’anagrafe europea sul maltempo, che indicano che dal 20 al 27 luglio scorso le grandinate sono state quasi 70. In tutta Italia.

I primi a subire tali danni da grandine sono parabrezza e carrozzeria. Per questo Carglass, azienda del gruppo Belron attiva nella riparazione e sostituzione dei cristalli per auto, dà alcuni consigli per non trovarsi impreparati.

Carglass: in aumento le ricalibrature Adas

I consigli Carglass per prevenire o rimediare ai danni da grandine

  • Controllare sempre le previsioni meteorologiche prima di spostarsi in auto
  • Eseguire periodicamente il check-up dei cristalli poiché un vetro intatto resiste meglio alla grandine
  • Alla guida, limitare la velocità, osservare la distanza di sicurezza e fermarsi alla prima piazzola di sosta o parcheggio disponibile. Meglio se coperto. Di solito l’attesa è breve perché i rovesci con grandine hanno una fase più intensa che dura al massimo mezz’ora
  • In caso di rottura del parabrezza, non entrare nel panico. Il vetro, infatti, è costituito da tre strati:  due esterni di vetro e uno centrale in Pvb (il polivinilbutirrale, un materiale plastico). Quest’ultimo, in caso di rottura del cristallo esterno, evita che esso si frantumi in piccoli pezzi o che abbandoni la sua sede
  • In caso di danni da grandine, la prima cosa da fare è controllare la propria polizza. E verificare quali tipi di garanzie accessorie sono state sottoscritte insieme all’RC Auto obbligatoria per legge. La polizza che copre i danni da grandine è definita “eventi atmosferici/eventi naturali”. Tutela anche in caso di danni subiti dal veicolo in altre situazioni eccezionali, come frane, valanghe e trombe d’aria. In alcuni casi, la polizza per gli eventi atmosferici integra la polizza cristalli per la riparazione/sostituzione. Questa aggiunge quindi la copertura per danni dovuti a eventi naturali a quella dovuta per danni involontari causati da terzi o accidentali
  • È saggio scattare delle foto o realizzare dei video. Ma anche raccogliere articoli di giornale o bollettini meteo per attestare l’evento grandinigeno e accelerare i tempi di perizia
  • Rivolgersi ad un riparatore di fiducia oppure contattare il proprio agente o la propria compagnia assicurativa/flotta. Questi provvederanno ad aprire la pratica e a indirizzare l’assicurato verso un riparatore

Da Carglass, unità di emergenza dedicata ai danneggiati

In caso di danni da grandine, i centri Carglass riparano sia i danni alla carrozzeria sia quelli ai vetri. Per quanto riguarda questi ultimi, la priorità è di riparare o sostituire nel più breve tempo possibile. L’azienda fornisce inoltre supporto immediato e prioritario agli agenti e ai loro clienti delle zone interessate da particolari ed intense grandinate. Per questo ci sono un numero e una piattaforma digitale dedicati.

Per ottimizzare e velocizzare i flussi, in queste aree vengono create delle vere e proprie unità di emergenza con orari prolungati. Nonché la presenza di squadre di tecnici e funzionari commerciali, per aumentare la capacità di accoglienza dei centri sul territorio.

Visita il sito Carglass

cupra formentor
Precedente

Cupra Formentor, aperta la lista d'attesa per il Suv sportivo

mercato auto luglio 2020
Successivo

Il mercato auto a luglio 2020: dati e forecast annuale