AutoEventiGreenServizi

DKV Card +Charge e altri strumenti per la ricarica elettrica (più carburante)

  

Nel corso del convegno MissionForum Talks, Michele Peruzzi, supplier country manager e-Mobility Italy di DKV Euro Service, ha illustrato le caratteristiche della DKV Card +Charge e delle altre soluzioni che il colosso tedesco mette a disposizione delle aziende. Per affrontare la transizione verso i carburanti alternativi, infatti, i fleet manager hanno dichiarato di avere bisogno di strumenti facili da usare e trasparenti.

Guarda la gallery fotografica di MissionForum Talks.

Accesso a 185 mila punti di ricarica con DKV Card +Charge

«Con i suoi 80 anni di esperienza, Dkv Euro Service ha messo a punto dei validi strumenti per supportare i propri clienti nella transizione verso le alimentazioni alternative – ha spiegato Michele Peruzzi -. Proponiamo, in particolare, la Dkv Card +Charge, che consente non solo l’approvvigionamento di carburante e l’accesso a numerosi servizi Dkv, ma anche la ricarica elettrica in più 66mila stazioni multimarca in 45 Paesi, per un totale di 185 mila punti di ricarica pubblicamente accessibili. Per individuare la colonnina più vicina basta consultare l’app gratuita eCharge+».

Christian Marcello

Le infrastrutture di ricarica Charge 4 Europe aumentano di numero. Approfondisci qui.

Trasparenza, anche nelle tariffe

Tra i principali motivi di preoccupazione dei fleet manager compare la scarsa trasparenza dei costi di ricarica. E Dkv sta investendo anche in questa direzione.

«Sul mercato vi sono una miriade di soggetti diversi, con politiche tariffarie differenti, come agli albori della telefonia mobile. Ritiene che si giungerà a un’armonizzazione? Dkv negozierà anche le tariffe?», ha domandato Christian Marcello, mobility manager di Ocme, azienda di Parma di progettazione e produzione di macchine per l’imballaggio.

Peruzzi: «Attualmente i player propongono gli schemi tariffari più disparati, dal pagamento orario, a consumo, alle tariffe flat, ai servizi che includono ricariche gratuite. Il mercato dell’elettrico attualmente è libero. Sta al cliente scegliere la soluzione più conveniente e agli operatori offrire tariffe facili e attraenti. Anche Dkv è impegnata nella negoziazione di tariffe di ricarica chiaramente comprensibili e accessibili con chi dispone di un’infrastruttura di ricarica sul suolo pubblico».

Tutti i costi in un’unica fattura e il report online

I costi di ricarica massimi correlati all’utilizzo dell’infrastruttura per la ricarica vengono visualizzati nella eCharge+ App.

Tutte le operazioni di rifornimento e di carica, inoltre, sono riportate in una fattura riepilogativa che Dkv consegna periodicamente alle aziende clienti. Infine, con l’eReporting possono visualizzare in qualsiasi momento tutte le transazioni online.

Ti può interessare un altro articolo di reportage dai MissionForum TALKS del 15 luglio sul tema della ricarica dei veicoli elettrici.

Yaris Cross
Precedente

Yaris Cross: il piccolo genio diventa SUV e incentiva la guida sostenibile

elettrificare la flotta
Successivo

Elettrificare la flotta, i consigli di Fleet Support da MissionForum Talks