Elenco accise benzina

Elenco accise benzina 2022, il governo rinnova lo sconto

Quali sono le accise che fanno sì che il prezzo della benzina sia così alto in Italia? Qui di seguito, un elenco che aiuta a capire il motivo per cui nel paese viaggiare su gomma sia così caro.

Prima di tutto: l’accisa è una imposta sulla fabbricazione e sulla vendita di prodotti di consumo. Come la benzina, il gasolio e il gas da autotrazione. Le accise sono presenti in tutto il mondo, anche se con modalità e percentuali che variano da paese a paese.

Nel caso dell’Italia, l’elenco delle accise sulla benzina 2022 sono il frutto di un accavallarsi di imposte che, a partire dagli Anni ’30, hanno colpito le tasche degli automobilisti. Oggi sono 19, anche se vale la pena ricordare che nel 1995 lo Stato inglobò molte di queste imposte in un’unica voce.

[Approfondisci sulle spese di carburante per le flotte]

Accise benzina e gasolio 2022

A livello complessivo, fino al 21 marzo 2022 le accise pesavano per circa il 55% del prezzo dei carburanti.

Calcolatrice alla mano, per ogni litro di benzina a 1,8 euro, circa un euro andava nelle casse dello Stato. Se fino agli Anni Sessanta le accise erano – teoricamente – utilizzate per migliorare la rete stradale e adeguarla al traffico crescente, oggi non è più così. E il ricavato entra direttamente nelle casse dello Stato.

Il Decreto legge numero 21 del 21 marzo 2022 ha modificato tale percentuale. Al punto che oggi è di 0,478 euro per ogni litro per quanto riguarda la benzina e di 0,367 per il gasolio che alimenta i motori diesel. Arrotondando e semplificando: quasi il 48% per la prima e quasi il 37% per il secondo.

Questa legge è stata aggiornata con il Decreto 2/05/2022, n.38 art. 1 comma 1, che ha stabilito che lo sconto alla pompa valga fino all’8 luglio 2022.

Un po’ meno pesante la mano dello Stato per quanto riguarda il Gpl: “solo” 0,182 euro ogni chilo di prodotto venduto.

AGGIORNAMENTO

Il Ministro dell’economia e delle finanze, Daniele Franco, e il Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, hanno firmato un nuovo Decreto Interministeriale che proroga fino al 5 ottobre 2022 le misure attualmente in vigore per ridurre il prezzo finale dei carburanti.

La proroga del taglio delle accise sui carburanti è di 30 centesimi al litro per benzina, diesel, gpl e metano per autotrazione.

Quante e quali sono le accise sui carburanti?

Queste le 16 voci che fanno parte dell’elenco delle accise sulla benzina e gasolio 2022. Le imposte si riferiscono a ogni litro di carburante:

  • 0,000981 euro per il finanziamento della guerra d’Etiopia del 1935-1936.
  • 0,00723 euro per il finanziamento della crisi di Suez del 1956.
  • 0,00516 euro per la ricostruzione dopo il disastro del Vajont del 1963.
  • 0,00516 euro per la ricostruzione dopo l’alluvione di Firenze del 1966.
  • 0,00516 euro per la ricostruzione dopo il terremoto del Belice del 1968.
  • 0,0511 euro per la ricostruzione dopo il terremoto del Friuli del 1976.
  • 0,0387 euro per la ricostruzione dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980.
  • 0,114 euro per il finanziamento della missione in Bosnia del 1996.
  • 0,02 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004.
  • 0,005 euro per l’acquisto di autobus ecologici nel 2005.
  • 0,0051 euro per far fronte al terremoto dell’Aquila del 2009.
  • 0,0071 euro per il finanziamento alla cultura nel 2011.
  • 0,04 euro per far fronte all’arrivo di immigrati dopo la crisi libica del 2011.
  • 0,0089 euro per far fronte all’alluvione che ha colpito Liguria e Toscana nel 2011.
  • 0,082 euro per il decreto “Salva Italia” del 2011.
  • 0,02 euro per la ricostruzione dopo il terremoto in Emilia del 2012.

[Leggi dei buoni carburante 2022 per i dipendenti di aziende private]

2 comments

Ma noi del veneto all’ora ci siamo già pagato di tasca nostra la ricostruzione del Polesine del 1951 visto che nel elenco non si trova più

Lascia un commento

*