futuro Fca Bank

Il futuro di FCA Bank: accordo con DR Automobiles

Il futuro di Fca Bank è scritto in Europa, come banca specialista dell’automotive aperta ad ampie collaborazioni con le Case e sui servizi finanziari per la mobilità. Senza abbandonare il noleggio a lungo termine con Leasys. L’accordo con DR Automobiles è il primo segnale del nuovo corso, che poggia su 24,8 miliardi di euro di portfolio (al 2021), 20 brand e la distribuzione attraverso 5mila concessionari multimarca nel Vecchio Continente.

«Siamo una realtà molto solida. Abbiamo una gamma di prodotti e servizi che va incontro a ogni esigenza dei fruitori di un’automobile, in un’ottica tecnologica e sempre più digitale», così Giacomo Carelli, Ceo e general manager di Fca Bank.

Di ieri la presentazione della partnership con il costruttore italiano, DR Automobiles. L’accordo si basa su soluzioni di finanziamento per l’acquisto dei Suv della casa molisana e di noleggio con Leasys.

Il futuro di Fca Bank

Nel corso del primo semestre 2023, Fca Bank verrà rilevata al 100% da Credit Agricole che attualmente condivide la quota al 50% con Stellantis.

Con questo passaggio, confluirà in Crédit Agricole anche Leasys Rent che si occupa di noleggi a corto-medio termine e sharing.

Invece, Leasys, che si occupa di noleggio a lungo termine, andrà a creare un soggetto paneuropeo della mobilità, controllato pariteticamente da Crédit Agricole e Stellantis, attraverso la fusione con Free2Move.

Carelli: «Con questa nuova composizione, Fca Bank espanderà il suo ruolo di finanziaria white label per diventare ancora di più una banca di relazioni europee. Con sede sempre a Torino. Inoltre, espanderà contratti con nuovi ed esistenti partner, comprendendo tutte le marche dell’automotive e altri dealer».

Il tutto in Europa, dove è già abituata ad interfacciarsi con nazioni di fiscalità e approci ai consumi anche profondamente differenti. Un know how ormai acquisito e prezioso alla luce delle trasformazioni che l’automotive e la sua distribuzione sta portando avanti. Non si dimentichi che la storia di Fca Bank è antica quanto quella dell’automobile: nasce nel 1925 con la prima finanziaria automotive che si chiamava Sava.

futuro Fca Bank
La stretta di mano tra Massimo Di Risio e Giacomo Carelli

L’accordo con DR Automobiles

Oggi si annuncia il primo passo della nuova rete di accordi.

La casualità vuole si tratti di una casa automobilistica tricolore che sta facendo molto bene nelle vendite. Infatti, DR Automobiles nel primo trimestre 2022 realizza un incremento del 191%. Carelli: «Vogliamo sottolineare l’impegno nell’automotive italiano attraverso soluzioni di finanziamento che lo rendano più accessibile».

Massimo Di Risio, fondatore e presidente di DR Automobiles Groupe, mette al centro il territorio dove nasce: «Siamo una storia italiana, di lavoro duro e costante, con forti legami nel Molise dove si realizza la creazione, mentre la produzione è in Cina.

Percorriamo strade abbandonate da altri, mettendo al centro del progetto i concessionari. Nel breve periodo non crediamo ad altre forme di distribuzione nell’automotive.

Cerchiamo di attuare un equilibrio tra esigenze di brand, distributori e clienti. Il core business deve rimanere la vendita di auto mentre i servizi aggiuntivi devono aggiungere redditività, non prendere il posto del business principale. Il nostro modello di vendita si basa su un prezzo fisso senza forti promozioni che confondono il mercato.

Oggi siamo in un momento particolare del percorso ed Fca Bank fa parte di quell’equilibrio che vogliamo attuare tra marca, stock dei dealer e con i clienti cui proponiamo soluzioni di finanziamento e noleggio interessanti».

Noleggio e acquisto dei Suv DR Automobiles con FCA Bank

DR Automobiles produce 5 Suv.

Si tratta del coupé DR 3, del family DR 4.0, l’urban DR 5.0, dell touring DR F35 e l’ultimo arrivato, il voyager DR 6.0. Per tutti il prezzo comprende sempre tutti gli optional.

I modelli entreranno presto a far parte della famiglia di Leasys Carcloud, il primo abbonamento B2C all’auto in Italia. Il pacchetto dedicato prevede un canone mensile di 399 euro, con tutto incluso. L’iscrizione una tantum costa 199 euro ed avviene su Amazon.

Da giugno 2022 sono già disponibili la DR 4 e la DR 5 a Gpl. Dopo l’estate tutti gli altri Suv verranno incluse nella stessa formula.

Per quanto riguarda i pacchetti finanziari per l’acquisto delle vetture, sono tre: DR Value fino a 60 mesi, DR Freedom senza penali all’estinzione e Easy DR per un piano di rateizzazione modulabile nel valore. Il vantaggio sui concorrenti è compreso in una forbice del 10-20% rispetto al prezzo di acquisto e del 20-30% per le rate. La simulazione si basa su un anticipo di 5mila euro e 72 tranche di pagamento.

ASCOLTA L’INTERVISTA A GIACOMO CARELLI