Nasce Leasys Carcloud, l’abbonamento per cambiare l’auto quando si vuole

Nasce Leasys Carcloud, l’abbonamento per la mobilità che stamattina la società di autonoleggio di Fca Bank ha presentato a Milano. La formula prevede che a fronte di un canone fisso mensile per 1500 Km inclusi, l’utente possa sempre utilizzare auto diverse nelle principali città italiane. Il contratto di noleggio non ha vincoli temporali, si rinnova ogni mese “ed è rivolto sia alle Pmi sia ai privati”, sottolinea il Ceo di Leasys, Alberto Grippo.

Leasys Carcloud

Alberto Grippo CEO Leasys

La vettura si ritira nel Leasys Mobility Store più comodo  – oggi sono 150 in Italia – , ma può essere consegnata a domicilio pagando un servizio aggiuntivo.

Leasys promette una gestione facile, digitale e “con zero burocrazia”. Ci si iscrive su Amazon con due fasce tariffarie: di 199 euro per il Carcloud 500 e 249 euro per Carcloud Renegade & Compass, per accedere poi a due pacchetti attualmente disponibili e intercambiabili fra loro. Essi comprendono 7 modelli di auto Fca.

  • Leasys CarCloud 500: a partire da 249 euro al mese, che comprende Fiat 500, la 500X che abbiamo provato a coverciano (Firenze), 500L, 500L Wagon, 500L Cross;
  • Invece, con CarCloud Renegade & Compass si parte da 349 euro al mese e comprende i modelli Jeep Renegade e Jeep Compass.
Leasys carcloud

Giacomo Carelli CEO FCA Bank

Leasys Carcloud, cosa comprende

L’abbonamento mensile comprende bollo, assicurazione kasko, garanzia, manutenzione, cambio pneumatici. Inoltre, permette l’acquisto di servizi aggiuntivi, ad esempio la kasko senza franchigie, il cambio pack e la seconda guida.

Il nuovo prodotto risponde ad alcune tendenze di consumo ormai diffuse in Italia, tra disownership, nel senso di spossesso dei beni di proprietà come l’auto, abbinata a un’altra che prevede la sottoscrizione di servizi da tradurre in “subscription economy” di cui Netflix per l’intrattenimento televisivo è l’esempio più in voga.

E’ stato Giacomo Carelli, Ceo di Fca Bank a illustrare stamattina questi trend, chiamando in causa anche l’economia circolare che induce a ripensare la produzione e la commercializzazione in un’ottica di sostenibilità economica ed ambientale.

“Leasys Carcloud nasce anche in preparazione alla rivoluzione elettrica che avverrà il prossimo anno – continua Carelli -, quando Jeep e Fiat lanceranno i modelli plug-in hybrid e midl hybridi e quando arriverà la nuova Fiat 500 elettrica, tanto attesa. Infatti, tutti i Mobility Store avranno colonnine di ricarica”.

Leasys Carcloud

Leasys, 120mila ordini aggiuntivi quest’anno

Leasys Carcloud è un’offerta del noleggiatore controllato da Fca Bank, attivo in 7 Paesi in Europa e gestore di una flotta di 260mila veicoli. “Negli ultimi tre anni ha registrato una crescita del 70% e prevede di riceverne almento 120mila nuovi entro la fine del 2019”, spiega una nota.

In Italia un quarto delle vetture noleggiate a lungo termine è stata immatricolata da Leasys nei primi 9 mesi dell’anno. “Il grado di soddisfazione da parte dei clienti è molto alto, con l’86% dei fleet manager e l’84% dei driver privati che si dichiarano pienamente soddisfatti”.

Nel 2021, Leasys prevede di espandersi in 13 mercati europei con una flotta complessiva di 450mila vetture. I già citati Mobility Store puntano a 400 punti fisici in Italia nel 2020, mentre nel 2021 saliranno a 1.200 in Europa per circa 35.000 veicoli noleggiati a breve e medio termine, o in abbonamento.

Tra le ultime innovazioni introdotte ricordiamo Noleggio Chiaro che permette di acquistare l’auto al termine conoscendo in anticipo il prezzo che si pagherà.

Anche l’offerta del gruppo Fca in ambito true fleet ha avviato diverse campagne di diversificazione per presidiare il mercato delle flotte aziendali (dichiara il 30% di market share), di cui vi abbiamo aggiornato qui su Business Revolution che poggiava sullo stesso concetto di una rata fissa per svariati modelli.

Würth Italia e la flotta aziendale
Precedente

Würth Italia e il ritorno al 20% della flotta a benzina

Mobility Monitor 2019 di Leaseplan
Successivo

Il 50% degli italiani acquisterà un EV nei prossimi 5 anni