ServiziSguardo sul futuro

Gestione flotta da parte di Masternaut: le nuove funzionalità di Connect

  

La gestione flotta da parte di Masternaut entra nella fase 2 e pensa al dopo Covid-19. L’azienda fa parte del gruppo Michelin e da oltre 20 anni è attiva nel settore automotive con soluzioni tecnologiche per fleet manager. Dalla sede italiana, a Milano, mette in campo progetti di connessione dei veicoli e dei servizi alle flotte. Ne parla Enrico della Torre, marketing manager Masternaut Italia, intervistato daMissionline.it

In che modo la tecnologia messa in campo da Masternaut aiuta i clienti nella fase 2 post Covid19?

«Siamo sicuri che questa situazione sensibilizzerà ancora di più le aziende e i loro utenti della flotta a lavorare in modo più sicuro, efficiente e green. La crisi che potrebbe verificarsi obbligherà i gestori a fare attenzione alla sicurezza del personale, migliorando le misure protettive.

Gestione flotta da parte di Masternaut

Enrico Della Torre

Oggi più che mai la sicurezza per veicoli e driver è fondamentale. La telematica satellitare, la geolocalizzazione e le analisi dei dati in tempo reale permettono ai mezzi di migliorare la manutenzione preventiva, prevenire situazioni di rischio, migliorare la sicurezza alla guida e il risparmio energetico con la riduzione delle emissioni inquinanti.

Ovviamente per il fleet management, Masternaut prevede soluzioni telematiche evolute. Per ottenere analisi sul parco auto, per l’ottimizzazione dello stile di guida anche al fine della riduzione dei consumi e delle emissioni CO2, infine per incrementare sicurezza saranno sempre di più fondamentali. Senza dimenticare l’obiettivo di ridurre i costi di viaggio e di mantenere la produttività ai massimi livelli.

In particolare, un servizio ad alto valore aggiunto che aiuterà le flotte è il programma Catalytix. Grazie al nostro team e ai dati raccolti dai dispositivi installati, ci permetterà di attivare studi di consulenza sull’utilizzo del parco veicolare. Questo per suggerire progetti concreti alle aziende. Ad esempio, sulle frequenze di utilizzo e sulla qualità dei consumi.

Abbiamo anche realizzato studi sulla possibile elettrificazione di un parco veicoli, analizzando il movimento delle vetture e le loro prestazioni. Ma misurando anche gli spostamenti verso le colonne di ricarica, per capire in quale percentuale e su quale parte di flotta passare all’elettrico».

Leggi qui di Pulse, la telematica plug in.

Gestione flotta da parte di Masternaut: le novità del 2020

«Ci concentreremo nel supportare i clienti. Per esempio con strumenti per comunicare con i clienti finali, con aggiornamenti in tempo reale sui progressi nello svolgimento dei servizi.

Dato che per noi la sicurezza del conducente è priorità assoluta, stiamo sviluppando un nuovo dispositivo di coaching in cabina che fornisce feedback sul comportamento del guidatore. Delle telecamere collegate aiuteranno anche a reagire più in fretta agli eventuali sinistri».

Leggi dell’acquisizione di Masternaut da parte di Michelin

Lanciato a giugno 2019, On Time ha preso piede in Italia?

«La gestione flotta da parte di Masternaut passa anche attraverso questo servizio. Che sta prendendo piede in tutte quelle attività dove, in presenza di sistemi di pianificazione, occorre uno strumento automatico di invio delle attività agli operatori sul territorio. Per farlo, occorre l’attento controllo live delle funzioni di On time».

Quante auto gestisce Masternaut e di quante aziende?

«Complessivamente, tutte le soluzioni Michelin collegano oggi 800.000 veicoli nel mondo, di cui 220.000 in Europa attraverso 10.000 clienti».

Quali novità nel breve periodo in termini di funzionalità?

«Nel breve periodo stiamo introducendo un nuovo layout della piattaforma Connect. Con un design che rende più facile accedere alle funzioni più utili agli utilizzi quotidiani. Abbiamo migliorato la navigazione e la consultazione dei viaggi, introdotto miglioramenti nel modulo per la manutenzione con un sistema di allerta per il gestore della flotta. Obiettivo: prendere misure per ridurre i costi e ottimizzare la riparazione delle auto. Abbiamo anche introdotto automatismi nella gestione di rimborsi chilometrici per l’utilizzo in azienda delle grey fleet. L’attività di tale flotta viene rimossa da Connect ad eccezione dei viaggi per ragioni di servizio e sottoposti a rimborso chilometrico».

Fleet management e telematica di bordo, quale scenario?

«ll mercato telematico europeo aumenta del 15% ogni anno. Nel 2019, Masternaut Connect è stata la piattaforma in più rapida crescita in Europa con un tasso del 20%.

Oltre alla tecnologia, nella telematica e in qualsiasi altra soluzione basata su SaaS (software as a service, ndr) è fondamentale avere clienti informati e addestrati. Che beneficino dei dati immediati offerti dai veicoli connessi, soprattutto che possano capirli e identificare opportunità per migliorare e crescere.

Offriamo assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, attraverso team di eccellenza dedicati. Abbiamo anche un portale per formare e aiutare i fleet manager a sfruttare al meglio la nostra tecnologia».

Leggi di Masternaut premiata ai MissionFleet Awards 2019

Nuova Mini elettrica
Precedente

Nuova Mini elettrica, dal 9 luglio al via le prenotazioni online

costi della flotta aziendale
Successivo

Costi della flotta aziendale: Targa Lite per il corretto addebito al driver