AutoStudi/Sondaggi

Immatricolazioni auto nella Ue, gennaio-maggio a -2,1%

Sono in calo nella Unione Europea le immatricolazioni auto. I dati resi noti da Acea, l’Associazione dei costruttori del Vecchio Continente, mostrano che nei primi 5 mesi del 2019 si è avuta una diminuzione del 2,1%, attenuata dall’appena sufficiente dato di maggio, che ha visto il settore cresere dello 0,1% dopo 8 mesi consecutivi con segno meno.

A mantere a galla il settore è stata la domanda nei paesi dell’Europa cenrale, dove a maggio le immatricolazioni di auto nuove sono salite del 6,2%.

Per contro, i 5 principali mercati dell’Europa Occidentale hanno mostrato segni altalenanti, dove la Spagna è scesa del 7,3%, il Regno Unito del 4,6 e l’Italia del’1,2. Forte crescita della Germania, con +9,1%, e leggero aumento in Francia che ha chiuso il quinto mese dell’anno a +1,2%.

Immatricolazioni Europa per costruttore: Alfa Romeo giù, Citroen su

Per quanto riguarda i primi 5 mesi, il -2,1% di cui si è detto ha portato le immatricolazioni a 6,7 milioni di unità. Con l’eccezione della Germania, tutti i primi mercati europei fino a questo momento sono in negativo.

Leggi i dati Acea sulle vendite di auto nuove nel 2018

Per quanto riguada i costruttori, i risultati sono notevolmente vari, in positivo e in negativo. Ma in questo caso rispecchiano eventuali attività di promozione o il lancio di nuovi modelli, che possono aver dato impulso alle vendite.

Così si passa dal -43,5% di Alfa Romeo (che però vola in Giappone con +11,4% nel primo “pentamestre” ma scende negli Usa con -26%) al +9,3% di Citroen, che ha pure incrementato dello 0,4% la sua quota di mercato nella Ue (leggi della Citroen C3 auto Europa 2018 per i gornalisti Uiga).

Approfondisci sulle previsioni di S&P sul mercato auto nel biennio 2019-2020.

Alcuni dati sulle immatricolazioni auto nella Unione Europea

Immatricolazioni Gen-Mag 2019      Variaz. su 2018

Francia                     935.000                  -0,05%
Germania              1.523.000                  +1,7%
Italia                        910.000                   -3,8%
Regno Unito         1.045.000                  -3,1%
Spagna                     561.000                  -5,1%

Per costruttore Gen-Mag ’19     Variaz. su ’18    Quota mercato 2018 e 2019

Volkswagen                                       745.000           -4,9%                                          11,4 e 11,1
Audi                                                   325.000           -5,6%                                             5 5 e 4,8
Peugeot                                              432.000           -1,1%                                            6,4 e 6,4
Citroen                                               292.000           +9,3%                                          3,9 e 4,3
Renault                                               455.000           -6,1%                                           7,1 e 6,8
Fiat                                                     313.000           -9,2%                                            5 e 4,7
Alfa Romeo                                          22.000           -43,5%                                         0,6 e 0,3
BMW                                                 335.000           +2,8%                                           4,7 e 5
Mercedes                                            362.000           +0,03%                                       5,3 e 5,4
Toyota                                                305.000           -0,7%                                           4,5 e 4,5
Nissan                                                176.000           -23,6%                                          3,4 e 2,6
Ford                                                   421.000            -8,1%                                            6,7 e 6,3
Hyundai                                           228.000            -1,8%                                             3,4 e 3,4

Immatricolazioni auto UE

Immatricolazioni auto UE

Snam e Bei
Precedente

Snam ottiene 25 milioni dalla Banca europea degli investimenti

Volkswagen Passat 2019
Successivo

Volkswagen Passat 2019, a settembre la nuova versione