AutoGreenStudi/Sondaggi

Mercato auto UE tra benzina, diesel, elettriche ed ibride nel 2020

Il mercato auto UE mostra una crescita nelle vendite di auto elettriche e di ibride plug in. E cresce anche la relativa quota, al punto che nel quarto trimestre 2020 il 16,5% delle nuove immatricolazioni era rappresentato da auto “ricaricabili” sia EV sia ibride alla spina.

I dati resi noti da Acea, l’associazione europea dei costruttori, mostrano anche che in tutto il 2020 ogni 100 auto vendute, 11,9% erano ibride. Contro il 5,7% del 2019. Percentuale simile per le elettriche, passate dal 3% delle nuove immatricolazioni del 2019 al 10,5% dello scorso anno. Su questo boom è inciso anche il crollo delle vendite complessive nella UE: a causa del Covid19 sono mancate all’appello circa 3 milioni di vetture. Soprattutto a benzina e a gasolio, la cui quota di mercato ha chiuso attorno al 75,5%.

E a proposito di motori termici, nell’ultimo trimestre del 2020 ci sono stati cali significativi. Se le vendite di auto elettriche e ibride salgono, quelle benzina e diesel sono scese del 23% negli ultimi 3 mesi dell’anno, fino a toccare le 730.837 unità. E quasi tutti i mercati hanno seguito questo declino.

Leggi della Juice Box di Enel X per ricaricare in azienda o a casa

Mercato auto UE, crollo di diesel e benzina

Il mercato auto UE mostra anche che la quota delle diesel è passata dal 30,5% del quarto trimestre 2019 al 25,4% dell’anno successivo. In tutto il 2020, il valore è rimasto al 28%.

Ancora peggiore il calo delle vetture a benzina (-33,7%), passando da 1,7 a 1,2 milioni di unità. Sempre nel periodo ottobre-dicembre. Questo si è tradotto in una drastica diminuzione, dal 56,6% al 40,6% in un anno. Considerando l’intero 2020, poco meno di un’auto su 2 (il il 47,5%) delle vetture vendute è a benzina. Solo gli irlandesi sono rimasti fedeli a questo tipo di alimentazione.

Parlando di mercato auto UE non si può sorvolare sulle vetture ad “alimentazione alternativa” o Apv (alternative powered vehicles). Che ormai più che alternativa sta diventando una costante. I dati: nell’ultimo trimestre 2019 si sono vendute 130.992 ricaricabili (quindi elettriche + ibride plug in) contro poco meno di mezzo milione 12 mesi dopo (+262,8%), sorpassando per la prima volta le full ibrid.

A giocare un ruolo importante gli incentivi dei vari governi, che hanno fatto sì che le vendite della elettriche pure (o Bev) siano aumentate del 216,9% e quelle delle plug in (o Phev) del 331%. Non è un caso che in Germania, dove gli ecoincentivi sono stati “generosi”, negli ultimi 3 mesi del 2020 le registrazioni delle Bev siano aumentate di 6 volte.

Raddoppiano le vendite delle auto ibride

Aumento anche per le ibride “normali” o Hev (hybrid electric vehicle): in questo caso, nei mesi ottobre-dicembre 2020 se ne sono vendute più del doppio rispetto a un anno prima: da 212.612 unità a 435.260. Con una percentuale del 15,1% nel mercato auto UE. Per la prima volta, nel 2020, nell’Unione è stato superato il milione di vendite sia delle Hev sia delle Apv.

C’è poi un mercato più ridotto delle auto a combustili alternativi.

Calcolate insieme, le vendite europee di quelle a etanolo, a Lpg e a gas naturale nel 4° trimestre sono aumentate del 19,6%, grazie soprattutto alle vetture a Lpg. Nel complesso le Apv, considerate nel loro insieme, nel 4° trimestre rappresentano il 34% del mercato auto UE, con quasi 1 milione di nuove immatricolazioni (+143,9% sul 2019). Unica eccezione: Cipro.

Boom, invece, per Germania (+236,6%), Francia (+156,7%) e Italia (+108,9%).

Le auto elettriche a noleggio conquistano fette di mercato

Mercato auto UE

Roberto Moneda in Texa
Precedente

Roberto Moneda in Texa alla guida della telemobility business unit

novità di BMW nel 2021
Successivo

Le novità di Bmw nel 2021 tra nuove tecnologie e motori "muscolosi"