AutoGreenServiziSguardo sul futuro

La prima volta full hybrid della nuova Clio, concentrato hi-tech

Che la nuova Clio 2019 sarà anche ibrida ve lo avevamo già raccontato qui, oggi abbiamo avuto il piacere di provarla in un impareggiabile scenario sulle colline toscane. Protagonisti sono stati l’Abbazia di San Galgano che custodisce la spada nella roccia, il Teatro del Silenzio di Lajatico nel Pisano – terra natìa di Andrea Bocelli che qui tiene ogni anno un celebre evento d’estate, colmando con il bel canto l’incanto della valle -, infine il Podere La Chiesa nella valle Casanova, splendido esempio di architettura di design che si sposa alla viticoltura biologica in terra di etrusca memoria.

Tre luoghi d’indubbio impatto emozionale per raccontare un’auto che per Renault significa “la più venduta di sempre” e di successo nelle flotte aziendali nel segmento di appartenenza, cioè quello B delle utilitarie con lunghezza massima di 4 metri.

L’attenzione della nuova versione è tutta per la motorizzazione che arriva sul mercato nel primo semestre dell’anno prossimo. Sarà la prima full hybrid della gamma Renault. E ancora, per l’elevato livello di connettività.

Nuova Clio 2019, hybrid experience

La nuova Clio 2019 è equipaggiata con un motore 1.6 sviluppato dall’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi, completato da 2 motori elettrici e da una batteria da 1,2Kw. “Un vero mix di innovazioni che consentirà una riduzione dei consumi in città fino al 40%, percorrendo fino all’80% del percorso urbano in modalità elettrica con un grande risparmio di consumi ed emissioni, nel pieno rispetto dell’ambiente”, spiega la Casa.

Il nuovo sistema ibrido, che poggia su test in Formula 1, prende il nome di E-Tech.

nuova clio 2019

Più connessa con Easy link

Con uno schermo ‘gigante’ da 9,3 pollici, la nuova Clio 2019 espande le funzionalità per connettersi grazie a Easy Link. Comandi semplici, compatibilità con Android e con Apple per connettere i propri smartphone, si aggiorna automaticamente con la tecnologia Over The Air: tutto questo è Easy Link. Che si può vedere sia sul display davanti al driver sia nel video multimediale al centro del cruscotto, il più grande attualmente in produzione. La connessione dati 4G inclusa vi permette di usufruire di numerosi servizi a bordo, tra i quali Google Search, i servizi TomTom, l’allerta meteo e altro ancora.

Livello 2 della guida autonoma: ecco cosa c’è a bordo

La nostra “3 mobility experience” – così Renault ha chiamato il test drive toscano di venerdì scorso – ha avuto un momento dedicato alla guida autonoma. La nuova Clio 2019 porta con sé le funzionalità di Livello 2. Frena e accelera da sola da 0 a 170 km/h, perciò nel traffico urbano permette una guida rilassata. Non manca l’ormai diffuso Lane Keep Assist, cioè l’assistenza al mantenimento della corsia. Esso ci mantiene al centro della carreggiata, anche su tratti con curve. Il controllo adattivo della velocità tiene la corretta distanza dal veicolo che la precede. Non manca lo Stop & Go, ovvero la frenata con ripartenza automatica.

Sul design di un restyling che non ha voluto, per scelta, modficare troppo linee già largamente apprezzate dal mercato vi abbiamo descritto in questo articolo sul nostro magazine cartaceo, cui vi rimandiamo per l’approfondimento.

Pneumatici Michelin
Precedente

Pneumatici Michelin, l'innovazione è senz'aria dal 2024

geotab
Successivo

L’IoT dell’automotive fa breccia in Italia, Geotab apre a Roma