AutoGreen

Nuova Renault Clio 2019: ora anche ibrida e connessa

“Io? Clio” recitava a inizio anni Novanta una pubblicità della city car francese, che allora iniziava a entrare nel cuore e nei garage degli automobilisti europei.

Oggi, a 29 anni di distanza dal primo lancio ufficiale e dopo 15 milioni di unità vendute, ecco la quinta versione della Renault Clio 2019 che punta a far rimanere il modello in testa alle preferenze di qualunque altra vettura della casa transalpina.

Dopo essere stata presentata al Salone di Ginevra lo scorso marzo, la city car francese è pronta a scendere in strada, con alcune variazioni rispetto alla versione numero 4, che ha permesso a Renault di raggiungere record su record. Prima di tutto: i sistemi di sicurezza di serie su Nuova Clio 2019.

Sono elementi importanti, frutto della ricerca della casa transalpina, che ha incluso la frenata di emergenza attiva con riconoscimento pedoni e ciclisti, l’avviso di  distanza di sicurezza e il riconoscimento dei segnali stradali, che le hanno permesso di conquistare le 5 stelle Euro NCAP.

Leggi: Anche i Carabinieri hanno scelto la Clio

Renault Clio 2019: il meglio delle precedenti 4 versioni. Con la mano di van den Acker

Dopo il successo della versione precedente, anche la nuova Clio è stata creata dalla mano del direttore del design industriale del Gruppo Renault, Laurens van den Acker che ha reso l’auto una utilitaria con le caratteristiche di una sorella di segmento superiore. Ad esempio, la Mègane o la Espace, caratteristica questa presente nella primissima versione.

Dalla seconda versione ha ripreso gli standard di abitabilità e comfort, dalla Clio III ha preso il fatto di essere un “paradigma in termini di qualità percepita” come recita una nota Renault. Dalla “4a puntata” ha ripreso il design incisivo che ha ispirato l’intera gamma Renault.

Leggi dei 25 anni della Clio

La prima cosa che salta all’occhio è il cofano, con i fari a led che permettono all’occhio di chi guida di vedere più in profondità.

Rivisto anche il “lato B” oltre che gli interni, che sono stati rivoluzionati.

L’abitacolo completamente ridisegnato si ispira ai segmenti superiori, sia in termini di qualità percepita che di tecnologie disponibili, destinate a facilitare l’utilizzo e la vita quotidiana di ogni utilizzatore, lontani anni luce dalla storica Renault 5 che la Clio andò a sostituire nel 1991.

“La quinta generazione di Clio è molto importante per noi perché quest’auto è il best-seller del segmento, il secondo modello più venduto in Europa, senza distinzione di categoria” spiega Laurens van den Acker.

“È un’icona, l’ultimo atto di una saga che adotta il meglio delle generazioni precedenti. Il design esterno di Clio IV ha profondamente sedotto i nostri clienti e continua a sedurli ancora oggi. Abbiamo quindi scelto di preservarne il DNA conferendole, parallelamente, maggiore modernità ed eleganza. Gli interni hanno subito una vera e propria rivoluzione, con un significativo miglioramento della qualità percepita, maggiore raffinatezza e una forte presenza tecnologica. È la migliore delle Clio”.

Autonoma, connessa e ibrida. E una dieta dimagrante

La nuova nata di casa Renault pesa 50 kg in meno rispetto alla precedente, frutto di una lungheza inferiore di 1,2 cm e di materiali più leggeri e di una carrozzzeria ribassata anche di 8 mm.

Ma quello che conta è che la nuova Renault Clio 2019 è la punta di diamante del piano strategico « Drive the Future (2017-2022)» presentato nell’autunno 2017.

Tre aggettivi che definiscono la quinta generazione dell’auto

  • Autonoma: entro il 2022, il Gruppo Renault commercializzerà 15 modelli dotati di tecnologie di guida autonoma. Questo nuovo modello sarà pioniere nella diffusione dei dispositivi di assistenza che portano alla guida autonoma su una city car.
  • Connessa: nello stesso periodo, tutti i veicoli proposti nei mercati chiave dell’azienda saranno connessi. Anche Nuova Clio lo è, grazie al nuovo sistema multimediale connesso Easy Link.
  • Ibrida: entro il 2022, nella sua gamma il Gruppo proporrà 12 modelli elettrificati. La nuova Clio sarà la prima, con la motorizzazione ibrida E-TECH, basata su una tecnologia sviluppata da Renault.

Nuova Clio è al centro della strategia tesa a rafforzare le sinergie nell’ambito dell’Alleanza asiatica. Quest’ultima prevede lo sviluppo di tecnologie comuni e l’utilizzo di nuove piattaforme, tra cui la piattaforma CMF-B.

ll modello inaugura questa piattaforma grazie alla sua nuova architettura elettrica ed elettronica, che le consente di integrare i più recenti sviluppi tecnologici per soddisfare le nuove esigenze del mercato.

Anche a pagina 34 di MissionFleet l’articolo su “Clio Numero Cinque” a firma di Monica Secondino.

"<yoastmark

abarth al valentino
Precedente

Abarth al Valentino per un weekend di gloria automotive

S&P analisi automotive Europa
Successivo

S&P analisi automotive Europa: due anni di passione