AutoGallery

Nuovo Peugeot 5008: il Suv a 7 posti da gennaio in concessionaria

Con il nuovo Peugeot 5008, la Casa del leone non vuole perdere terreno. E lo mostra con il restyling di metà vita che premia la sicurezza. Da gennaio in concessionaria – ma già ordinabile con prezzi a partire da 31.750 euro -, il maxi Suv rinfresca il look e la sua dose hi-tech. Obiettivo: continuare a stare sul podio delle vendite, conquistato nel giro di pochi anni. Nel mondo sono stati consegnati oltre 300.000 esemplari di cui 15.000 in Italia.

Così Peugeot 5008 si è affermato quest’anno come il 7 posti più venduto da noi.

Una conferma di gradimento per comfort e praticità, sopratutto da chi lo utilizza per lavoro. Ben 2.056 nel solo mercato true fleets nell’anno solare fino al 31 agosto, secondo le statistiche delle immatricolazioni. Pari al 4,7% del canale delle flotte aziendali.

Nuovo Peugeot 5008: come cambia

Come cambia 5008? Si parte da un nuovo make up del frontale. Questa volta la mascherina è senza cornice e i dettagli a scacchiera si espandono fino ai fari a Led, ora dal nuovo disegno, impreziositi dalla firma ad artiglio. Al posteriore i gruppi ottici sono diventati full Led 3d e hanno gli indicatori di direzione a scorrimento.

Passi avanti anche sul fronte della sicurezza.

Disponibili per tutte le motorizzazioni, ora ci sono gli Adas di ultima generazione, come l’Adaptive cruise control con Lane positioning assist, per una guida semi-autonoma di secondo livello. In anteprima per il segmento il Night vision, il nuovo Peugeot 5008 porta un sistema che consente in notturna una visione a infrarossi sul quadro strumenti. Missione: mettere in salvo pedoni e animali di altezza superiore a 50 centimetri, intercettati in un raggio di rilevamento che va dai 15 metri ai 200, anche con velocità fino i 160 km/h (dove è possibile). La frenata automatica agisce fino a 140 km/h. Ampliato anche il riconoscimento dei segnali.

Innovativa la telecamera Visiopark 1 per la visione posteriore.

Fornisce una panoramica della zona dietro al veicolo e mostra anche la traiettoria del veicolo in funzione dell’angolo di sterzo e gli indicatori della distanza con gli ostacoli vicini. I sensori di assistenza al parcheggio vanno ad aggiungersi alle informazioni nella vista dall’alto, con un’immagine riprodotta in tempo reale dell’ambiente circostante, consentendo una visione a 360°.

Il Park assist nell’opzione Visiopark 2 rileva anche i parcheggi perfettamente adatti alle dimensioni dell’auto, semplicemente passandoci davanti ad una velocità fino a 30 km/h. Per iniziare la manovra, l’automobilista deve solo indicare sul touch screen centrale se desidera parcheggiare in parallelo o in perpendicolare.

Approfondisci sui protocolli Wltp e Nedc (in dismissione) per misurare le emissioni, spiegati dalla Casa del leone.

Inizia la transazione energetica per Peugeot

Ma non è tutto. Evolve il quadro strumenti digitale, rispetto all’i-Cockpit della scorsa generazione: migliora la visione e ora lo schermo arrivare fino a 10’’ HD.  Si tratta delle ultime innovazioni del marchio applicate al modello, in procinto di avviare il suo processo di transizione energetica, così come sta avvenendo per gli altri.

«Il brand Peugeot è nel pieno della sua transizione energetica – commentano dalla Casa -. La tecnologia 100% elettrica e plug in hybrid rappresentano il massimo oggi disponibile sul mercato e trovano massima espressione sulle nuove Peugeot e-208 e Suv e-2008 per quanto riguarda il full electric così come sul Suv Peugeot 3008 e l’ammiraglia 508 per quanto riguarda la tecnologia ibrida ricaricabile».

La strategia, ad oggi, è quella di continuare a rimanere leader nel segmento tra i brand europei, allargando un’offerta sempre più green. Questa parte da Peugeot 3008 – a listino si trovano le versioni Hybrid 225 e-Eat8 e la Hybrid4 300 e-Eat8 – e arriverà al maxi Suv, amato dai professionisti per tanti motivi.

Il bagagliaio di Peugeot 5008

Il successo di 5008 è per lo più dovuto allo spazio interno. Con dimensioni esterne ancora gestibili, grazie ad una lunghezza contenuta in 4,64 metri.

Il piatto forte è la flessibilità dell’abitacolo con cui gestire i 7 posti di serie. La seconda fila ha 3 poltroncine separate, che possono scorrere ed essere regolate singolarmente in modo da modulare il bagagliaio che offre da 702 a 780 litri, se si viaggia in 5. In due passeggeri si arriva ad avere ben 1.864 litri a disposizione, che diventano 1.920 se, invece di reclinarli semplicemente, i due sedili della terza fila si asportano.

Infine, abbassando il sedile anteriore, si possono ospitare oggetti lunghi fino a 3,2 metri.

Il modello manca di trazione integrale, il che può essere un vantaggio per i consumi, se non si è soliti andare sugli sterrati. Ad ogni modo per le versioni con il cambio automatico è di serie la selezione della modalità di guida (normal, sport o eco) e si può aggiungere l’Hill descent control, che aiuta ad affrontare le discese ripide e scivolose. Ciò grazie all’Advanced grip control ovvero il sistema che permette di adattare il controllo di trazione a 4 tipi di fondo: normal, neve, fango e sabbia.

Motori e allestimenti corporate

Il listino offre motori termici a 3 e 4 cilindri benzina e diesel: l’1.6 a benzina e il 2 litri diesel hanno entrambi cambio automatico a 8 rapporti di serie. A richiesta invece sul 3 cilindri l’1.2 benzina da 130 CV e l’1.5 da 130 CV diesel.

Sono possibili 3 livelli di allestimento, ciascuno dei quali si può unire ad un «pack» specifico. All’Active, Allure e GT si aggiungono quindi l’Active pack, l’Allure pack ed il GT pack.

Non manca l’allestimento Active business dedicato alla clientela corporate.

Vedi qui il nuovo Suv a 7 posti di serie.

Opel Crossland
Precedente

Opel Crossland in arrivo a inizio 2021. Ecco le caratteristiche

Parcheggio autonomo
Successivo

Parcheggio autonomo all'aeroporto di Stoccarda