AutoGreen

La nuova Panda Hybrid City Cross è anche a metano

La nuova Panda Hybrid City Cross è anche a metano. Obiettivo semplice quanto ovvio: ridure i consumi di carburante e le spese di gestione di un’auto già di per sé “risparmiosa”.

In questa trasformazione c’è la mano di Ecomotive Solutions e Autogas Italia – aziende del gruppo Holdim – che hanno reso ancor più “green” la city car di Fca, già di suo parsimoniosa nei consumi. E il motore 3 cilindri di 999 CC con 69 CV di potenza ha mantenuto pressoché inalterate le caratteristiche che il cambio a 6 marce consente anche durante la “fase hybrid”.

Quest’ultima, ottenuta tramite il motogeneratore elettrico da 5 CV alimentato da una piccola batteria collocata sotto il sedile del conducente, si ricarica durante i rallentamenti. Al di sotto dei 30 km/h è possibile far spegnere il motore termico e far far funzionare la nuova Panda Hybrid City Cross in modalità elettrica.

Leggi di più sulla 500 e sulla Panda ibride

Nuova Panda Hybrid City Cross, i risultati dei test su strada

I test su strada hanno valutato prestazioni e consumi sia in funzionamento a benzina che a metano.

Si sono svolti su un percorso di 123 KM, per il 46% autostrada, 44% extraurbano e 10% cittadino tra le provincie di Alessandria e Asti. Sono stati effettuati test su dislivelli variabili da 116 a 305 m di altitudine. Il tutto ripetuto in successione prima a benzina e poi a metano.

Al termine, i risultati hanno confermato l’efficienza della trasformazione a metano della nuova Panda Hybrid City Cross.

Dal punto di vista economico, i risparmi rispetto alla marcia con la benzina sono superiori al 60%. Mentre il risparmio in termini di emissioni di anidride carbonica possono essere ridotti di oltre il 45%.

In altre parole, il consumo di benzina è risultato essere di 18,7 KM con 1 litro e una spesa di circa 9 euro, mentre il consumo di metano è stato di 37 KM con 1 KG, con una spesa di 3,25 euro. Del resto i prezzi presi a riferimento sono stati di 1,385 per un litro di benzina e di 0,985 per un KG di metano.

Scopri le auto a metano più vendute del 2020

La Panda è ibrida a metano, benzina ed elettrico

Panda Hybrid City CrossIl kit di conversione metano di Autogas Italia interagisce con il sistema Obd del veicolo al fine di mantenere una corretta carburazione.

La commutazione da un carburante all’altro può essere gestita in autonomia dal sistema elettronico oppure manualmente dal conducente tramite un selettore posto sul cruscotto. Da qui, è possibile sapere quanto metano c’è nei serbatoi.

E’ anche disponibile una versione del commutatore di nuova generazione, che permette di visualizzare su un display tali informazioni.

La presa di carica per rifornire il metano ai serbatoi è collocata all’interno del vano che ospita già il bocchettone per il rifornimento della benzina.

Sulla Nuova Panda Hybrid City Cross sono stati installati 2 serbatoi da 24 litri ciascuno, collocati nel bagagliaio.

«La carica dei due serbatoi – spiegano Ecomotive Solutione e Autogas Italia – può variare dai 7 ai 7,7 KG di metano (dipende dalla tipologia di distributore che rifornisce) per una autonomia variabile dai 260 ai 300 KM che riteniamo essere sufficiente per questo tipo di city car».

L’installazione dei serbatoi di metano richiede la rimozione della ruota di scorta. Per riposizionarla, i tecnici hanno progettato un sistema di fissaggio esterno che permette di ricollocarla sotto la scocca nella parte posteriore della vettura. In alternativa è possibile tenere a bordo un piccolo kit compressore/riparazione per le emergenze in caso di forature.

Panda Hybrid City Cross

aquaplaning
Precedente

Aquaplaning: Easyrain accelera con Eugenio Razelli, Bosch e Italdesign

Chiavi digitali
Successivo

Con le chiavi digitali per il car sharing e le flotte aziendali si gestisce la carica delle batterie