Rinnovo della patente

Rinnovo della patente 2023: costi, documenti e scadenze

Cose da sapere in vista della scadenza del proprio documento di guida, che dal 2012 scade per tutti nel giorno del compleanno

Fleet manager e singoli driver devono ricordarsi del rinnovo della patente di guida. Un’incombenza che accompagna i cittadini per quasi tutta la vita e che è sottoposta a precise e ferree regole, come peraltro ricorda il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Le regole e le scadenze, è bene ricordarlo, variano in base alla categoria posseduta e dall’età del conducente. Per molto è poco più di una formalità, dato che consiste prevalentemente in una visita per l’accertamento dei requisiti fisici e psichici di idoneità alla guida.

Tale visita va fatta da parte di medici abilitati in base a norme precise. In occasione della visita occorre allegare i seguenti documenti.

  • Ricevuta di pagamento della visita medica con costi e modalità diverse a seconda della struttura medica e della categoria di patente da rinnovare.
  • Una foto recente formato tessera.
  • Ricevuta di pagamento di un bollettino PagoPA per la tariffa N004-Diritti 10,20 euro, 16 euro per il bollo.

Guida ai pagamenti delle pratiche di motorizzazione tramite PagoPA

La legge prevede tariffe diverse per il rinnovo della patente in Sicilia, Val’Aosta, nelle 2 province del Trentino Alto Adige e in Friuli Venezia Giulia.

Rinnovo della patente: quando scade e dove farlo

Il rinnovo delle patenti A e B, ossia quelle per guidare motoveicoli e auto, segue queste inderogabili scadenze.

  • Ogni 10 anni fino al compimento dei 50 anni
  • Ogni 5 anni fino al compimento dei 70 anni
  • Ogni 3 anni fino al compimento degli 80 anni
  • Ogni 2 anni dopo il compimento degli 80 anni

Per ottemperare ci si pò recare in un’agenzia di scuola guida, in un’agenzia di pratiche auto, in una sede ACI, nelle strutture territoriali di RFI (Ferrovie dello Stato) o rivolgendosi all’Asl locale.

Una volta fatta la visita, chi ha condotto la visita trasmette al Ministero in via telematica il certificato medico, la foto, la firma del patentato e le prove dei versamenti.

Se la visita ha esito positivo, il medico consegna brevi manu all’interessato una ricevuta che è valida esclusivamente per guidare in Italia e fino al ricevimento della nuova patente. L’invio di quest’ultima avverrà per posta assicurata con spese a carico del destinatario da pagare al postino che effettua la consegna.

In caso di mancata ricezione entro 15 giorni dal superamento della visita, si possono contattare dei numeri verdi cui chiedere informazioni.

  • 800-979416 di Poste italiane, disponibile ininterrottamente 7 giorni su 7, con risponditore automatico, per informazioni di dettaglio riguardanti la spedizione.
  • 800-232323 del Ministero, disponibile dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20, e il sabato dalle 8 alle 14, con un operatore, per conoscere il numero dell’assicurata con la quale è stata spedita la patente.
  • email del Ministero uco.dgmot@mit.gov.it. Nell’email occorre specificare le proprie generalità, numero della patente e data della visita medica. Bisogna poi allegare la copia della ricevuta della visita e indicare un eventuale indirizzo di recapito alternativo.

Scadenza delle patenti speciali

Il rinnovo della patente di guida per le categorie speciali  o per altri tipi segue scadenze diverse. Le patentispeciali AMS, A1S, A2S, AS, B1S, BS devono essere rinnovate sempre in commissione medica locale. Ogni 5 anni fino a 70 anni di età e successivamente con scadenze regolari.

Le patenti C1, C1E, C, CE devono essere rinnovate

  • ogni 5 anni fino al compimento dei 65 anni
  • ogni 2 anni dopo il compimento dei 65 anni

Dopo i 65 anni la visita di conferma di validità deve essere effettuata in una commissione medica locale.

Dopo i 65 anni e fino ai 68 anni per condurre con la patente CE autotreni e autoarticolati di massa complessiva a pieno carico maggiore di 20 t occorre uno specifico attestato da conseguire ogni anno a seguito di una visita specialistica in commissione medica locale. Dopo i 68 anni non si possono più guidare questi veicoli.

Le corrispondenti patenti speciali C1S, CS devono essere rinnovate sempre in commissione medica locale e seguono le scadenze regolari.

[Scopri come fare in caso di smarrimento della patente]

Scadenze e rinnovo della patente D

Le patenti D1, D1E, D, DE abilitano alla guida di autoveicoli per trasporto di persone con numero di posti superiori a 9 compreso quello del conducente (autobus). Ma solo in uso proprio. La legge prevede che debbano essere rinnovate

  • ogni 5 anni fino al compimento dei 70 anni
  • ogni 3 anni fino al compimento degli 80 anni
  • ogni 2 anni dopo il compimento degli 80 anni

Dopo i 60 anni di età le patenti D1 o D consentono di guidare solo i veicoli previsti con la patente B, mentre le patenti D1E e DE abilitano alla guida solo dei veicoli per i quali è richiesta la patente BE.

Dopo i 60 anni e fino ai 68 anni per condurre con la patente D1, D1E, D e DE autobus, autocarri, autotreni, autosnodati e autoarticolati adibiti al trasporto di persone occorre uno specifico attestato da conseguire ogni anno a seguito di una visita specialistica in Commissione medica locale. Dopo i 68 anni non si possono più guidare questi veicoli.

Dopo i 65 anni chi è in possesso di patente D o DE conseguita entro il 30/9/2004, che consente la guida dei veicoli abilitati, rispettivamente, dalla patente C e CE, per poter continuare a condurre questi mezzi deve rispettare le regole di rinnovo previste per le patenti C e CE.

Le corrispondenti patenti speciali D1S, DS devono essere rinnovate sempre in Commissione medica locale e seguono le scadenze regolari.

Data di scadenza della patente di guida

Le patenti “più comuni” – ossia le AM, A1, A2, A, B1, B e BE, con durata non limitata, scadono nel giorno e mese del compleanno del titolare.

Questa disposizione non si applica alle altri patenti.

Lascia un commento

*