Servizi

Con Wash Out l’igienizzazione delle flotte auto diventa automatica 

  

Controllata del Gruppo Telepass, Wash Out non si ferma al lavaggio a domicilio dell’auto. In periodo di pandemia la risposta alla nuova frontiera della pulizia delle flotte è lo “Smart Cube’”: tool in grado di diffondere automaticamente nel veicolo un prodotto igienizzante, non tossico ed efficace contro virus, batteri e microbi.

«Siamo fieri di poter offrire una modalità di igienizzazione dei veicoli innovativa ed efficiente, anche sotto il punto di vista della gestione dei costi, dunque supportare le imprese e la pubblica amministrazione a fronteggiare la pandemia garantendo un servizio sicuro», commenta Christian Padovan, Ceo e Co-founder di Wash Out.

Continua: «L’innovazione è un driver imprescindibile della nostra attività: allo sviluppo tecnologico di Smart Cube ha lavorato un team dedicato di quindici professionisti. Continueremo ad impegnarci per ampliare la nostra offerta sia nella gamma di servizi disponibili sia nelle modalità di erogazione».

Smart Cube: uno strumento semplice

Wash Out aveva già lanciato il servizio di igienizzazione delle flotte a domicilio, in risposta alle limitazioni imposte dal Coronavirus.

Specialmente le imprese si sono rivolte ai “washer” professionisti. Avendo individuato il servizio come valida soluzione per limitare i contagi, considerata la varietà di utilizzatori delle flotte aziendali.

Come vi abbiamo già riportato su queste colonne, l’idea ha riscontrato successo, con 12.000 interventi richiesti nel corso dell’ultimo anno. Di qui la nascita di “Smart Cube”: per rispondere alle immediate necessità sanitarie delle aziende, garantendo efficacia, autonomia e riduzione di costi e tempo, ottimizzando i processi.

Wash Out e l’igienizzazione delle flotte

Lo strumento automatico viene installato nell’abitacolo e si attiva quando il conducente termina l’utilizzo e chiude il veicolo, diffondendo il prodotto disinfettante.

Inizia così un ciclo di nebulizzazione di pochi minuti in grado di purificare l’ambiente, le superfici di contatto e dell’impianto di aria condizionata. Una soluzione  in grado di attivarsi anche da remoto, per rendere la vita più semplice ai fleet manager.

La sindaca Virginia Raggi, il vicesindaco e assessore alla Città in Movimento di Roma Capitale,
Pietro Calabrese, l’AD di Roma Servizi per la Mobilità Stefano Brinchi e l’AD di Wash Out Christian Padovan

Car sharing Roma Servizi per la Mobilità: i primi a provarlo

L’innovazione non ha perso tempo per il debutto ufficiale.

Il primo a scegliere “Smart Cube” è stato il servizio di car sharing gestito da Roma Servizi per la Mobilità, in occasione dell’incremento di 10 nuovi mezzi elettrici nel quartiere San Basilio, nell’hinterland della città.

Potrebbe interessarti delle novità di Telepass Pay, strumento di pagamento digitale.

Carglass sondaggio sugli Adas
Precedente

Carglass e il sondaggio sugli Adas obbligatori da luglio 2022

Toyota Yaris Cross
Successivo

Toyota Yaris Cross, la city car ibrida si fa Suv anche a 4 ruote motrici