Le fiere in Germania ripartono in settembre

Aveva fatto scalpore la notizia dei primi di maggio secondo la quale la Germania dava il via libera alle fiere già dai primi mesi estivi. Era una interpretazione della mossa del governo tedesco che le smarcava dagli eventi di massa con più di 1.000 partecipanti, vietati sino alla fine di agosto per contenere la diffusione del Covid19. Quella che sembrava una decisione ormai presa, pur soggetta a protocolli per l’igiene e la sicurezza definiti da ogni stato federale, sembra essersi per il momento arenata.

E questo nonostante fosse stata accolta in maniera entusiasta sia dall’Unione Fiere Internazionali-Ufi sia dalla corrispondente associazione tedesca Association of the german trade fair industry-Auma.

Approfondisci le linee guida Ufi e Aefi per riaprire gli appuntamenti fieristici in sicurezza.

A oggi pare assodato che le fiere in Germania riprenderanno dopo l’estate. Quelle in calendario nei principali poli del Paese come Düsseldorf, Berlino e Colonia sono previste dal mese di settembre. Cioè da quando la mobilità internazionale dovrebbe tornare a regime così come il trasporto aereo sarà rodato nelle nuove modalità, permettendo quindi l’affluenza dei buyer provenienti da più nazioni.

Le istituzioni tedesche sembrano intenzionate a sostenere il settore pesantemente colpito dal lockdown. Una mossa “illuminata” visto che, come stimato da Auma, le fiere tedesche generano un giro d’affari di circa 28 miliardi di euro l’anno.

Approfondisci qui la crisi del comparto fieristico italiano.

Fiere in Germania: a Berlino 80 milioni per la ripartenza

fiere in Germania

Messe Berlin, la fiera della capitale tedesca

Secondo quanto riportato dai media locali, esponenti politici di Berlino hanno avanzato la proposta di rimpinguare le casse della fiera con 80 milioni di euro. Quindi finanziare una massiccia campagna di comunicazione per sostenere le attività promozionali di Visit Berlin, assicurando alla città l’acquisizione di evemti espositivi e congressi.

Lo stop causato dalla pandemia ha fatto perdere a Berlino appuntamenti di rilievo internazionale, tra essi Itb e il Berlin Air Show. La prima, il principale appuntamento europeo del turismo dove erano attesi 150.000 partecipanti è stato rimandato a marzo 2021. Invece, quello aerospaziale è stato convertito in un evento digitale.

Il periodo di chiusura forzata è stato “sfruttato” da alcune sedi espositive per rinnovarsi. La fiera di Hannover ha accelerato la realizzazione di un nuovo ingresso, coperto da un tetto in vetroresina di 5.500 metri quadrati.

 

classifica Icca 2019
Precedente

Classifica Icca 2019 di città e paesi congressuali: Italia al 6° posto

Abu Dhabi
Successivo

Abu Dhabi introduce la certificazione igienico-sanitaria