Gruppo Radisson Hotel

Il Gruppo Radisson Hotel tra iniziative ecosostenibili e crescita in Europa

Il gruppo Radisson Hotel e altre aziende alberghiere hanno lanciato Hotel Sustainability Basics, una iniziativa legata alla sostenibilità per promuovere turismo e viaggi responsabili.

Una misura, questa, che si rifletterà sulla sostenibilità del gigante del settore dell’ospitalità, con 9 marchi distintiti e oltre 1.600 hotel in 120 paesi.

L’obiettivo messo in campo è importante: stabilire indicatori minimi riconosciuti a livello globale che tutti gli hotel dovrebbero implementare. Il sistema, mette poi le basi per una comune definizione di sostenibilità alberghiera.

Da questo ne derivano fattori che forniranno a ogni hotel un punto di partenza per ridurre il proprio impatto ambientale.

Tutto non rimarrà sulla carta, ma si tradurrà in azioni concrete. Anzi: su azioni fondamentali, definite nel numero di 12. Quali?

Dall’utilizzo dell’acqua, alla produzione di rifiuti e all’approvvigionamento di risorse. I criteri includono azioni per misurare e ridurre il consumo di energia e di acqua, identificare e ridurre i rifiuti e misurare e ridurre le emissioni di carbonio.

Ma anche stilare un programma di riutilizzo della biancheria, l’uso di prodotti ecologici per la pulizia, l’eliminazione di cannucce di plastica, shaker e bottiglie d’acqua di plastica monouso nonché l’implementazione di distributori di prodotti sfusi e misure a beneficio delle comunità locali.

Hotel Sustainability Basics prevede diverse fasi per supportare gli hotel che hanno appena iniziato e quelli che sono più avanzati nelle loro pratiche di sostenibilità. Ad esempio, otto dei dodici criteri sono obbligatori, mentre altri possono essere vincolati e attuati entro i primi tre anni.

[Scopri le aperture 2021 dei 7 Radisson in Italia]

Gruppo Radisson Hotel, nuova apertura a Napoli

«Hotel Sustainability Basics è un primo passo che aiuterà ogni albergo a iniziare più velocemente il proprio viaggio verso la sostenibilità», comemnta Federico J. González, Ceo di Radisson Hotel Group. «Questo ci avvicinerà, insieme ai nostri proprietari Jin Jiang International e all’intero settore, all’obiettivo finale di Net Zero».

Il gruppo Radisson Hotel ha assunto l’impegno per raggiungere le emissioni zero entro il 2050.

Nel frattempo, cresce anche in Italia e in Spagna.

Andando con ordine: a Nola, vicino a Napoli, ha aperto una struttura di 73 camere e due sale riunioni da 70 posti “carbon free”.

I progetti Radisson in Spagna: si inizia con Bilbao

Gruppo Radisson Hotel
Il Gran Vía Bilbao

Da Napoli a Bilbao: il gruppo scandinavo ha inaugurato il Gran Vía Bilbao, nel cuore della capitale basca. L’albergo, da 137 camere, fa il bis del Magdalena Plaza Sevilla inaugurato lo scorso anno. La struttura “bilbaina” ospita il primo ristorante dello chef stellato Eneko Atxa, che si ispira alla cucina basca e al fusion giapponese. Eneko Atxa vanta un totale di 5 stelle Michelin.

L’hotel ha ricevuto una certificazione di bioedilizia Leed Platinum (Leadership in energy and environmental design) a fronte di un consumo del 47% in meno di energia e 40% in meno di acqua rispetto a edifici della stessa categoria. La struttura ha anche ottenuto il titolo Leed Innovation per aver creato un’area pedonale nell’area dell’hotel e del quartiere che lo ospita.

Nel 2018, la catena ha iniziato un piano ambizioso per trasformare il suo business. Per il mercato spagnolo sono previste le aperture di 20 nuovi indirizzi durante i prossimi 5 anni. Nei prossimi mesi arriverà il brand Radisson Red anche in Spagna, con l’apertura di una nuova struttura nel centro di Madrid.

[Verifica le modalità degli scioperi dei trasporti in Italia nel mese di giugno]

Il nuovo brand Awa con Value One

Recentemente, l’azienda ha stipulato un accordo con Value One per espandere il proprio portafoglio Radisson Individuals in Italia e in Austria con due nuovi hotel. Entrambi con il nuovo marchio alberghiero Awa di Value One.

Il primo è Awa Hotel Bologna, di nuova costruzione e appena fuori dal centro storico e a pochi passi dalla stazione. Ha 305 camere, uno spazio di 140 m² per riunioni e una piscina.

Il secondo è Awa Hotel Vienna, con apertura prevista nel 2025. Oltre a 246 camere, l’hotel offrirà un ristorante aperto tutto il giorno, una palestra e uno spazio per riunioni di 480 m².

Un albergo di gamma ancor più alta è il Grand Hotel Brioni Pula, del marchio Radisson Collection.

La struttura della costa adriatica croata, Hotel Brioni, è stato trasformato a seguito di un ampio lavoro di riposizionamento e di un investimento di più di 35 milioni di euro. Ha 227 camere, piscine a sfioro e un’area wellness.

Il progetto di riposizionamento del Grand Hotel Brioni Pula ha richeisto due anni di tempo. «In Croazia abbiamo in programma altre due aperture di premium hotel previste per Zagabria (2022) e un altro ancora a Pola (2023)», fa sapere Reli Slonim, presidente del consiglio di gestione e Ceo di Arena Hospitality Group.

Gruppo Radisson Hotel, aperto il “Red” Vienna

Intanto Il nuovo design hotel Radisson Red Vienna apre sul Canale del Danubio, sancendo lo sbarco del brand “Red” in Austria. Si trova un edificio di nuova costruzione e ha 179 fra camere e suite.

Gli spazi flessibili per riunioni ed eventi includono una sala con luce naturale e una sala riunioni privata con tecnologia di videoconferenza che si collega al cortile e al ristorante Sarai, ampliando le opzioni per riunioni interattive e creative.

Il Radisson Red Vienna è il quarto hotel del gruppo nella città del walzer, unendosi al Radisson Blu Style Hotel, al Blu Park Royal Palace Hotel e all’Hotel Rathauspark.

Gruppo Radisson Hotel
Il Radisson Red Vienna