Auto

Jeep domina la scena con Compass e Cherokee, ecco Trailhawk

Molti scenari sono ancora da decifrare, ma nella fusione in corso tra Renault e FCA, non ci sono dubbi che Jeep arrivi a testa alta con numeri in controtendenza a mercati in difficoltà: + 6,7% in Europa nel primo quadrimestre 2019 e una quota in Italia del 4,24% che la piazza al decimo posto assoluto nella classifica.

Jeep Compass e Cherokee più Renegade plug-in

E se Compass e Cherokee ‘volano’ nel Continente con una crescita a doppia cifra rispetto al 2018, da noi è il Renegade a essere preferito: all’inizio del 2020, sarà in strada la versione plug-in, molto attesa in casa e fuori “Sarà una Jeep mai così Jeep, con il plus di non avere alcuna limitazione di movimento, nei centri urbani come nell’off road importante – anticipa Jeff Hines, responsabile della Casa per l’Emea – ci aspettiamo che rappresenti il 20% dell’intera gamma”.

Nell’attesa, si è lavorato parecchio per dare ulteriore personalità ai modelli, lanciando la versione Trailhawk per Compass e Cherokee, rispettivamente equipaggiate con il 2.0 Multijet da 170 Cv e il nuovo turbo benzina 2.0 a iniezione diretta da 272 Cv. Una buona idea per renderle più adatte all’off-road – senza perdere nulla nel comfort sull’asfalto – grazie a dotazioni specifiche come il Jeep Active Drive Low 4×4 (che fa salire il rapporto di riduzione a 20:1 in modalità Rock), paraurti e sospensioni dedicate, protezioni in acciaio.

Jeep Compass e Cherokee, test drive

Un impegnativo test in fuoristrada tra le spettacolari cave di Serle ha confermato la bontà della scelta e soprattutto la Compass, la più ‘cittadina’ fra tutte le Jeep, ha tirato fuori un’anima nascosta e una ‘tenuta’ generale sopra le previsioni.

Lo scenografico test drive è a questo video.

Nel model year 2019, oltre a un livello migliore di equipaggiamento base (a partire dall’infotainment), debuttano le special edition S (sportiva) e Night Eagle. Il prezzo della Compass Trailhawhk è di 41.500 euro, quello della Cherokee – in arrivo a settembre – ancora da stabilire. All’opposto, la Wrangler – anno dopo anno – è diventata più confortevole, più centrata e più sicura con la continua implementazione di sistemi di ausilio alla guida: ora sono arrivati il Forward Collision Warning e l’Adaptive Cruise Control. E’ sicuramente la Wrangler meno estrema di sempre, con buona pace dei puri e duri, ma sulla Gardesana e le strade limitrofe, è stato un piacere muoversi con il già citato turbo benzina 2.0: ben gestito dal cambio automatico a otto marce, ha un’erogazione fluida della potenza e una coppia di 400 Nm a 3.000 giri/minuto, pronta all’occorrenza.

L’alternativa è rappresentata dal 2.2 td con 200 Cv. Curiosità: il model year 2019 con prezzi a partire da 48.500 euro, è caratterizzato anche da una nuova livrea – Bikini Pearl – che oltreoceano sta andando fortissimo. Consigliabile a chi vuole farsi notare ancora di più, visto che la Wrangler difficilmente non si nota.

Approfondisci sulla fusione dell’anno, scopri la posizione del Governo francese.

Qui tutti i modelli Jeep allo stand del Salone di Ginevra.

Precedente

Seat Italia punta al raddoppio, i SUV Arona, Ateca e Tarraco trainano

ADAS
Successivo

Adas auto, il valore di mercato nel 2025