Lista Salvaguardia ACI 2024 lancia

Elenco auto storiche 2024: lista salvaguardia ACI con riduzione bollo

Nella Lista di Salvaguardia 2024 ACI, aggiornata, entrano alcuni modelli ventennali della tradizione italiana. Scopri quali

Se da un lato le Tabelle ACI servono al lavoro quotidiano, di molti fleet manager e driver aziendali, la Lista Salvaguardia Aci 2024 è invece dedicata al collezionismo, di auto. Ai guidatori per passione di auto classiche. Sono infatti auto storiche, quelle di cui si parla.

A cosa serve una simile lista? Semplice: non tutte le auto datate hanno pari diritti e quindi oneri agevolati e libertà di circolazione.

Il metodo più accreditato, in Italia, per dare dei limiti entro cui avere modelli di auto con potenziale interesse storico, è rifarsi alla cosiddetta Lista di Salvaguardia.

Chi decide le auto in Lista

La Lista è predisposta da un gruppo di esperti del settore, con rappresentanti di ACI Storico, FCA Heritage, Registro Italiano Alfa Romeo – RIAR, Associazione Amatori Veicoli Storici – AAVS e di riviste specializzate.

Ogni volta che viene aggiornata e messa a disposizione, su Missionline.it ne diamo notizia e diffusione, per poterla scaricare.

Lista di Salvaguardia 2024 ACI, Quante auto ci sono

ACI Storico ha emesso in questi giorni la nuova Lista 2024, con molte auto nuove entrate. Ci sono in elenco i modelli di vettura, in età compresa fra 20 e 29 anni, che possono essere più tutelati. Auto che rientrano nel perimetro della storicità. Un elenco che varia, ovviamente.

In Italia ci sono pià di quattro milioni di auto storiche, di cui circa trecentonovantamila nella lista di salvaguardia. Il valore complessivo è di 104 miliardi di euro.

Lista Salvaguardia ACI 2024

Nuove inserite in Lista Salvaguardia ACI 2024

Nel 2024 tra le novità inserite, circa 140, ci sono molte vetture popolari per gli italiani, anche se magari si tratta di allestimenti relativamente “più meritevoli”: Lancia Ypsilon 1.4 16v, Land Rover Discovery 3 4.4, Lotus Elise 111 ed Exige Mk2, Maserati Quattroporte V serie e GranSport, Mazda MX-5 Collection, Mercedes Classe A 169, SLK R171, MG TF, Mini Cooper e Cabrio, Mitsubishi Pajero, Opel Astra Turbo, Peugeot 307 CC, Porsche Boxster 987, Seat Arosa e anche Smart o Toyota Yaris.

Accesso ai centri urbani e in ZTL

L’ACI per i blocchi da alcune Amministrazioni locali a danno di auto d’epoca, vede soluzione autorizzando l’ingresso nei centri urbani ai soli modelli elencati nella Lista di Salvaguardia, redatta da ACI Storico. A inizio 2024 ancora nulla di ancora fatto, a livello nazionale, ma ACI Informatica può dare supporto affinché le telecamere ai varchi dei centri urbani riconoscano dalla targa (e quindi dal PRA) i modelli elencati nella Lista di Salvaguardia, autorizzando l’accesso senza blocchi e sanzioni. Si stima che solo il 20% delle auto che nell’ultimo triennio hanno conseguito il certificato di rilevanza storica, annotato sul documento di circolazione, “passerebbero”.

Download elenco aggiornato Lista Salvaguardia ACI 2024

Qui è possibile scaricare tutta la Lista di Salvaguardia ACI 2024. In formato pdf con elenco di marca, modello e versioni. Ovviamente anche gli anni di produzione inclusi e validi.

Lista Salvaguardia ACI 2024

Esenzione bollo

Da sempre è molto apprezzata e sfruttata, la decurtazione di tassa automobilistica per i veicoli risultino iscritti nel Registro ACI Storico. Non da tutti, però: si applica solo in Calabria, Lombardia, Valle d’Aosta e Provincia autonoma di Trento, per il momento.

La pratica per avere esenzione, può avvire direttamente con ACI Storico: si fa richiesta d’iscrizione nel Registro, per veicoli compresi nella Lista di Salvaguardia, con domanda di riduzione bollo da inviare poi alla Regione o Provincia di riferimento.

Occorre poi presentare la carta di circolazione (o libretto), un documento d’identità, il codice fiscale e soprattutto cinque foto del veicolo (3/4 anteriore destro, 3/4 posteriore sinistro, cruscotto e sedili anteriori, vano motore, numero telaio). Una volta ottenuto il beneficio fiscale, non serve aggiornare la carta di circolazione, è una procedura indipendente.

Targhe originali

Una delle novità recenti, per le auto storiche, è quella di poter rimettere o meglio, ri-avere prodotta oggi, la targa d’origine in caso sia andata persa o sostituita. Nell’articolo dedicato su Missionline.it le informazioni e i costi.

Lista Salvaguardia ACI 2024 lancia

Lascia un commento

*