AutoGreenServiziSguardo sul futuro

Venezia, Eni e Toyota alla firma per la mobilità a idrogeno

La città senz’auto per antonomasia spinge sulla mobilità a idrogeno. Il comune e la Città Metropolitana di Venezia, Eni e Toyota hanno infatti firmato un accordo finalizzato a valutare la possibilità di realizzare una stazione di rifornimento con il più leggero elemento chimico conosciuto, nonché carburante che allo scarico rilascia esclusivamente vapore acqueo.

L’accordo prevede che, in caso di conclusione positiva dello studio di fattibilità che sarà subito avviato, Eni renda operativa una “colonnina” di rifornimento di idrogeno in una delle stazioni di servizio della società situate nel territorio comunale, che comprende anche Mestre e Marghera. Tale area sarà individuata entro il 31 dicembre 2019.

Contemporaneamente, Toyota metterà a disposizione una flotta di 10 auto Mirai che verranno rifornite con questo combustibile. La firma dell’intesa suggella una collaborazione avviata da tempo tra i partecipanti, avente per obiettivo la promozione nel Veneziano della mobilità a idrogeno, sostenibile e a basse (o nulle) emissioni di CO2 e altre sostanze dannose.

Al tempo stesso, l’accordo favorirà la creazione di una rete di punti di rifornimento che permetterà nell’area (e anche oltre) la circolazione di mezzi alimentati a idrogeno.

«A Venezia – ha esordito il sindaco Luigi Brugnaro – siamo partiti dal presupposto che la sostenibilità ambientale fa sempre il paio con il tema delle risorse economiche. Vogliamo dimostrare che l’attenzione all’ambiente non deve essere percepita come un costo per la collettività, ma deve diventare volano per l’economia circolare».

Leggi del debutto italiano della Toyota Mirai

«L’idrogeno è una sostanza che già usiamo nelle nostre attività – ha aggiunto Giuseppe Ricci, chief refining & marketing officer di Eni – in particolare nel ciclo bio della raffinazione, principalmente per rimuovere l’ossigeno dalle cariche vegetali, dagli oli usati di frittura, grassi animali e altri scarti con cui a Porto Marghera produciamo biocarburanti”.

Continua: «Abbiamo inoltre iniziato a investire studiando tecnologie per la sua produzione a partire dai rifiuti solidi urbani e dalle plastiche non riciclabili, oltre che per la mobilità, di cui l’accordo sottoscritto oggi rappresenta una importante pietra miliare per un futuro low carbon. Con le stazioni di idrogeno, Eni intende rafforzare ulteriormente la sua offerta di carburanti a basso impatto ambientale».

Approfondisci sullo stabilimento di Bolzano, che abbiamo visitato con Toyota.

«Siamo orgogliosi di fare la nostra parte insieme con Venezia e con Eni» ha dichiarato Mauro Caruccio, AD di Toyota Motor Italia.

«Siamo convinti del potenziale della mobilità a idrogeno per favorire il processo di decarbonizzazione della nostra società. Nel percorso verso una mobilità a zero emissioni avrà un ruolo da protagonista e complementare con altre soluzioni tecnologiche elettrificate. Per questo motivo abbiamo iniziato ad investire nello sviluppo della tecnologia a celle a combustibile oltre 20 anni fa e nel 2014 abbiamo introdotto Mirai, prima berlina ad idrogeno prodotta in serie, frutto della continua evoluzione della piattaforma ibrida-elettrica di Toyota».

Leggi cosa fanno in California: i concessionari che vendono Toyota Mirai hanno stazioni di rifornimento a idrogeno

alimentazioni alternative
Precedente

Alimentazioni alternative, in Italia nel 2030 circoleranno 7 milioni di auto elettriche

Bmw Serie 3 Touring
Successivo

Bmw Serie 3 Touring, la 6a generazione dà più spazio alla tecnologia