AutoGreen

Nuova Toyota Yaris più sicura con un motore ibrido più performante

Riprende il concetto di ‘piccolo genio’ della prima generazione, ma è più sicura della seconda e più ibrida della terza. Dopo oltre un milione di unità vendute dal 1999 ad oggi – quasi la metà del totale di Toyota in Italia – Yaris è pronta per tornare a stupire. Non le basta essere la prima tra le ibride più commercializzate, con oltre oltre 125.000 clienti. Oggi vuole avere consumi e emissioni leader del segmento B.

«Siamo pronti per il lancio della nuova Yaris, la quarta generazione del modello che ha fatto la storia di Toyota in Italia», commenta Mariano Autuori, direttore marketing di Toyota Italia.

Continua: «La nuova Yaris è il nostro ibrido migliore di sempre grazie all’evoluzione della tecnologia full hybrid e alla nuova piattaforma Tnga-B, che le permette di effettuare un passo in avanti in termini di maneggevolezza, piacere di guida, stile e sicurezza. Yaris è da sempre l’apripista, il modello portatore di progresso che ha guidato i passaggi epocali del brand in Italia e anche questa volta sarà il simbolo della nostra ripartenza in questo momento così particolare».

Nuova Toyota Yaris: un segreto sotto il cofano

A Valenciennes, in Francia, è già partita la produzione. Il segreto è nascosto sotto il cofano ed è il nuovo motore Hybrid dynamic force da 1.5 litri e 3 cilindri. Eroga 116 CV di potenza massima combinata, grazie al sistema full hybrid electric di quarta generazione, completamente riprogettato.

La nuova Toyota Yaris è in grado di veleggiare in elettrico, quindi marciando in modalità zero emissioni, fino a 130 km/h. Risultato? 2.8l/100km ed emissioni da 64g/km di CO2, nel ciclo Nedc correlato.

Airbag centrale

Un record per cui non si sono potute aumentare le dimensioni – al di sotto dei 4 metri -, ma si è lavorato meglio nell’interno. Ora più abitabile ed intelligente: Yaris è anche la prima vettura nel segmento delle utilitarie compatte a introdurre l’airbag centrale progettato per proteggere al meglio gli occupanti in caso di impatto laterale. Ottiene così i migliori livelli di protezione degli occupanti, anche secondo i più severi standard 2020. Non solo.

Grazie all’ultima evoluzione del Toyota safety sense, arriva un pacchetto di Adas significativamente importante.

Ecco il cruise control adattivo con Stop & go e il sistema di mantenimento attivo della corsia. Inoltre due inediti per la Casa: la funzione di assistenza alle intersezioni stradali, in grado di rilevare i pedoni e i veicoli che impegnano accidentalmente la traiettoria agli incroci e l’assistenza alla sterzata di emergenza (tra i 40km/h e 180km/h).

Pay Per Drive Connected

Per la nuova Toyota Yaris ibrida l’offerta di lancio parte da 18.300 euro per la versione Active. Con soli 700 euro aggiuntivi si passa alla più equipaggiata Trend.

Inoltre, Toyota offre come alternativa la formula Pay per drive che prevede la restituzione dell’auto in qualsiasi momento, con “valore futuro garantito”. A questo si aggiunge la formula “Connected”, ossia, l’acquisto legato all’utilizzo effettivo dell’auto. Il cliente, infatti, sceglie da subito i chilometri da percorrere in un anno e adatta nel tempo il piano alle reali percorrenze con pagamenti mensili personalizzati in base alla rilevazione.

Con Pay per drive connected si possono avere rate a partire da 169 euro e anticipo di 3.900 euro per la versione Active. Ci vogliono 10 euro in più per l’allestimento Trend.

Approfondisci su De Matteis Agroalimentare che introduce in flotta le auto ibride Lexus e Toyota.

Seat Leon mild hybrid
Precedente

Seat Leon mild hybrid va alle flotte con tutti gli Adas di serie

Geotab e Ford
Successivo

Geotab e Ford più integrate nella telematica in Europa