Auto

Restyling della Skoda Kodiaq, il Suv arriva a luglio nei concessionari italiani

Al via il restyling della Skoda Kodiaq, il Suv del gruppo VW che a luglio ariverà nei concessionari italiani con un nuovo disegno. Tutto ciò a 5 anni dal lancio della prima versione.

Gli ingegneri Skoda hanno lavorato in varie direzioni, migliorando l’aerodinamica, inserendo fari a Led, migliorando la tecnologia del motore e introducendo le tecnologie degli ultimi anni. E razionalizzando l’abitacolo, al punto che la nuova Kodiaq sarà disponible anche in versione 7 posti.

A sottolineare la sfida raccolta da Skoda è stato il Ceo Thomas Schäfer. «Per noi Kodiaq è stato un autentico “game-changer”. Come primo modello della nostra offensiva Suv, ci ha introdotti in un segmento di vetture completamente nuovo. Oggi rendiamo la personalità del nostro grande Suv ancora più accattivante e aggiungiamo nuove dotazioni, come i fari Matrix full Led e i sedili ergonomici per ancora più sicurezza e comfort».

Il restyling della Skoda Kodiaq prevede le versioni Ambition, Executive e Style, L&K, Sportline e RS che si diferenziano tra loro sopratutto in base alle dotazioni di bordo.

Le soluzioni di Skoda per semplificare la ricarica di auto elettriche

Restyling della Skoda Kodiaq, fari full Led e nuovi motori

Come accennato, per la prima volta, per il grande Suv del costruttore auto boemo sono disponibili fari Matrix Led e, di serie, fari full Led. Anche i sedili ergonomici sono una novità: sono regolabili elettronicamente, rivestiti in pelle traforata e hanno la funzione massaggio. A richiesta, i sedili Eco per le versioni Ambition e Style dispongono di rivestimenti di in materiali riciclati e animal free.

Migliora ancora l’impianto stereo: agli 8 altoparlanti presenti in precedenza se ne sono aggiunti altri 2. Il virtual cockpit, poi, ha un display da 10,25 pollici e 4 differenti visualizzazioni di base. In tema di sicurezza, c’è il sistema proattivo di protezione degli occupanti, che è stato ampliato: grazie a sensori radar supplementari reagisce anche in caso di pericolo di tamponamento causato dai veicoli che seguono il Suv.

Il modello top di gamma sportivo Kodiaq RS monterà un nuovo motore, il 2.0 benzina Tsi che proviene dalla generazione Evo del Gruppo Volkswagen. I 245 CV sono cinque in più rispetto al più potente del motore diesel biturbo impiegato finora, pesando oltre 60 kg in meno.

Insieme al nuovo cambio Dsg a 7 rapporti che pesa 5,2 kg in meno, le performance del propulsore sono state ulteriormente migliorate anche nelle altre versioni. Come il 1.5 Tsi da 150 CV, il 2.0 Tsi da 190 CV, il 2.0 Tdi da 150 o 200 CV.

Fino a sette posti e grande vano di carico

Con una lunghezza complessiva di 4,70 metri, su richiesta la terza fila di sedili può essere estraibile in modo da accogliere fino a 7 passeggeri. Il restyling della Skoda Kodiaq prevede anche il Suv si trasformi in una sorta di “veicoo commerciale”. Già, perché abbassando i sedili posteriori il volume di carico massimo tocca i 2.065 litri.

Intanto, il nuovo Kodiaq è già in produzione in Republica Ceca oltre che in Cina, India e Russia. Dall’inizio della produzione, a fine di marzo 2021, ne sono stati costruiti più di 600.000 esemplari. Per andare a presidiare quel segmento dei Suv che è in netta crescita, come sottolinea Martin Jahn, membro del board per vendite e marketing di Skoda Auto.

«Il segmento dei Suv è il più grande nel mercato automobilistico globale e tende a crescere. Questa categoria di veicoli è di enorme importanza anche per Skoda. Già nel 2020, quasi il 40% di tutte le auto consegnate a livello mondiale era costituito da Sport utility vehicles».

La Casa cominciò con il produrre il fuoristrada Trekka, nato in Nuova Zelanda nel 1966 e precursore del Kodiaq. Un modello che si basava sulla Octavia dell’epoca e che proseguì nel 2009 con Skoda Yeti. Negli anni. la famiglia dei Suv Skoda è cresciuta fino a contare 8 modelli.

Oltre a Kodiaq e a Yeti, c’è Karoq, Kamiq e Kodiaq GT (questi ultimi 2 solo per il mercato cinese). Nel 2019 Skoda ha presentato, di nuovo in esclusiva per la Cina, Kamiq GT. Nel 2020 ha lanciato il modello elettrico Enyaq iV e il Kushaq solo per il mercato indiano.

In totale, l’azienda ha prodotto oltre due milioni di Suv, venduti in circa 60 mercati.

Sulla nuova Kodiaq anche una eSIM

A bordo della rinnovata Kodiaq, anche sistemi di infotainment con ricezione radio digitale, assistente vocale in 15 lingue (tra cui l’italiano) e web radio. Tali sistemi appartengono alla terza generazione del Gruppo Volkswagen e sono online grazie a una eSIM integrata.

La tecnologia messa in campo permette di collegare all’auto il proprio smartphone e di accedere da remoto alla vettura tramite MySkoda app. Questo significa che le portiere possono essere bloccate o sbloccate tramite  smartphone o che è possibile visualizzare la posizione di parcheggio su una mappa oppure attivare il clacson e gli indicatori di direzione per trovare la vettura più rapidamente, per esempio in un grande parcheggio.

Il prezzo di vendita del nuovo Suv Skoda sarà comunicato nei prossimi mesi.

Visita il sito Skoda-auto.it

Barometro ARVAL 2021
Precedente

Barometro Arval 2021: le tendenze delle flotte auto aziendali

Fiat 500 elettrica
Successivo

La Fiat 500 elettrica è l'auto a emissioni zero più venduta in Italia