AutoServizi

Telepass introduce un servizio di igienizzazione dell’auto

Telepass sviluppa un servizio di igienizzazione dell’auto rivolto alle flotte aziendali, ai veicoli in condivisione e ai taxi. Obiettivo? Rispondere all’esigenza attuale di sanificazione post Coronavirus, soprattutto quando i mezzi di trasporto sono fruiti da più persone.

Il servizio è già utilizzato da 10.000 autovetture e viene erogato in due modalità differenti. Richiedendo la sanificazione a personale specializzato oppure ordinando semplicemente il kit. «Si tratta di una soluzione chimica a base di cloro e agenti battericidi, volta alla igienizzazione di tutte le superfici, alla neutralizzazione di depositi organici e inorganici, alla purificazione dell’aria dell’impianto di condizionamento», si legge in una nota.

Il procedimento è in grado di sanificare l’abitacolo se effettuato correttamente ed è molto semplice. Consiste nel posizionare la bomboletta spray a terra lato passeggero, accendere l’aria condizionata, regolandola su tutte le direzioni, aprire tutte le bocchette di areazione, chiudere i finestrini e attivare la valvola.

I kit vengono accompagnati dalle le istruzioni per l’utilizzo, ma anche dal contatto con un referente dell’azienda che ha realizzato il prodotto, per un supporto operativo. Si tratta di Wash Out, startup milanese che ha lanciato il servizio di lavaggio auto e moto a domicilio e con prodotti ecologici.

Telepass introduce un servizio di igienizzazione, nei parcheggi

La partnership con Wash Out – con cui Telepass offre ormai da due anni il servizio di pulizia senz’acqua della carrozzeria su strada – è progressivamente cresciuta. Al punto che dalla quota dell’11% nell’azionariato passerà alla maggioranza, arrivando fino al 70%.

Nei principali centri urbani, Telepass sta lavorando per sanificare i veicoli privati con questa modalità, a ridosso di grandi aree di parcheggio. Il servizio è partito da Milano per poi arrivare anche a Roma, Firenze e Torino.

Approfondisci qui sulla sanificazione all’ozono.

Bike sharing e monopattini: una nuova offerta

Secondo Telepass, se da un lato in questo periodo ci sarà la necessità di privilegiare mezzi di trasporto individuali, dall’altro sarà necessario favorire il trasporto green per contenere le emissioni di Co2, che torneranno ad aumentare con il maggior traffico sulle strade. A questo proposito, l’azienda, già presente nelle principali città con il servizio di bike sharing e monopattini (gratuito per la prima mezz’ora di utilizzo), potenzierà il progetto con nuove partnership e operatori specializzati. Non solo.

Nei prossimi mesi offrirà nel pacchetto sharing di monopattini elettrici o auto a carburante green anche un nuovo servizio di noleggio a medio-lungo termine.

A quanto pare, soltanto uno dei tasselli della strategia chiamata “Clean & Green”.

«Clean perché già oggi è necessario erogare servizi di mobilità che rispondano all’esigenza di ridurre i contatti tra le persone e incrementare il livello di igiene – spiegano da Telepass – e green per orientare la propria piattaforma di pagamenti digitali verso un maggiore utilizzo di veicoli ecosostenibili».

Telepass Pay prenota l’area di sosta in autostrada

Per quanto riguarda il supporto al traffico autostradale, oltre al famoso telepedaggio, più importante che mai in questa fase – in grado di ridurre le emissioni di CO2, abbattendo i tempi di attesa al casello –, la società del gruppo Atlantia sta sviluppando un servizio di pagamento a distanza per permettere ai clienti di non accedere fisicamente alle aree di servizio.

Tramite l’app Telepass Pay gli automobilisti potranno consultare l’offerta delle aree di sosta posizionate lungo il tragitto. Dunque prenotare i prodotti selezionati e finalizzare l’orario di consegna, infine pagare. Un QR Code generato dall’applicazione permetterà di ritirare l’ordine in uno spazio riservato.

I clienti di Telepass Pay riceveranno in omaggio un kit di igienizzazione Wash Out, per sanificare l’abitacolo della propria auto in autonomia.

Come cambiare la targa associata al Telepass? Scoprilo in questo video tutorial.

 

auto aziendale post Coronavirus
Precedente

L'auto aziendale post Coronavirus è protagonista della mobilità

Il 2020 di Mazda
Successivo

Il 2020 di Mazda è l'anno del Suv MX-30: intervista ad Alberto Esposito