MissiOnewsPolitica & EconomiaTrasporti

Parte il progetto per il nuovo scalo di Addis Abeba

Appena inaugurato, almeno ufficialmente, il nuovo mega-aeroporto hub di Turkish Airlines a Istanbul (leggi qui), che anche il paese che possiede la più grande compagnia africana non troppo a Sud della Turchia, ovvero l’Etiopia (leggi qui), rilancia la sfida con il nuovo scalo di Addis Abeba. L’area dove costruire il futuro nuovo hub di Ethiopian Airlines è stato infatti  identificata tra Bishoftu e Abu Sera, a circa 40 chilometri a sud della capitale. Un’area che si trova a 1.900 metri di altitudine, contro gli oltre 2.400 metri dove si trova l’attuale scalo Ababa Bole. Un progetto, dal costo di 2-2,5 miliardi di dollari, che prevede una capacità iniziale di 80 milioni di passeggeri annui con possibilità di arrivare a 120, grazie a quattro piste e a una città aeroportuale con alberghi, centri commerciali, uffici e appartamenti e che ora è sulla scrivania della nuova presidentessa dell’Etiopia Sahle-Work Zewde, la prima presidente donna del Continente, nominata dal Parlamento una settimana dopo che il primo ministro Abiy Ahmed, con più potere rispetto al presidente comunque…, aveva fatto un rimpasto di governo composto per metà da donne. Nuovo governo che dovrà gestire il boom economico in atto nel paese (leggi qui il convegno che abbiamo organizzato insieme a Regione Lombardia sulle opportunità di business nel paese).

Parte il progetto per il nuovo scalo di Addis Abeba, nuovo hub di Ethiopian Airlines, che torna a volare anche sulla Somalia

Ethiopian Airlines dopo la pace con l’Eritrea e la riapertura del volo tra Addis Abeba e Asmara, ritorna a volare anche su Mogadiscio, in Somalia, dal prossimo 2 novembre 2018:  “ci fa molto piacere riprendere i voli per Mogadiscio, la capitale della Somalia dopo 40 anni. Desidero esprimere la mia gratitudine ai governi dell’Etiopia e della Somalia per aver reso possibile la ripresa di questi voli. I voli svolgeranno un ruolo significativo nel rafforzamento dei legami personali ed economici tra i due paesi vicini e fratelli. I voli consentiranno inoltre all’importante diaspora somala presente nelle Americhe, in Europa, in Asia, in Medio Oriente, in Europa e in Africa di recarsi in patria attraverso Addis Abeba, grazie alla nostra rete globale di oltre 116 destinazioni internazionali. I nostri voli cresceranno rapidamente a più voli giornalieri dato l’enorme volume di traffico tra i due paesi fratelli e il traffico significativo tra la Somalia e il resto del mondo” commenta il ceo del vettore Tewolde Gebremariam.

Sabre e NDC
Precedente

Sabre e NDC, il Gds amplifica le potenzialità della piattaforma Iata

Fs mette le ali
Successivo

Fs mette le ali(talia). Ma in tanti si sfilano