AccomodationMissiOnews

Piani di sviluppo per il Gdf group dopo Hilton Garden Inn Milan North

Affollata festa di inaugurazione per l’Hilton Garden Inn Milan North, nel portafoglio di gestione alberghiera di Gdf Group, che , dopo un pre-opening di circa sei mesi, anche in vista dell’Expo, ha deciso di aprire ufficialmente nel momento in cui sono terminati i lavori per la zone dedicata al Mice, con 10 sale modulabili per 800 posti totali, di cui 300 nel Conference center.

Il Cavalier Guido Della Frera

Il Cavalier Guido Della Frera

Un periodo di pre-opening comunque d’oro, visto la struttura da 193 camere, di tre tipologie diverse, è arrivato a un fattore di riempimento che s’aggira, fanno sapere dai vertici dell’azienda, attorno al 85-90%, grazie eminentemente alla clientela business ma anche asll’Expo, “ce ne vorrebbe uno ogni anno” ha tuonato il vulcanico presidente del gruppo Gdf  Guido Della Frera. Che, nel suo intervento, oltre a ringraziare i tanti partner dell’operazione, dalle banche all’immobiliare, dai propri collaboratori ai vertici di Hilton presenti in sala, ovvero Mark Nogal e Alan Mantin , ha annunciato i prossimi passi di sviluppo per la sua società, con la quale vuole arrivare a  gestire “mille camere entro il 2018”.

Un strada con diverse tappe; “La prossima sarà l’apertura il prossimo 4 dicembre del boutique hotel di Ponte di Legno Hotel Cristallo, un 4 stelle di charme sulle montagne dei milanesi” spiega il Cavaliere Della  Frera, che prosegue: “il primo marzo riapriremo il Novotel di Brescia che abbiamo acquisito e, dopo 5 anni di assurda burocrazia, partiamo con i lavori per un albergo di alta qualità ad Affori da 180 camere, da aprire entro la primavera del 2018. Un’operazione da 20 milioni di euro, che noi copriamo per il 30%…” lancia l’esca Della Frera per le tante banche in sala, per coprire il restante 70.

Queste strutture si affiancano agli hotel già operativi del gruppo, il  Grand Hotel Villa Torretta di Sesto San Giovanni, con il quale Gdf entrò nel 2006 nella gestione alberghiera, visto che nel decennio precedente si era occupato di sanità, e l’Ibis Lainate, aperto nel 2014. “Puntiamo a quattro stelle con un ottimo rapporto qualità prezzo, ecco il perché ho anche portato a 4 stelle il Villa Torretta. E i fatti ci stanno dando ragione, perché offriamo prodotti in tutto il mondo che vanno bene sia al viaggiatore d’affari, che a quello leisure che alle famiglie” chiosa Della Frera.

 

 

Precedente

Le classi top di Etihad s'aggirano per l'Europa

Successivo

2016: le tendenze che impatteranno sul business travel