Viaggiare in treno tra Francia e Germania

Viaggiare in treno tra Francia e Germania, arriva l’AV Parigi-Berlino

Viaggiare in treno tra Francia e Germania da 15 anni è consuetudine con l’alta velocità. I vertici delle ferrovie tedesche (DB) e francesi (Sncf) hanno inaugurato il traffico Tav tra i due Paesi nel 2007, nel tempo utilizzato da 25 milioni di persone. Viaggiatori che nel corso del tempo hanno via via visto aumentare i collegamenti e le città servite.

Oggi i passegggeri business e leisure viaggiano da Parigi a Saarbrücken, a Francoforte, a Monaco e a Stoccarda. Così come da Marsiglia e Lione a Francoforte. Ma all’orizzonte c’è di più.

Già, perché ai 12 viaggi giornalieri di andata e ritorno, potrebbe presto essere aggiunta una linea Tgv diretta tra Parigi e Berlino, che distano 860 km.

Durante la cerimonia in occasione del 15° anniversario della cooperazione, Richard Lutz, presidente del Cda di Deutsche Bahn, e Jean-Pierre Farandou, presidente Sncf, hanno accolto con favore i risultati della proficua partnership franco-tedesca.

In dettaglio, viaggiare in treno tra Francia e Germania si può fare su diverse rotte. Da Parigi a Francoforte, 6 volte al giorno via Forbach o via Strasburgo. Cinque volte sulla Parigi-Strasburgo-Stoccarda, con una frequenza estesa fino a Monaco, a 660 km dalla Torre Eiffel.

I treni ad alta velocità francesi e tedeschi, infine, viaggiano ogni giorno tra Marsiglia e Francoforte, passando per Lione e Strasburgo.

[Il treno Eurostar guarda all’Italia]

Viaggiare in treno tra Francia e Germania, si parte e si arriva in centro

I risultati sono importanti. Basti pensare che le Sncf hanno detto che la quota di mercato della Tav tra la Ville Lumiére e Francoforte è pari al 50%. Percentuale che sulla rotta per Stoccarda è ancora più alta. Ed è possibile che gli scioperi, le interruzioni e le cancellazioni di molti collegamenti aeerei in Europa diano una spinta ancora maggiore alla rotaia.

Oltretutto le linee Tav – che in Francia chiamano Tgv e in Germania Ice – piacciono particolarmente ai viaggiatori d’affari, in quanto partono e arrivano in centro città.

Come sui Frecciarossa e i treni Italo, l’offerta di servizi è stata particolarmente ampliata con wi-fi gratuito e a banda larga su tutte le tratte. In prima classe, inoltre, i passeggeri ricevono la stampa internazionale e hanno diritto al catering al posto, alla prenotazione di taxi all’arrivo o all’accesso alle lounge Grands Voyageurs e alla DB Lounge.

A causa del Covid-19, viaggiare in treno tra Francia e Germania vede un’offerta sempre uguale da almeno un paio d’anni. Un secondo collegamento giornaliero di linea Tgv/Ice da Parigi per Monaco è stato sospeso. E con esso le migliorie alla rete tra Stoccarda e Ulm, sulla via per la capitale del Bayern e parte della tratta per Parigi.

Quando riprenderanno i lavori, tra l’Ile de France e la città della Bmw basteranno 5 ore di treno ad alta velocità, contro le 5 ore e 35 di oggi. Ma non è tutto.

Parigi-Berlino tutto d’un fiato

Come dicevamo all’inizio, DB ed Sncf hanno annunciato di essere al lavoro sulla linea Parigi-Berlino, che taglierebbe i tempi di percorrenza portandoli inizialmente da 8 a 7 ore.

«Questo progetto per un nuovo collegamento diretto tra i cuori delle nostre due capitali incoraggerà ancora più persone a prendere il treno», afferma il presidente di Deutsche Bahn.

I tempi? La partenza del treno diretto ad alta velocità tra le due capitali – via Francoforte, Kassel e Hannover – è fissata per la fine del 2023.

[Scopri l’orario estivo di Trenitalia]