MissiOnewsTrasporti

I nuovi progetti degli aeroporti di Roma e Milano a Fiumicino e Linate

Gli aeroporti di Roma e Milano crescono con gli investimenti di Adr e Sea a Fiumicino e a Linate. Gli stanziamenti puntano non solo a ingrandirne i terminal, ma anche a renderli più sostenibili e tecnologici.

Andando con ordine: Aeroporti di Roma ha presentato la nuova proposta di Piano di sviluppo aeroportuale. Questo prevede ulteriori 8,2 miliardi di euro di investimenti, che si aggiungono agli 1,8 già investiti dal 2012 ad oggi.

La parola chiave del nuovo piano è sostenibilità. Sia da un punto di vista ambientale, che acustico, di mercato, sociale ed economico. Intanto, Enac sta esaminando il programma.

La novità maggiore è l’espansione ad Est dell’attuale scalo e non più a Nord come era stato pianificato in precedenza. Questo minimizza il consumo di suolo a favore del territorio e ottimizza le infrastrutture esistenti, che verranno realizzate rispettando le stringenti certificazioni ambientali Leed.

Roma Fiumicino certificato “Skytrax Covid-19”

Più vicini agli standard europei

Le soluzioni progettuali di Aeroporti di Roma (Adr) per il nuovo piano di sviluppo puntano a migliorare gli standard qualitativi e tecnologici. In che modo? Già nelle prossime settimane Adr attiverà un nuovo sistema di accettazione e imbarco dei viaggiatori attraverso l’identificazione biometrica del volto.

Inizialmente funzionerà sulle rotte per Atlanta e New York. Questo sistema, che rende più rapido il transito, sarà disponibile anche negli Stati Uniti grazie alla partnership con Delta Air Lines.

Ma non è tutto: la società di gestione sta ultimando anche l’espansione dell’attuale Terminal 1. Quest’ultimo avrà un nuovo molo con 23 gate di imbarco, una nuova piazza di attesa e commerciale, tre ulteriori nastri per la riconsegna dei bagagli e un’intera area dedicata alla ristorazione.

Entro fine 2021, Adr avvierà anche una profonda ristrutturazione del Terminal 3.

Aeroporti di Roma e Milano

Un desk informazioni all’aeroporto di Roma Fiumicino

Aeroporti di Roma e Milano: a Linate un nuovo restyling

Contemporaneamente, a Milano, Sea (la società di gestione degli scali lombardi) ha presentato il restyling dell’aeroporto di Linate. Dopo importanti lavori di riqualifica iniziati nel 2019 e terminati nei tempi previsti, il city airport ha un look completamente rinnovato.

Il rifacimento della facciata era stato presentato nel 2018, successivamente è iniziato il rifacimento architettonico e degli ambienti del terminal. L’obiettivo è stato quello di dare all’aeroporto una nuova identità.

Tutto secondo le linee guida della “neuroarchitettura“, la neuroscienza applicata all’architettura che ha lo scopo di creare spazi capaci di suscitare benessere, riducendo al massimo stress e ansia.

Interessati da questo nuovo look sono l’area dei check in e quella del duty free. Complessivamente, l’aerostazione è stata ampliata in una nuova area su 3 livelli, che comprendono nuovi gate dall’1 all’8, una nuova galleria commerciale e una nuova food court.

Larea check in è stata ridisegnata con un controsoffitto a doppia altezza mentre i banchi sono stati ripensati come elementi identificativi del brand Sea.

Lilluminazione ad hoc sopra i desk è realizzata con una fascia sovrastante in linea con il design dei banchi.

Biometria e privacy in aeroporto, approfondisci in questo articolo.

A Linate migliora l’area dei controlli di sicurezza

Anche l’area dedicata ai filtri di sicurezza, inaugurata nell’ottobre del 2020, è stata riprogettata con elementi scelti per ridurre il più possibile lo stress che i controlli causano ai passeggeri. Non solo, è stata implementata con tecnologie di ultima generazione che rendono più veloci le operazioni.

nuovi macchinari evidenziano eventuali esplosivi attraverso la tecnologia Tac, che consente di effettuare i controlli senza la necessità di separare dal bagaglio a mano gli apparati elettronici e i liquidi.

In realtà, l’innovazione del sistema di security di Linate ha inizio dal check in con il “Face Boarding”. Il passeggero può associare allimpronta biometrica del proprio volto la carta d’identità e la carta di imbarco, quindi fino al momento di salire a bordo non dovrà più mostrare alcun documento.

Approfondisci sul riconoscimento facciale a Linate.

Investimento da 40 milioni

La vera novità del restyling è la nuova area del terminal.

La vecchia parte dell’aerostazione a un piano è stata demolita per realizzare un nuovo edificio a tre livelli. Come dicevamo, questo ha portato all’ampliamento delle sale di imbarco e della nuova galleria commerciale, con la nuova food court.

La collaborazione con Triennale Milano e con il suo Museo del design italiano permette, lungo il flusso dei passeggeri, a una esposizione di opere, che cambieranno ogni sei mesi.

Il nuovo terminal ha ottenuto la certificazione ambientale degli edifici costruiti secondo i principi di sostenibilità. I requisiti che lo hanno permesso sono il risparmio energetico, la salute e il benessere degli utilizzatori, lattenzione allutilizzo delle risorse, la gestione dei rifiuti e l’inquinamento ambientale.

Tra l’altro, Sea ha annunciato di anticipare il raggiungimento dell’obiettivo del livello di emissioni nette di CO2 pari a zero nel 2030 rispetto al 2050.

L’investimento complessivo per Linate? Circa 40 milioni di euro.

Visita Seamilano.eu

Aeroporti di Roma e Milano

Il nuovo terminal di Milano Linate presentato alla presenza del capo dello Stato, Sergio Mattarella

missionforum talks 15 luglio
Precedente

MissionForum Talks 15 luglio: duty of care e pandemia, botta e risposta

Emirates piccole medie imprese
Successivo

Emirates incentiva le piccole e medie imprese con Business Rewards