Auto

La nuova Hyundai i10 apre il capitolo city car 2020

Ed eccola in Italia la nuova Hyundai i10, city car realizzata in Europa e per i clienti europei della casa coreana. Il prezzo di listino da 12mila900 euro esprime «l’approccio del brand nel rendere la mobilità accessibile a tutti», spiega una nota. Presentata a fine gennaio con un weekend “a porte aperte” nelle concessionarie, ha mostrato carattere pratico e giovanile, riprendendo le sue caratteristiche più amate della precedente versione.

Dal lancio nel 2008, Hyundai i10 è stata venduta in 145mila unità nel nostro Paese.

La nuova Hyundai i10 è disponibile con due motorizzazioni a benzina. Un 1.0 litri Mpi a tre cilindri (67 Cv) e un 1.2 litri a 4 cilindri (84 Cv). Entrambi ordinabili con il cambio manuale a 5 marce o un cambio manuale automatizzato (Amt), sempre a 5 rapporti. «Grazie al peso contenuto risulta più efficiente di un tradizionale cambio automatico», spiega la Casa. Inoltre, il sistema Idle stop & go è di serie su tutte le versioni e contribuisce a limitare consumi ed emissioni di CO2. In città si apprezza il beneficio dello spegnimento del motore ad ogni fermata.

Nuova Hyundai i10, com’è cambiata

Anzitutto è stata potenziata la connettività perché la Casa intende «portare a tutti le più avanzate tecnologie». E’ disponibile la piattaforma Connected Car così come Bluelink. Attraverso l’app si controlla l’auto e con la funzione “Trova la mia auto” la si localizza a distanza. E’ attiva la ricerca di informazioni aggiornate sui parcheggi e i benzinai più convenienti in zona. Infine, i Live Services offrono informazioni su meteo, traffico e autovelox (dove consentito legalmente) sempre aggiornate. «Sono offerti in abbonamento gratuito per i primi 5 anni ai clienti che sceglieranno il sistema di navigazione».

Un avanzato chapter “sicurezza”

La nuova Hyundai i10 monta «il più completo pacchetto di sicurezza del segmento A, con i sistemi della famiglia SmartSense in linea con i migliori standard europei». Il sistema di frenata automatica di emergenza (Fca) utilizza una camera frontale per riconoscere veicoli e pedoni. Mentre la gestione automatica dei fari abbaglianti consente accensione e spegnimento degli stessi, rilevando le auto che sopraggiungono. Altri Adas in dotazione sono il mantenimento attivo della corsia, il rilevamento di stanchezza del conducente e il rilevatore dei limiti di velocità.

Una city car compatta, sportiva e pratica

Nel restyling presentato in anteprima al Salone di Francoforte 2019, la i10 ha migliorato gli spazi grazie al passo allungato. E’ anche più bassa e più larga di 20 mm, fattore che accentua il look sportiveggiante.  Da 4 o 5 posti, la linea di cintura più bassa (-11 mm all’anteriore e -13 mm al posteriore) offre ai guidatori una migliore visibilità in tutte le condizioni di guida, insieme ai montanti posteriori più stretti che limitano gli angoli ciechi (11,9° rispetto ai precedenti 13,1°).

Il bagagliaio ha una capacità di 252 litri e la minore altezza della soglia di carico (abbassata di 29 mm) lo rende ancora più accessibile. La nuova Hyundai i10 è inoltre disponibile con la retrocamera posteriore, per facilitare le manovre di parcheggio visualizzandone le immagini sul display centrale.

Esterno ed interni, design per migliore sensazione di spazio

Da piccola vettura, il design di esterno ed interni è andato a valorizzare la sensazione di spazio. La griglia frontale ampia che incorpora le luci di marcia diurne, i volumi triangolari che enfatizzano la larghezza, il disegno delle bocchette dell’aria che si estende alle portiere sono tutti elementi che concorrono allo scopo.

Dieci i colori della carrozzeria, per 22 possibilità di personalizzazione degli esterni con le opzioni di contrasto del tetto. Le tonalità degli interni, invece, sono 4. E’ disponibile anche un quarto modello: si tratta della i10 N Line con equipaggiamento sportivo e motore Turbo Tdgi da 1.0 litri. Sarà disponibile in Europa dall’estate 2020.

Scopri in questo video quale storia ha deciso di supportare la nuova Hyundai i10.

Telematica e mobilità
Precedente

La telematica e la mobilità al centro del dibattito con Fleet and Mobility

caos bollo auto 2020
Successivo

Caos bollo auto 2020, emendamenti del Milleproroghe rimandano a fine luglio