Auto

Volkswagen Passat 2019, a settembre la nuova versione

Silenziosa, tecnologica e affidabile. Ecco la versione della Volkswagen Passat 2019, che sarà commercializzata in tutta Europa a partire dal prossimo mese di settembre. Un’auto che promette di proseguire con l’eredità lasciata dalle precedenti produzioni, che in 46 anni di vita hanno raggiunto quota 30 milioni di unità vendute.

Con un passato così importante è un peccato interromperne l’evoluzione. Del resto il costruttore tedesco ha sempre prodotto e venduto con grandi numeri, come testimoniano anche il “Maggiolino” e la Golf. Tanto per citarne due.

Comunque la Volkswagen Passat 2019 sarà rinnovata non tanto sotto il profilo estetico, dove a parte qualche ritocco ai gruppi ottici anteriori quasi nulla è stato toccato, quanto sotto il profilo tecnico e tecnologico, sia nell’abitacolo sia soprattutto sotto il cofano dove spicca il nuovo ibrido plug in

Quest’ultimo rappresenta un passo in avanti nella concezione di vettura ecosostenibile e a bassi consumi.

Leggi dell’esemplare numero 30 milioni della Passat

Volkswagen Passat 2019: sempre collegata, travel assist e (anche) emissioni zero

Grazie a una sim card a richiesta, la nuova Passat è sempre connessa. Questo vuol dire avere mappe e servizi sempre aggiornati, oltre a livelli di infotainment di nuova generazione (MIB3) che comprende funzioni come la App Connect Wireless, che permette l’integrazione dello smartphone sullo schermo. Molto interessante il servizio We Connect Fleet (disponibile in Germania e Francia al lancio sul mercato della Passat) che permette di aprire e avviare la Passat col proprio cellulare, previa autorizzazione del gestore della flotta. L’auto poi è dotata di un registro di bordo digitale, che monitora i consumi e gestisce gli aspetti della manutenzione per risparmiare tempo e denaro all’interno di un parco veicoli.

Tra le nuove tecnologie anche quelle di assistenza alla guida, come il Nuovo Travel Assist, che fa della Volkswagen Passat 2019 è la prima vettura della casa di Wolfsburg in grado di viaggiare in modalità parzialmente automatizzata fino a una velocità di 210 km/h.

E ancora, il volante capacitivo che, per la prima volta a livello mondiale, registra il tocco del guidatore, formando così un’interfaccia interattiva con sistemi come il Travel Assist.

Un cuore fino a 70 Km in elettrico

Se è sotto il cofano che le auto hanno il loro cuore, ecco che la nuova Passat assomiglia a un instancabile atleta. Uno degli highlight è rappresentato dalla versione GTE, ossia del primo modello di una nuova generazione di modelli ibridi plug-in firmati Volkswagen con un’autonomia che può arrivare fino a 70 Km in sola modalità elettrica. Ossia sufficiente per la maggior parte dell’utilizzo giornaliero.

Grazie alla modalità ibrida configurata ex novo, adesso risulta nettamente più facile immagazzinare una quantità di energia elettrica sufficiente anche durante un lungo tragitto. Sulle lunghe percorrenze e oltre i 140km/h, il motore elettrico supporta il motore a benzina TSI della Passat GTE, in quanto la propulsione elettrica funge da ulteriore booster.

Dunque assicura un’erogazione della potenza caratteristica soprattutto nella modalità sportiva GTE, poiché i motori elettrici sono in grado di sviluppare la coppia massima in un batter d’occhio.

Diesel: debutta il 2.0 TDI Evo da 150 CV della Volkswagen Passat 2019

Oltre all’ibrido plug in, ecco il turbodiesel.

Debutta il 2.0 TDI Evo da 150 CV, un quattro cilindri che produce una quantità di CO2 inferiore rispetto all’analogo propulsore del modello precedente. Anche in questo caso, il mercato è di fronte al precursore di una nuova generazione di motori Diesel da 120, 190 e 240 CV, mentre la gamma italiana delle motorizzazioni benzina comprende il TSI con 150 CV. Tutti i propulsori TSI e TDI rispettano la norma sui gas di scarico Euro 6d-TEMP. Ogni nuova Passat – non importa se a benzina, Diesel o ibrida – è equipaggiata con un filtro antiparticolato.

Leggi delle strategie VW nel settore delle auto elettriche

Per le flotte aziendali

La Volkswagen Passat 2019 è anche Business ed Executive, che rappresentano due livelli di allestimento dove il secondo è il tipo di gamma.

Parallelamente, anche la nuova Passat sarà disponibile nella versione Alltrack (a trazione integrale con caratteristiche off-road), con equipaggiamento specifico per Passat GTE. La Casa di Wolfsburg ha realizzato anche un modello speciale, prodotto in edizione limitata a 2.000 esemplari: la Passat R-Line Edition nel colore dedicato Moonstone Grey, il cui equipaggiamento di serie comprende, tra l’altro, una delle due motorizzazioni top di gamma (TDI da 240 CV o TSI da 272 CV, quest’ultimo non per l’Italia), la trazione integrale 4MOTIONe il nuovo sistema di assistenza Travel Assist.

All’interno: nuovi tessuti, pannelli, volante e strumentazione

Anche l’abitacolo soddisfa i gusti e le aspettative di chi scrive, che ha provato in Germania la nuova vettura VW. All’interno ci sono nuovi elementi decorativi e nuovi tessuti, pannelli delle porte ridisegnati e nuovo colore delle finiture, oltre a una nuova strumentazione e un nuovo volante multifunzione.

Immatricolazioni Europa
Precedente

Immatricolazioni auto nella Ue, gennaio-maggio a -2,1%

Free2Move Rent
Successivo

Free2Move Rent di Groupe PSA: le case auto sposano il noleggio breve