quarantena inghilterra divieti viaggi

Quarantena in Inghilterra e nuovi divieti di viaggi in Giappone e Israele

Quarantena in Inghilterra per tutti gli arrivi: è quanto dispone il Governo dal 30 novembre. Le nuove regole impongono anche un tampone molecolare al secondo giorno di arrivo. In seguito al test, se negativo, i viaggiatori possono interrompere l’isolamento fiduciario. La misura si rende necessaria dopo che la variante Omicron del Covid-19 è stata rilevata in due regioni del Paese.

Le nuove linee guida sono riassunte nella pagina “Travel to England from another country” ed entrano in vigore alle 4 del pomeriggio di domani.

Quarantena in Inghilterra e il Giappone vieta i viaggi

Il ripristino della quarantena in Inghilterra come misura cautelativa non è la sola ad interessare i viaggiatori. Anche il Giappone innalza i requisiti di sicurezza. Infatti, le autorità vietano l’ingresso per motivi di turismo e da qualsiasi Paese del mondo.

Viaggiaresicuri.it precisa che per chi ha un visto oppure una “Residence card” valida si può arrivare nel Paese, obbligatoriamente isolarsi e rispettare rigidi protocolli.

Vietati i viaggi in Israele

Anche Israele non consente l’ingresso ai viaggiatori internazionali, dal 29 novembre per 14 giorni. Fanno eccezione coloro che sono autorizzati da un nulla osta da richiedere all’Exceptions Committee.

Il caso di Israele è emblematico della volatilità che il Covid-19 impone: solo due mesi fa, il Paese annunciava la riapertura al turismo e all’organizzazione degli eventi.

Covid-19: la variante Omicron e le reazioni dei Governi

Tra coloro che chiudono ai viaggi in queste ore c’è anche il Marocco. Le misure resteranno in vigore fino al 13 dicembre. E’ presumibile che la lista delle nazioni che adotteranno nuove restrizioni si allunghi, nel tentativo di mitigare la diffusione della variante Omicron del Covid-19. Quest’ultima è stata segnalata oggi dall’Oms come a rischio elevato di propagazione.

Nel frattempo, l’Unwto ha pubblicato il suo undicesimo Travel Restrictions Report dove spiega che una destinazione su cinque continua ad avere i propri confini completamente chiusi. Invece, il 98% ha qualche tipo di restrizione di viaggio in atto. Si tratta di 46 mete nel mondo blindate, cioè il 21%. 26 di loro hanno le frontiere proibite dalla fine di aprile 2020.

112 – il 52% – richiedono di presentare un test Pcr o antigenico all’arrivo.

Voli Marocco: stop di Royal Air Maroc

A seguito delle decisioni delle autorità, tutti i voli Royal Air Maroc da/per il Marocco (transiti compresi) sono sospesi da lunedì 29 novembre alle 23.59 fino al 13 dicembre alle 23.59.

Per qualsiasi biglietto con data di viaggio iniziale dal 30 novembre 2021 al 13 dicembre 2021, queste sono le riprotezioni e i rimborsi:

  • Le riprotezioni effettuate entro 15 giorni dalla ripresa dei voli sono completamente gratuite nella prima classe economy disponibile, tariffe X-J-C-D-U-I escluse. Non viene applicata differenza tariffaria o penale;

Invece, la modifica senza penale con eventuale differenza tariffaria  si applica per una nuova data di viaggio fino al 31 marzo 2022 da/verso la stessa o altra destinazione.

  • Rimborso del biglietto sotto forma di voucher nominativo, non cedibile, con validità di 12 mesi dalla data di emissione;

Questo credito sarà rimborsabile al termine della sua validità se non utilizzato, e su richiesta del cliente entro tre (3) mesi dopo la sua scadenza.

I viaggiatori devono recarsi presso l’agenzia di viaggio per richiedere il voucher, durante il periodo di validità del biglietto.

Infine, se il cliente non accetta il voucher, puo’ essere richiesto il rimborso del biglietto tramite Raa su Bsp Link.