MissiOnewsTrasporti

Il business travel di Air Europa cresce del 27%

Air Europa cresce del 27% nel business travel. «Il nostro prodotto è molto migliorato con i Dreamliner ed il segmento corporate ha risposto dimostrando di apprezzarlo», osserva Renato Scaffidi, general manager Italia della compagnia confluita nel gruppo Iag. Nell’anno appena concluso i risultati mostrano una crescita di fatturato del 12% e del 16% dei passeggeri, evidenziando il superamento del budget. Numeri ottenuti praticamente a pari perimetro di capacità e con l’industry che ha mostrato un +1/2%.

Il coefficiente di riempimento degli aerei ha raggiunto l’88%.

L’obiettivo del 2020 è fissato in un incremento del 7%. Un forecast che si preannuncia fattibile a giudicare dalle vendite di gennaio. «Se dal traffico etnico ci aspettiamo una progressione naturale e dal business travel ancora una buona performance, è dai clienti leisure che prospettiamo un risultato nuovamente migliorativo: i viaggiatori vogliono flessibilità e come compagnia aerea di linea siamo in grado di offrire questo tipo di prodotto».

Air Europa cresce e rinnova ancora la flotta

Air Europa continua il rinnovamento della flotta, via via rimpiazzando gli A330 con i Dreamliner. L’anno scorso sono stati tre i nuovi B787-900 introdotti, quest’anno ne sono attesi 9 e a fine novembre è stato firmato l’ordine fermo per il 29esimo in totale. Entro la fine del 2020 la flotta di Airbus dovrebbe rimanere di soli tre esemplari, mentre il replacement delle macchine di lungo raggio sarà completato nel 2022.

La nuova business class è presente in tutti i nuovi Dreamliner che vengono introdotti sulle direttrici di lungo raggio, con una disposizione delle 32 poltrone in file da 1-2-1. In classe economica i posti sono 303. Per quanto riguarda i collegamenti dall’Italia su Madrid, la compagnia opera con B737-900 da Fiumicino e da Malpensa, mentre da Venezia vola con gli Embraer.

E’ al trade che Renato Scaffidi con il suo team assegna il merito dell’esercizio ottimale. «Il 2019 ha visto il consolidamento dei nostri rapporti con le Tmc, i network di agenzie, i tour operator: grazie al loro prezioso supporto siamo riusciti a crescere ed affermarci sul mercato».

America Latina e viaggi d’affari, economie in ripresa

Le rotte della programmazione di Air Europa nel 2019 non hanno avuto cedimenti nell’esercizio trascorso. Eccezion fatta per l’Argentina, che però si è ripresa nella seconda parte dell’anno. Dal mercato italiano, le best performer si confermano Lima, Santo Domingo e L’Avana. Bene la Colombia, Panama e Fortaleza in Brasile. «Il Sud America è un Paese complesso, ma i segnali che osserviamo e l’esperienza ci inducono ad essere cautamente ottimisti», è il pensiero di Scaffidi.

Il Brasile, locomotiva economica dell’America Latina, «mostra oggettivi segnali di ripresa con Jair Bolsonaro, alla guida del Paese dal gennaio 2019».

Il Paese ha chiuso il 2019 con una crescita dell’1,2% e potrebbe crescere ancora nel 2020, del 2,2%. Lo dicono i dati del World economic outlook, ripresi da Alejandro Werner, direttore del dipartimento Americhe del Fondo monetario internazionale (Fmi). Si legge nel blog dell’Fmi: «La fiducia ritornerà dopo l’approvazione della riforma delle pensioni». Bolsonaro sta mettendo in atto un ferreo programma di riforma fiscale e del governo. Se questo riuscirà, il Brasile tornerà a crescere.

Scopri il nuovo catering a bordo dei voli Air Europa, più salutare, in questo video.

Tecnologia hotel
Precedente

Sabre e Accor, partnership per tecnologia hotel

coronavirus in Italia
Successivo

Il Coronavirus in Italia, stop ai voli: si mette in moto la macchina delle TMC