GreenMissiOnewsTrasporti

Ecco la nuova Club Suite di British Airways sull’A350-1000

Una nuova business class di British Airways debutta con la presa in consegna del primo A350-1000. Dopo 13 anni, la compagnia inglese rinnova la poltrona flat-bed per i viaggiatori d’affari e introduce la Club Suite: un ambiente in cui spicca la privacy e la configurazione 1-2-1 permette l’accesso diretto al corridoio di tutti i passeggeri.

British Airways ha ordinato diciotto dei modelli di Airbus 350 nella versione 1000 e questo primo arrivato inizia a volare da settembre su Dubai e Toronto, per poi aggiungere altre mete di lungo raggio come Tel Aviv e Bangalore, sempre da Londra. Ad agosto “si esercita” sulla tratta per Madrid.

Carolina Martinoli, direttrice del marchio e della customer experience, osserva: “Siamo lieti di dare il benvenuto al primo dei nostri A350 nella flotta. Questo aereo segna una pietra miliare significativa ed eccitante nel nostro programma di investimenti da 6,5 miliardi di sterline ed è ancora più speciale in quanto viene fornito con la nostra nuova Suite Club. L’A350 è un aereo fantastico e un eccellente pezzo forte per l’ingegneria britannica. I nostri clienti adoreranno lo spazio, la luce e il comfort a bordo”.

Business class di British Airways, +40% di spazio

Club Suite è una cabina dagli spazi molto ampi: offre il 40% in più di stivaggio del bagaglio, consolle per il trucco, schermo da 18,5 pollici, alimentazione per computer e wi-fi ad alta velocità, solo per citare alcuni dettagli.

Per la prima volta al mondo, la compagnia aerea ha mappato la nuova Club Suite e l’A350 con il laser all’interno della British Airways Laserdrome, una struttura di 100 metri quadrati, alta 6 metri e mezzo. Guarda il video qui.

A350 ecologico e silenzioso

L’A350 è noto per avere ridotto al minimo il rumore in cabina, per i soffitti alti e un’illuminazione d’ambiente che infonde benessere e relax. “I clienti lasceranno il loro volo riposati grazie a livelli più elevati di umidità e aria fresca poiché la pressione della cabina equivale a un’altitudine di soli 6.000 piedi – spiega BA -. Ci sono anche vantaggi ambientali poiché il consumo di carburante inferiore del 25% riduce significativamente le emissioni di CO2”.

L’aerolinea ha scelto una configurazione in tre classi. 56 posti in Club Suite, altrettanti in Classe World Traveller Plus e 219 in World Traveller Economy.

Altri tre aeromobili A350 entreranno a far parte della flotta entro l’anno e due aeromobili Boeing 777 verranno adeguati con la nuova cabina.

Cento anni e i prossimi 100, con carburanti da biomassa

Quest’anno la compagnia celebra il centenario e l’ambito traguardo l’ha posta nelle condizioni di interrogarsi sul futuro, non solo di se stessa ma di tutto il comparto del trasporto aereo, innegabilmente il mezzo più sicuro per le lunghe distanze. L’investimento sull’A350 rientra in un progetto di innovazione, comprensivo degli studi sull’innovazione dei carburanti e dell’aviazione, espresso dal programma BA 2119. Come sarà British Airways fra altri cento anni? Alla domanda hanno risposto 11 università, delle quali sono stati scelti tre finalisti, vincitori della sfida lanciata da BA.

I progetti titolati riguardano la produzione di carburante da biomassa, come legno e colture agricole, convertibile in combustibile per 2,4 milioni di tonnellate all’anno.

Questa soluzione eliminerebbe dall’ambiente più anidride carbonica di quella prodotta per alimentare gli aeromobili. Si stima che ciò equivarrebbe a togliere più di tre milioni di automobili all’anno dalla strada.

Alex Cruz, presidente e amministratore delegato di British Airways, spiega: “Siamo determinati a fare la nostra parte e trovare soluzioni per aiutare a ridurre le emissioni del trasporto aereo che contribuiscono al due per cento delle emissioni di CO2 a livello globale. L’anno scorso abbiamo investito in 18 nuovi aeromobili con un consumo di carburante fino al 20% in meno, avremo ulteriori 69 consegne tra oggi e il 2025, e stiamo aprendo la strada per rendere sostenibile il carburante che utilizziamo”.

IAG, la società madre di British Airways, impegnerà un totale di 400 milioni di sterline nello sviluppo di carburanti alternativi nei prossimi 20 anni. BA è anche la prima compagnia aerea in Europa a investire nella costruzione di un impianto, con la società di combustibili rinnovabili Velocys, che converte i rifiuti domestici organici in combustibile per jet.

studio GBTA
Precedente

Nuovo studio GBTA, ecco le priorità dei business traveller in fatto di hotel

travel policy
Successivo

Travel policy, i 5 consigli dell'esperto per renderla più efficace