Gattinoni ripartenza viaggi

Gattinoni ReStart: ripartenza dei viaggi con il botto

In Gattinoni la ripartenza dei viaggi può dirsi “col botto”. Vuoi perché il gruppo lombardo sta finalizzando l’acquisizione del ramo di agenzie di viaggi Robintur, con BTexpert specialista di business travel. Vuoi perché l’andamento delle prenotazioni per tutte le divisioni è ripartito con un grande dinamismo.

I viaggi d’affari, nello specifico, si attestano a un incremento del 15%, negli ultimi due mesi. Il Mice a +20% tra aprile e maggio per eventi aziendali da sviluppare nell’immediato. Infine, il leisure che ormai non è limitato all’Italia, ma riguarda tutte le destinazioni accessibili e cresce tra il 15 e il 25%.

I dati sono comparati al 2019, è bene precisarlo.

«Questa ripartenza dobbiamo coglierla al volo e fare la nostra parte, dando più sostanza a un settore dei viaggi organizzati che deve avere una sua centralità nell’economia del Paese», commenta il presidente, Franco Gattinoni.

Continua: «Ho iniziato a lavorare nel 1972, 50 anni fa. Oggi l’azienda deve guardare molto avanti ancora, facendo progetti con gente nuova, di qui le nostre collaborazioni con l’Università. Abbiamo avuto bilanci in attivo per 38 anni fino al 2019, chiuso il 2021 senza perdite grazie ai sostegni, quest’anno dovremmo tornare alla nostra norma».

Sergio Testi, Isabella Maggi e Franco Gattinoni con il quadro realizzato da No Curves, artista che realizza opere con nastro adesivo. Il contesto dell’evento ReStart ha visto 5 creativi allestire sculture e dipinti nella sede della società in Via Statuto, a Milano. Ognuna ha interpretato l’esperienza di un nuovo inizio

Gattinoni, ripartenza dei viaggi

Alla ripartenza dei viaggi, ieri sera in Gattinoni è stato dedicato l’evento Restart.

Nell’”hub” milanese – la sede della società – i team BT, Mice e leisure hanno accolto i loro clienti. Mentre il management ha presentato la nuova campagna di rebranding, che rispecchia l’evoluzione del gruppo. L’occasione per Franco Gattinoni è stata di ricordarne le tappe.

«Avrei voluto darvi qualche notizia in più sull’importante acquisizione, tuttavia i tempi si allungano e prima possibile vi daremo dettagli. Volevamo tornare a incontrarvi, come prima della pandemia, per raccontarvi le nostre strategie», esordisce.

Quest’anno l’estate è partita prima, dopo il drammatico crollo del 70/80% degli anni di emergenza sanitaria. «Ma non ci siamo fermati e abbiamo continuato a investire nelle tecnologie proprietarie: la piattaforma B2C leisure ci sta dando soddisfazione, un centinaio di agenzie per volta la sta implementando. Anche quella del business travel (Fly Gattinoni) sta supportando i punti vendita e aiutando molto i network del gruppo. In più si aggiunge il self booking tool per le aziende», spiega il numero uno di Gattinoni.

Il direttore generale, Sergio Testi sottolinea sul trend, precisando che oggi il consumatore pretende di avvicinarsi all’agenzia attraverso più canali, anche Whatsapp e video. «È proprio grazie alle nuove tecnologie di dialogo e agli investimenti che stiamo portando a casa risultati più significativi del passato. La complessità di lavorazione è di conseguenza aumentata».

Una struttura rafforzata

In questi anni è stato perfezionato il Crm, che via via viene implementato su tutti i segmenti di business, compreso il Mice. Quanto ai negozi di viaggi, non sono state chiuse agenzie ma riassorbite e inglobate nella rete di proprietà.

Riorganizzazione anche per il Mice, con nuove professionalità nella logistica e nel cruciale segmento Health & Pharma. Come noto, Gattinoni organizzerà gli eventi dell’Atp Finals per cinque anni. Infine, nell’area comunicazione è stata acquisita una startup per meglio rafforzare una struttura già ottimamente diretta da Isabella Maggi, responsabile di marketing e comunicazione del gruppo.

Gattinoni: «Dobbiamo rafforzare ciò che abbiamo già, dare corpo alle business unit».

Ecco che il network è passato da 1.390 punti vendita a 1.430, a fronte di un mercato che ha perso il 15% di agenzie di viaggi. «Noi crediamo molto nella distribuzione e nella professionalità delle adv, i clienti stanno tornando ma non basta il solo prodotto, occorre tecnologia e marketing: dobbiamo lavorare insieme e vendere di più e meglio».

Il presidente non dimentica l’apertura dell’hub di Torino, tra le iniziative completate. La struttura è funzionale alle relazioni con il territorio e le sue istituzioni, in relazione agli eventi correlati agli Open di tennis. Precisa: «Tutte queste implementazioni sono realizzate con risorse economiche proprie, senza indebitamento».

[Approfondisci su Mice ed eventi aziendali in Gattinoni]

Rebranding Gattinoni: esperienze da vivere

In principio è stato il quadrato: il simbolo che rappresenta il gruppo Gattinoni, a significare sicurezza e solidità.

Oggi questa figura geometrica si colora e diventa una soglia che apre tutte le business unit, dunque ogni viaggio d’affari, evento o vacanza si trasformano in una esperienza da vivere.

Spiega Isabella Maggi: «Dopo “Viaggiare con stile” cambiamo il pay off in “Esperienze da vivere” perché riunisce tutte le nostre anime in un nuovo connubio, riflettente l’evoluzione che abbiamo attraversato. Nel business travel significa accompagnare i viaggi di lavoro. Per il Mice interpreta creatività e attenzione ai dettagli. Infine, nel leisure la qualità e la varietà di prodotto. I nostri valori aziendali rimangono quelli di sempre: persone al centro, affidabilità, innovazione, tra i principali».

Il nuovo posizionamento verrà comunicato attraverso campagne pubblicitarie su canali mainstream e social media, B2B e B2C.

Advertisement

Lascia un commento

*