MissiOnewsTrasporti

I 5 hub d’Europa a confronto: lo sprint di Istanbul Atatürk

E’ un’Europa dei grandi scali. Sono infatti 5 i grandi hub d’Europa (con oltre 50 milioni di passeggeri) che ormai attirano anche le compagnie low cost. La solita Anna.aero, il sito specializzato nel trasporto aereo, ha analizzato i dati dei maggiori scali europei (che noi abbiamo riportato in questo articolo)  e due sono i trend  sa sottolineare nel 2015, ovvero: gli hub europei attirano sempre più vettori, soprattutto dall’Asia, e lo scalo di Istanbul Atatürk, base di quella Turkish Airlines in grande crescita, sta a grandi passi sorpassando i maggiori aeroporti europei, diventando ormai il terzo più grande in Europa.

Con oltre 60 milioni sorpassa di poco lo scalo di Francoforte, anch’esso sui 60 milioni di passeggeri,  e Amsterdam, a quota 55 milioni, preceduto solo dal Parigi Charles de Gaulle, a quota 66 milioni di passeggeri e, naturalmente, da Londra Heathrow, la regina d’Europa. Dal 2007 ad oggi lo scalo turco è cresciuto del 164%, con Amsterdam in questi anni cresciuto del 22%, Francoforte del 13% e Londra e Parigi del 10%.

I cinque scali europei con oltre 50 milioni di passeggeri, che anna.aero chiama Flapi, acronimo per Francoforte, Londra, Amsterdam, Parigi e Istanbul, sono rispettivamente gli hub dei big d’Europa, Lufthansa, British Airways, Klm, Air France e Turkish Airlines.

 

Source: ADP, Amsterdam Airport Schiphol, DHMI, Fraport, UK CAA.

Interessante però sottolineare anche il numero di compagnie che operano su ciascun scalo: Parigi Cdg è quella che ospita il maggior numero di compagnie aeree, ed è lo scalo, insieme a quello di Amsterdam, che ne attira di nuove negli ultimi due inverni, mentre Londra e Istanbul hanno visto una contrazione di vettori presenti. Con Istanbul appunto che deve la sua grande crescita soprattutto grazie a Turkish.

Londra è lo scalo più stabile, con due stop, Transaero Airlines (fallita) e US Airways (che si è fusa con American Airlines), e due novità; Eurowings (che altro non è che il nuovo nome di Germanwings) e Vietnam Airlines. Queste invece le compagnie, ad esempio, che sono sbarcate a Parigi, Air Astana, Air Madagascar, Atlasglobal, bmi regional, EC Air, Eurowings, Georgian Airways, Iberia (?), Jetairfly, Tassili Airlines, Tunisair, Turkmenistan Airlines, perdendo però Air Armenia, Air Lituanica, Darwin Airline, Malaysia Airlines, Mauritanian Airlines International, Syphax Airlines, US Airways, e Yemenia Yemen Airways. Amsterdam infine  è stata capace di attirare Qatar Airways, Ryanair, Air Canada, American Airlines, Atlasglobal, KLM CityHopper, Transavia (France), WOW air, e Xiamen Airlines. Francoforte invece a fronte delle perdite di Air Armenia, Air Dolomiti, Germania, Luxair, Malaysia Airlines, Transaero Airlines, US Airways guadagna solo Air Arabia Maroc.

Source: OAG Schedules Analyser for w/c 1 February 2016, w/c 2 February 2015 and w/c 3 February 2014.

Infine tra le destinazioni servite trionfa ancora Istanbul, con ben 262 città collegate, seguito da Francoforte con 226 da Parigi, con 224, da Amsterdam, con 216 e, con “sole” 160 destinazioni, l’ultinma tra le Flapi è Londra.

Source: OAG Schedules Analyser for w/c 1 February 2016, w/c 2 February 2015 and w/c 3 February 2014.

smart meeting bari milone
Precedente

Bari punta sugli smart meeting per rilanciare il sud

Successivo

L'Iran firma con Airbus. Le stime di vendita aerei di Flightglobal