GreenStudi/Sondaggi

Trasformazione flotte aziendali: avanti senza una pianificazione

  

La trasformazione delle flotte aziendali va verso il green, ma senza un piano né una data di raggiungimento dei risultati. E’ quanto emerge dall’ultima indagine su 462 imprese di GR Advisory. Spiega la ricerca: «La maggioranza del fleet manager italiani (62,6%) è convinta che sia davvero arrivato il momento di passare alle flotte green, ma solo un quarto ha elaborato, in maniera completa o parziale, un piano di conversione ai veicoli elettrici e ibridi».

Ecco che il 60% ha fissato un obiettivo di riduzione almeno pari a metà delle emissioni di CO2. Tuttavia, solo il 40% lo ha legato ad una data precisa: 2023 per i più ottimisti, 2025 per gli altri. Inoltre, una parte di fleet manager effettuerà la transizione «solo se costretta dalla paventata messa al bando del motori diesel».

Trasformazione flotte aziendali:

Davide Gibellini, Ceo & managing partner della società, argomenta: «E’ significativo l’approccio delle aziende riguardo ai costi delle auto ibride e elettriche: appena il 5% spera di ottenere dalla conversione ai nuovi motori una riduzione dei costi».

Oggi i principali vantaggi ricercati dalle società attraverso le auto elettriche sono quattro.

Anzitutto migliorare l’immagine aziendale (71%), poi ridurre significativamente le emissioni di CO2 (53%) e risparmiare sui consumi (47%), infine ottenere vantaggi alla circolazione (Ztl e parcheggi).

Approfondisci sulla sicurezza alla guida in un’altra ricerca di GR Advisory.

Permuta auto concessionario
Precedente

Permuta auto dal concessionario: un mercato sottovalutato

Nuovo Suv Lexus NX ibrido plug in
Successivo

Nuovo Suv Lexus NX ibrido plug in provato per voi a Palma di Maiorca