Starhotels sostiene l’arte e la creatività italiane con La Grande Bellezza

Si chiama La Grande Bellezza – The Dream Factory la nuova iniziativa di mecenatismo contemporaneo di Starhotels. Il gruppo alberghiero dimostra che fare impresa in modo etico è possibile e lo fa con un progetto che tutela e promuove il patrimonio italiano di talento e creatività. E che permette ai suoi ospiti di circondarsi del bello.

Nell’arco prossimi 2 anni La Grande Bellezza – The Dream Factory prevede 3 macro aree di attività: la realizzazione di linee di prodotto a marchio Starhotels dirette creativamente dalla art director e designer Sara Ricciardi e realizzate con aziende artigiane e micro imprese di eccellenza.

E ancora, il coinvolgimento di maestranze artigiane nelle ristrutturazioni degli hotel della catena e l’organizzazione di eventi, mostre, incontri e laboratori negli alberghi del gruppo.

La Grande Bellezza

Elisabetta Fabri, presidente di Starhotels

Il progetto è stato fortemente voluto e promosso dalla presidente del gruppo Elisabetta Fabri perché “Come imprenditrice nel campo di un’ospitalità che vive grazie alle creazioni del genio italiano, avverto il forte desiderio di prestare sostegno in termini di opportunità e valorizzazione agli attori meno noti e celebrati, ma fondamentali, nella creazione della nostra Grande Bellezza. Nell’universo dei nostri alberghi”, argomenta.

“Si potrà scoprire, apprezzare e anche acquistare una gamma di prodotti di alto artigianato dal design contemporaneo creati appositamente per noi. I nostri alberghi diventeranno ambasciatori dell’italianità non solo nella enogastronomia e nello stile ma anche nel dare visibilità alla capacità creativa dei nostri maestri artigiani grazie a una diretta fruizione dell’oggetto”.

La Grande Bellezza premia i talenti

Il progetto si avvale del supporto di due istituzioni attive nella tutela dell’artigianato italiano d’eccellenza: l’Associazione OMA – Osservatorio dei Mestieri d’Arte e la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte e di Gruppo Editoriale. Prevede inoltre l’assegnazione di un premio tematico destinato ai talenti dell’artigianato.

I temi del concorso, che avrà cadenza biennale, saranno sempre scelti nell’ambito dell’ospitalità e saranno riferiti ad ambienti del contesto alberghiero ed a specifiche categorie del design (illuminazione, decorazione di interni, complementi di arredo).

La prima edizione del premio è incentrata sul tema “Una fonte di luce: i candidati sono invitati a presentare opere inedite e originali di artigianato artistico da loro realizzate, ispirate al lighting design.

Un assaggio de La Grande Bellezza è fruibile al Rosa Grand Milano – Starhotels Collezione. Nell’hotel all’ombra della Madonnina sino al 31 gennaio 2020 si possono ammirare l’installazione realizzata dalla designer e art director del progetto Sara Ricciardi con i maestri artigiani del calibro di Venini e Bianco Bianchi e un albero di 5 metri di altezza, l’Arbor Vitae, realizzato in ferro battuto dall’officina Fucina di Efesto.

Scopri qui come Starhotels è una catena ecofriendly che mette al bando la plastica e perché la sostenibilità è un elemento chiave degli eventi.

 

Natale a Milano
Precedente

Si accende il Natale a Milano con l’urban chalet al Four Seasons

Hilton Rome Airport
Successivo

Hilton Rome Airport compie 20 anni e investe nelle persone e nell’ambiente