bonus trasporti 2023

Nuovo bonus trasporti 2023, anche a minori ma il reddito richiedente entro 20.000 euro

Studenti e lavoratori avranno contributo da 60 euro, nel 2023, per il trasporto pubblico. Arrivano le regole di presentazione domanda bonus

Nel 2023 si rinnova il bonus economico, a studenti e lavoratori, per abbonamenti al trasporto pubblico. Il cosiddetto bonus trasporti.

Bonus trasporti 2023, limiti

Il nuovo bonus trasporti 2023 è per sole persone fisiche con reddito complessivo non superiore a 20mila euro nell’anno 2022. Si scende,, rispetto ai 35mila precedenti. A breve, febbraio 2023, il decreto del ministero che definisce modalità e termini di presentazione domande, per il nuovo bonus trasporti 2023, che scadrà il 31 dicembre, salvo esaurimento fondi, ovvero i 100 milioni disposti.

Contributo 2023, importo e regole

Il bonus economico trasporti 2023 è fino a 60 euro, per l’acquisto di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, o ferroviario nazionale. Nulla in confronto alle cifre per chi cambia auto con Ecobonus, ma comunque un aiuto per spesa inferiore.

Bonus nominativo, non cedibile, fruibile per un solo abbonamento. Il bonus ovviamente non costituisce reddito imponibile. Non ci sono limiti di età, anche minorenni quindi, ma il requisito è reddituale. Oltretutto, se il beneficiario è un minore, serve che il richiedente attesti che il minore stesso sia fiscalmente a suo carico.

Resta la detrazione sulla spesa rimasta a carico del beneficiario del buono: del 19% sulle spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto, su un costo annuo massimo di 250 euro. La detrazione riguarda anche spese per conto di familiari fiscalmente a carico.

In ogni caso l’acquisto deve essere fatto con pagamenti tracciabili, diversi dal contante. Infine, occorre conservare il titolo di viaggio o la ricevuta di pagamento dal quale sia desumibile importo e data in cui è stata sostenuta la spesa.

Lascia un commento

*