MissiOnewsTech & Web

Come vendere su Alibaba: American Express e la formazione alle PMI

Vendere su Alibaba può diventare più semplice grazie ad American Express. La società di carte di credito e servizi finanziari, ben radicata nei servizi al business travel, offre alle Pmi italiane titolari di carte American Express Business e Corporate card formazione al marketing digitale e all’advertising sulla piattaforma di e-commerce b2b, attiva in 190 Paesi tra cui l’Italia. Il tutto grazie alla collaborazione con l’agenzia Webidoo che è specializzata in servizi web. Intendiamo dalla costruzione di siti, realizzazione di pubblicità digitale, gestione dei social media.

In pratica, Amex offre alle piccole e medie imprese un pacchetto di consulenza per commercializzare sui canali di Alibaba.com. «Siamo lieti di lavorare con American Express per supportare i suoi clienti business nella loro trasformazione digitale, utilizzando i nostri consulenti per offrire soluzioni tecnologiche all’avanguardia. Una spinta all’innovazione che è il primo tassello verso l’internazionalizzazione delle aziende attraverso il web», commenta Daniel Rota, Ceo di webidoo.

Come vendere su Alibaba

La consulenza si concentrerà nel supporto alle Pmi nella costruzione di un profilo, dunque la creazione e la gestione di una vetrina online. Non in ultimo, su come gestire l’advertising.

«Grazie alla presenza di numerosi distretti d’eccellenza, l’Italia è un mercato estremamente importante sul quale Alibaba.com si sta concentrando. La collaborazione con partner locali solidi e competenti come Webidoo è fondamentale e dimostra il nostro impegno nell’affiancare le Pmi italiane con soluzioni all’avanguardia per rendere il loro percorso di digitalizzazione ed espansione sui mercati internazionali più fluido ed efficiente», sottolinea Luca Curtarelli, responsabile sviluppo di Alibaba.com per l’Italia.

Le aziende partecipanti usufruiscono di una sessione di consulenza individuale gratuita con Webidoo. Gli esperti della startup milanese lavorerà al loro fianco per analizzare le esigenze dei loro clienti e supportare l’implementazione di strumenti di marketing digitale.

«Siamo costantemente alla ricerca di modi innovativi per sostenere le imprese e crediamo che questa nuova offerta sia un modo importante per il loro sviluppo, soprattutto in questo momento storico», afferma Carolina Gianardi, vice president di American Express global commercial services Italia.

Foto di Laura Chouette su Unsplash

Black Friday e Cyber Monday al via

Oggi – 27 novembre – parte ufficialmente il Black Friday. Secondo le previsioni di Netcomm e dell’Osservatorio e-commerce b2c del Politecnico di Milano, gli italiani spenderanno 1,5 miliardi online tra questo venerdì e il Cyber Monday, lunedì 30 novembre. L’incremento atteso è del 15%, inferiore rispetto al +20% del biennio scorso. Del miliardo e mezzo, 200mila euro saranno da imputare a servizi, mentre la parte dominante ai prodotti.

In Italia, l’e-commerce rappresenta ancora “solo” il 7% degli acquisti complessivi.

Approfondisci sugli eventi del Consorzio Netcomm che promuove la diffusione del commercio elettronico.

Marketplace in Italia: l’e-commerce che cresce di più

Con oltre 8 miliardi di euro di fatturato e più di 16mila persone occupate in Italia nel 2019, i marketplace risultano il settore economico a maggior crescita non solo dell’e-commerce, ma del totale dell’economia del settore privato in Italia. «Configurandosi come un attore chiave nello scenario retail e non solo», dicono da Netcomm.

Il trend è in forte crescita negli ultimi 5 anni.

«I siti aggregatori – ha spiegato Roberto Liscia, presidente di Netcomm – sono un attore sempre più rilevante nel panorama della distribuzione e sono diventati un punto di riferimento per i consumatori».

Geograficamente sono distribuiti su tutto il territorio nazionale. In prevalenza nel Nord Ovest del Paese: nella sola Lombardia il loro fatturato sfiora i 5 miliardi di euro.

Pagamenti contactless: saranno possibili senza l’inserimento del codice Pin per transazioni fino a 50 euro, dal 1° gennaio 2021.

Delta Air Lines introduce i voli Covid tested
Precedente

Delta Air Lines introduce i voli Covid tested tra Atlanta e Roma e viceversa

MissionForum 2021
Successivo

MissionForum 2021 va digital il 3 marzo per la prima volta insieme fleet, travel e event manager