Accendere una BMW e invece del tradizionale sound dei  motori della Casa di Monaco di Baviera, il silenzio. Che, una volta schiacciato il pedale dell’acceleratore, si trasforma nel tipico sibilo delle auto elettriche, con una coppia da paura e una facilità di guida impressionante. Che può arrivare nella sola modalità elettrica fino a 50 chilometri. Una prima rivoluzione ibrida per BMW dopo la serie –I, che permette auna BMW in tutto e per tutto, di circolare a emissioni zero in città e a usufruire di una ulteriore potenza elettrica, di 95 CV e una coppia sino a 420 NM, per un electric boosting per le andature fuori città e in autostrada, macinate senza problemi grazie al motore a benzina 4 cilindri TwinPower Turbo da 184 CV, che portano la potenza totale di questa BMW 530e ibrida Plug-in berlina che abbiamo potuto provare a 252 CV. Una BMW I performance che, appunto, si può anche ricaricare alla spina, sia dalla presa “di casa”, del proprio box insomma, sia nelle colonnine a ricarica rapida grazie agli Accessori originali BMW in dotazione di quest’auto e riposti in due nicchie del baule in appositi contenitori  non andando così a togliere spazio utile al bagagliaio con un volume di 530 litri, con il sedile posteriore frazionato facilmente abbattibile.

Insomma, come già scritto, una BMW in tutto e per tutto, con la solita classe ma, con in più, un motore elettrico e tanta tecnologie per l’ausilio alla guida e la sicurezza. Come ormai da tradizioni in tutti gli ultimi modelli della Casa. E anche questa 530 non è da meno. Anzi. La versione Luxury che abbiamo provato, ma anche la Business pensata per il mondo flotte, propone una serie di tecnologie innovative come il pacchetto Connected Drive., con il servizio di Concierge Service e Chiamata d’emergenza intelligente 365 giorni all’anno e il Wi-Fi hotspot, anche per i passeggeri più giovani, il Parking assistant plus che facilita ogni manovra di parcheggio, grazie a l Surround View con Top View, Remote 3D view, Pdc e l’assistente di parcheggio, il Driving assistant plus che consente già la guida semi-autonoma aumentando il comfort e la sicurezza soprattutto in quella situazioni di guida monotona o nel traffico. Sicurezza che si avvale dell’Integral active Steering, con le ruote posteriori sterzanti, il Dynamic damper control, l’Adaptive drive, il Controllo dinamico di stabilità, il fari led adattivi con Adaptive Light Contro, la Funzione di frenata automatica per i pedoni o l’avvisatore di cambio accidentale di corsia. E come da tradizioni BMW i pneumatici Runflat. . Infine ecco la possibilità di vedere l’auto a distanza in 3D con l’app BMW Connected (al momento per Ios). E non siamo neppure entrati nell’abitacolo, che ci fa trovare sedili in pelle dakota beige dalla comoda seduta controllati elettronicamente, dallo schienale, al supporto lombare alle alette laterali contenitive in caso di guida sportiva. Perché anche con questa BMW è possibile selezionare il proprio modo di guidare, partendo dalle tre principali modalità, ovvero Sport, Comfort ed  eDrive, appunto, per chi si vuole muovere (arrivando anche a 140 km all’ora di velocità!) nella sola modalità elettrica. Perché, come detto, questa è una BMW; con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,2 secondi, una velocità massima di 235 km/h e consumi combinati quando il motore elettrico è in carica da 1,9 litri per 100 chilometri ed emissioni di Co2 combinate di 44g per km. Perfomance dovute anche al cambio Steptronic sportivo a 8 rapporti, gestibile anche manualmente con la leva selettrice o con i paddle al volante, naturalmente sportivo e multifunzione. Funzioni, tantissime, dal climatizzatore bizona automatico all’ampio sistema di entertainment con il sistema Bowers & Wilkins Diamond Surround , gestibili sia dalla rotellina sul tunnel centrale, dall’ampio schermo Touchscreen da 10,25”, a voce o con il preciso BMW Gesture Control. Un sistema di controllo che prevede anche un quadro strumenti full display e un comodo head-up display.

E dopo le perfomance, la sicurezza e il comfort di guida, ecco i piccoli dettagli per il benvenuto di driver e passeggeri, ovvero le luci di cortesia dalle maniglie e del battitacco a quelle d’atmosfera dell’abitacolo, che vanno dal bianco al blu, dal verde al bronze…, e il profumo anch’esso facilmente intercambiabile grazie al sistema Ambient Air, con funzione sia di ionizzazione che, appunto, di profumazione dell’aria. E per chi ha bisogno di caricare lo smartphone, ecco il sistema di ricarica induzione. Niente male per un’auto aziendale, vero?