MissiOnewsPolitica&EconomiaTrasporti

I voli tra Italia e Regno Unito (ad oggi) non risentono della Brexit

I voli tra Italia e Regno Unito (al momento) non risentono della Brexit, con Ryanair, easyJet e British Airways le tre compagnie che offrono la maggior capacità tra i due paesi. Nel 2017 erano disponibili 17,38 milioni di posti tra il Regno Unito e l’Italia, con un aumento del 5% rispetto al 2016, risultando così la terza direttrice in Europa dopo Germania – Spagna (32,22 milioni di posti ) e Regno Unito – Germania (19,36 milioni). Davanti alla direttrice Italia – Spagna (15,92 milioni), Germania – Turchia (14,80 milioni), Francia – Spagna (14,33 milioni), Francia – Italia (13,07 milioni), Francia – Germania (10,55 milioni) e Regno Unito – Turchia (5,29 milioni), secondo i dati ufficiali di OAG riportati dal sito specializzato nell’aviazione civile Anna.aero.

I voli tra Italia e Regno Unito (al momento) non risentono della Brexit e crescono del 29% nell’ultimo decennio (con qualche su è giù)

Dal 2008 al 2017 la capacità disponibile tra il Regno Unito e l’Italia è passata da 13,43 milioni di posti a 17,38 milioni, ovvero una crescita del 29%, ovviamente con qualche up and down . Ad esempi con un calo del 4,7% durante l’anno di crisi del 2009 e un’ulteriore riduzione nel 2010, con una ripresa nel 2011 e nel 2012, prima di un ulteriore stop nel 2013. Da quell’anno, però, vi sono stati  quattro anni consecutivi di crescita con un aumento della capacità del 36%, con un picco nel 2016, con un aumento della capacità del 14% rispetto al 2015, grazie soprattutto alle compagnie low cost.

La capacità media sui collegamenti tra i due paesi è aumentata in misura marginale, passando dai 160 posti del 2008 ai 164 del 2017, capacità servita da aerei a corridoio singolo, con una quota di mercato del 93%, con il 5,6% appannaggio dei vettori regional, che monopolizzano ovviamente le rotte sul London City Airport, dove operano vettori come Alitalia CityLiner per Alitalia (leggi qui), BA CityFlyer, per British Airways, e Flybe, che volano con jet Embraer.

Fonte: OAG. Voli diretti.

I voli tra Italia e Regno Unito (al momento) non risentono della Brexit; i tre scali di Londra dominano la classifica

Tra gli scali più coinvolti da questi voli otto sono in Italia e quattro nel Regno Unito che, però, occupa tutto il podio dei primi tre con Londra Gatwick, Stansted (questi due però a segno meno lo scorso anno) e Heathrow con Roma Fiumicino al quarto posto e Milano Malpensa al quinto (quattro hub nei primi cinque posti, Stansted a parte), anch’essi in calo, seguiti da tutti scali in crescita, sei su sette in Italia: Venezia, Milano Linate, Manchester, Napoli (con la crescita maggiore, del 21%), Pisa, Roma Ciampino e Bergamo Orio al Serio. Scali “minori” che sono cresciuti del 25% nel decennio, passati dagli 8,79 milioni di posti nel 2008 a 11,01 milioni nel 2017, contro un più 37%  dei quattro hub,  passati da 4,64 milioni a 6,37 milioni.

Fonte: OAG. Voli diretti.

I voli tra Italia e Regno Unito (al momento) non risentono della Brexit; Alitalia al quarto posto dopo il podio britannico-irlandese

Secondo i dati OAG, nel 2017 sono state 19 le  compagnie aeree che hanno operato almeno un servizio di linea tra il Regno Unito e l’Italia. Tra ile prime 12 sette sono vettori con base in Gran Bretagna, due con base in Italia, mentre Ryanair, Vueling e Blue Air operano su queste rotte grazie alla settima libertà dell’aria. Dopo il podio occupato da Ryanair, easyjet e British Airways, al quarto posto troviamo Alitalia, seguita da Jet2.com e Vueling. Al settimo posto una compagnia fallita, la Monarch (leggi qui), con la sua capacità in parte assorbita da altri vettori. Tra le maggiori crescite la rumena Blue Air, cresciuta del 283%, mentre il calo maggiore Meridiana che, anche nella sua nuova veste di Air Italy (leggi qui), non sembra molto interessata a queste rotte.

Fonte: OAG. Voli diretti.

I voli tra Italia e Regno Unito (al momento) non risentono della Brexit; e il futuro?

Secondo i dati OAG, le compagnie aeree hanno già introdotto 25 nuovi servizi tra il Regno Unito e l’Italia nel 2018 e altri tre dovrebbero iniziare entro la fine dell’anno. Il prossimo lancio sarà il collegamento di Ryanair da Manchester a Palermo, il cui inizio è previsto per il 13 luglio. Dei 28 lanci di nuove rotte tra Regno Unito e Italia, solo tre servono uno dei quattro mega hub del mercato. La predominanza delle Low cost in questo mercato sembra destinata a continuare con 21 delle 28 rotte lanciate dai vettori con tale modello di business.

LCCI
Precedente

LCCI lancia la piattaforma globale di distribuzione Lucy

Savona 18 Hotels
Successivo

Nasce Savona 18 Suites, il nuovo indirizzo di Blue Hotels a Milano