AutoEventi

Auto dell’anno 2020, la lista delle 48 vetture in gara a Ginevra

Mentre al Salone di Ginevra mancano ancora 7 mesi, già si sta pensando al concorso di Auto dell’anno 2020 che in occasione dell’evento sul Lago Lemano svelerà il vincitore.

Nel frattempo, mentre i giudici e le case costruttrici sono al lavoro per vagliare i modelli, ecco la prima “provisional list” o lista provvisoria delle vetture in lizza che fino a questo momento sono 48. In base al regolamento, tutte le candidate devono essere nuove auto in vendita ora o entro la fine del 2019 in 5 o più mercati europei. La lista finale che uscirà da una prima scrematura sarà resa nota il 14 ottobre prossimo.

Scopri l’Auto dell’anno 2019

Auto dell'anno 2020

Sono 48 le vetture in lizza (provvisoria) per il premio Auto dell’anno 2020 del Salone di Ginevra

Auto dell’anno 2020: voto in 2 fasi e vincitrice il 2 marzo

La successiva procedura di voto si articola in 2 fasi: la prima produrrà una “short list” di 7 concorrenti che saranno annunciate il 25 novembre. La seconda votazione avverrà il 28 febbraio e determinerà la singola vettura che vincerà il premio di Car of The Year 2020, che sarà annunciato alla vigilia dell’apertura del Salone di Ginevra, il 2 marzo prossimo.

Nel frattempo, ci sono 3 nuove entrate tra i giudici incaricati di esprimere il proprio voto all’ambito premio che rappresenta sempre un punto di partenza – e al tempo stesso un punto di svolta – per il costruttore che verrà premiato.

Auto dell’anno 2020, la giuria

Il primo è il 48enne elvetico Andreas Faust, a capo del settore auto di un importante gruppo editoriale di Zurigo. Il secondo è il 38enne olandese Peter Hilhorst, che dal 2001 scrivedi automotive per diverse testate. Il terzo è il 46enne polacco Roman Popkiewicz, giornalista automotive fin dal 1997

Prima delle votazioni, la giuria – composta da 3 austriaci, 2 belgi, un ceco, un danese, un finlandese, 6 francesi, 6 tedeschi, un greco, 2 ungheresi, un irlandese, 5 italiani, un lussemburghese, 3 olandesi, un norvegese, 2 polacchi, 2 portoghesi, 2 russi, uno sloveno, 6 spagnoli, 3 svedesi, 2 svizzeri, un turco e 6 britannici  – effettueranno delle prove per conoscere le auto in gara.

Il primo test drive si terrà a Tannisby, in Danimarca (21 – 26 settembre). Invece, il secondo si tiene in pieno inverno in Finlandia (13 – 24 gennaio). Infine, l’ultima prova sarà a Mortefontaine, in Francia (17 – 18 febbraio).

A questo link i giornalisti per singolo Paese, gli italiani sono Silvia Baruffaldi di Auto & Design, Guido Costantini di Al Volante, Gianluca Pellegrini di Quattroruote, Giorgio Ursicino de Il Messaggero e il freelance Alberto Sabbatini.

La lista provvisoria è composta da:

  • 1. Aston Martin DBX
  • 2. Audi E-tron
  • 3. BMW Serie 1
  • 4. BMW 8 Gran Coupé
  • 5. BMW X7
  • 6. Borgward BX7
  • 7. Cadillac XT4
  • 8. Chevrolet Corvette C8
  • 9. DS 3 Crossback
  • 10. E.Go Life
  • 11. Ferrari Portofino
  • 12. Ferrari F8 Tributo
  • 13. Ford Puma
  • 14. Honda E
  • 15. Hyundai i10
  • 16. Kia e-Soul
  • 17. Kia XCeed
  • 18. Land Rover Defender
  • 19. Lynk & Co 01
  • 20. Mazda 3
  • 21. Mazda CX-30
  • 22. Mercedes-Benz CLA
  • 23. Mercedes-Benz EQC
  • 24. Mercedes-Benz GLB
  • 25. Mercedes-Benz GLS
  • 26. Nissan Juke
  • 27. Opel Corsa
  • 28. Peugeot 208
  • 29. Peugeot 2008
  • 30. Polestar 1
  • 31. Porsche 911
  • 32. Porsche Taycan
  • 33. Range Rover Evoque
  • 34. Renault Captur
  • 35. Renault Clio
  • 36. Seat Leon
  • 37. Škoda Kamiq
  • 38. Škoda Octavia
  • 39. Škoda Scala
  • 40. Ssangyong Korando
  • 41. Subaru Forester
  • 42. Tesla Model 3
  • 43. Toyota Camry
  • 44. Toyota Corolla
  • 45. Toyota RAV4
  • 46. Toyota Supra
  • 47. Volkswagen Golf
  • 48. Volkswagen T-Cross

mobilità sostenibile
Precedente

Air France utilizza mezzi elettrici a batterie riciclate

ford capri
Successivo

Heritage: Ford Capri e il debutto automotive degli Usa in Europa