AutoSocietà Nlt

Avis Budget Group dà spazio ad auto connesse e al corporate car sharing

E’ la tecnologia la chiave di volta di Avis Budget Group e dell’autonoleggio, settore che dopo le difficoltà dei mesi scorsi come un’Araba fenice punta a crescere e a spiccare nuovamente il volo. Di questo e delle strategie per la seconda parte del 2020 parla Gianluca Testa, managing director southern Europe.

Parliamo della partnership con Fca e di auto connesse. Quali i vantaggi pratici per gli utenti?

«La partnership con il gruppo Fca, che prevede l’inserimento di oltre 22.000 veicoli connessi Fiat, Jeep, Alfa Romeo, Lancia e Fiat Professional LCV nella flotta europea di Avis Budget Group, rappresenta un altro passo molto importante per condurci verso la connettività dell’intera flotta globale. Per ottimizzare la produttività e la customer experience. Grazie alla nostra flotta connessa, infatti, i clienti possono godere di un’esperienza di noleggio semplificata, self service e on demand.

Avis Budget Group

Gianluca Testa

Possono utilizzare l’Avis app per gestire la prenotazione. I membri del programma fedeltà Avis Preferred gestiscono direttamente l’intero processo di noleggio dal proprio smartphone e senza alcun contatto. Inoltre, hanno la possibilità di scegliere l’esatto modello di vettura che desiderano guidare, modificare la prenotazione scegliendone una di categoria superiore oppure estendere la durata del proprio noleggio. I  driver hanno quindi il controllo del processo di noleggio dall’inizio alla fine, con un semplice tocco sullo schermo del proprio telefono. In estrema sintesi: meno stress, più velocità e qualità del servizio offerto.

La partnership con Fca Group, annunciata a gennaio 2020, ha delineato il nostro impegno nel reinventare l’esperienza di noleggio e connettere l’intera flotta Avis Budget Group. Tuttavia, in questo periodo senza precedenti la priorità resta la salute e la sicurezza del nostro personale e dei clienti. I veicoli connessi rafforzano le caratteristiche dell’app e del programma di fidelizzazione, che ci consentono di ridurre i contatti. In specifiche agenzie, permette l’accesso diretto al veicolo, bypassando la stazione di noleggio».

Molte compagnie aeree o hotel stanno andando nella direzione di cancellare le penali in caso di rinuncia. Qual e la posizione di Avis Budget Group?

«Come altri operatori del settore viaggi e trasporti, abbiamo seguito le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e del governo italiano. Per aiutare i nostri clienti, ci siamo assicurati che potessero prenotare con fiducia durante questo periodo di incertezza. Abbiamo introdotto nuovi processi per coloro che hanno prenotato direttamente con noi. E cioé la possibilità di annullare o modificare senza costi aggiuntivi, nel caso in cui la prenotazione fosse interessata da misure restrittive.

Abbiamo garantito flessibilità su tutti i noleggi in Europa che iniziano prima del 1° settembre 2020. Per i successivi non sono comunque previste penali per modifiche apportate fino a 72 ore prima dell’inizio del servizio».

In previsione di un calo della domanda di autonoleggio anche dopo la fine del lockdown, avete ha modificato le tariffe?

«Il noleggio auto si trova attualmente in una posizione unica per offrire un’alternativa sicura ad altri servizi di trasporto. Il nostro personale sta lavorando instancabilmente per offrire un ambiente pulito e sicuro nel momento di pick up e riconsegna dei veicoli. Sono stati introdotti rigidi protocolli di igienizzazione, utilizzando disinfettanti per contrastare gli agenti patogeni. Vogliamo rassicurare i driver sui nostri elevati standard di sicurezza.

Prima delle restrizioni dovute al Covid-19, abbiamo notato che entrambe le soluzioni di noleggio a breve e lungo termine stavano diventando più popolari, offrendo opzioni di trasporto senza stress. Il nostro report Road Ahead sulla mobilità, pubblicato nel 2019, mostra che il 71% degli italiani prenderebbe in considerazione la rinuncia alla proprietà dell’auto a favore di soluzioni di noleggio. Poi il Coronavirus ha avuto effetti sul comportamento del consumatore.

Prevediamo però che i viaggiatori guarderanno al noleggio come alternativa ad altre opzioni di trasporto grazie alla flessibilità e al servizio privato che offre. Specialmente per coloro che si spostano all’interno dei confini nazionali. Continueremo ad offrire pacchetti flessibili e tariffe competitive, ma soprattutto un’esperienza di noleggio affidabile dall’inizio alla fine. Sia in ambito leisure che business, dove sempre di più intercettiamo le esigenze delle aziende che cercano soluzioni di mobilità».

Ci sono speciali o nuove condizioni e servizi per le aziende?

«Puntiamo molto sull’innovazione e grazie alla tecnologia, come quella relativa alle auto connesse e all’Avis app, siamo in grado di ridurre al minimo i contatti nel momento di pick up e riconsegna del veicolo. In particolare, gli iscritti al programma fedeltà che hanno scaricato l’applicazione bgeneficiano del fast track evitando così di passare dal banco di noleggio. Nei principali uffici, hanno anche la possibilità di accedere direttamente alla vettura. Stiamo puntando molto anche sul servizio di Delivery & Collection: il servizio di presa e riconsegna della vettura presso l’abitazione, in azienda o in hotel».

Leggi delle auto Mercedes nella flotta Avis

Avete rinegoziato – o state per farlo – i contratti del settore business?

«Abbiamo offerto dei servizi aggiuntivi ai clienti business, per supportarli in questo periodo senza precedenti, cercando di rendere ancora più convenienti i noleggi mensili».

Quali sono le misure per quanto riguarda la sanificazione?

«Il nostro obiettivo è quello di fornire un servizio di noleggio sicuro che soddisfi la mobilità in questo momento di emergenza. Continuiamo a seguire le indicazioni dell’Oms e del governo e abbiamo applicato nuovi protocolli per limitare la diffusione del Covid-19. Abbiamo lanciato il nostro programma di impegno per la sicurezza, adottando quindi nuove rigorose tecniche di pulizia, utilizzando prodotti certificati di alta qualità conformi alle linee guida del Ministero della Salute, contenute nel documento n. 0005443 del 22/02/2020.

Prestiamo anche attenzione a tutte quelle aree della vettura maggiormente a contatto come volante, indicatori di direzione, impugnature, portabicchieri. Nelle stazioni di noleggio, inoltre, sono rispettate le misure di distanziamento sociale, ai dipendenti sono forniti dispositivi di protezione individuale e incoraggiamo a utilizzare disinfettante per le mani».

A che punto è lo sviluppo del corporate car sharing?

«Avis Budget Group investe costantemente in nuove tecnologie, persone e processi che ci consentono di rispondere al meglio a tutte le esigenze di mobilità dei consumatori e delle aziende. Avis Budget Group gestisce Zipcar, la principale rete di car sharing al mondo con oltre 1 milione di iscritti. Sul fronte corporate car sharing – che riteniamo possa rappresentare una delle soluzioni di mobilità per il segmento business – non abbiamo, al momento, un’esperienza già operativa. Ma abbiamo un’idea molto chiara e in linea con le esigenze delle aziende che richiedono soluzioni di mobilità sempre più flessibili.

Una direzione che stiamo già percorrendo con Maggiore Flexyrent e Avis Free Move. Entrambi i servizi offrono soluzioni duttili: dal noleggio giornaliero a quello pluriennale e consentono di accedere al veicolo senza le restrizioni spesso associate a soluzioni a lungo termine come il leasing».

Visito il sito  italiano del gruppo ABG

ford explorer plug in hubrid
Precedente

Ford Explorer Plug In Hybrid, il Suv ibrido più potente della gamma

corporate car sharing
Successivo

Il corporate car sharing per risparmiare, parola di Targa Telematics