AutoGreen

Ecco Dacia Spring, la nuova auto elettrica del Gruppo Renault

  

Sono partiti l’11 marzo gli ordini per la Dacia Spring, la prima auto elettrica del brand del gruppo Renault. Sarà venduta in due allestimenti a partire da 19.900 euro, che scendono a poco meno di 10mila con gli incentivi alla rottamazione. Le consegne? A partire da settembre.

Anche Dacia, quindi, entra nella famiglia delle emissioni zero che vede la casa francese già diretta a gonfie vele in questa direzione.

Forte degli oltre 7 milioni di veicoli venduti in circa 16 anni – tra Logan, Duster e Sandero -, la Spring si farà strada in un settore, quello delle auto elettriche, in netta crescita. Anzi: sta vivendo un vero e proprio boom grazie a un 2020 chiuso a +204% rispetto a un mercato totale in calo (-28%).

Dacia Spring è un crossover cittadino con ottimo rapporto qualità-prezzo e un design che lo stesso gruppo definisce “moderno e fresco”. E che si basa sui 10 anni di esperienza nella fabbricazione e nella vendita di questa tecnologia.

«Il know-how tecnologico e umano unico sul mercato consente a Dacia di infrangere i più comuni freni all’acquisto di un’auto elettrica». Così ha detto Francesco Fontana Giusti, responsabile comunicazione del gruppo transalpino. «Prezzo, autonomia e tempi di ricarica non saranno più un ostacolo per chi vuole acquistare un veicolo elettrico».

Il gruppo Renault vola sulle ali di Dacia

Dacia Spring, l’auto elettrica per tutti con 305 km di autonomia

Alla motorizzazione 100% elettrica da 44 cavalli è associata una batteria da 27,4 kWh che permette una autonomia fino a 305 km in città e 230 in ciclo misto. Considerando che il percorso quotidiano medio in Europa di una city car è di 31 Km, la Dacia Spring ha bisogno di una sola ricarica a settimana.

L’auto è una utilitaria lunga 3,73 m, larga 1,77 metri e alta poco più di un metro e mezzo. Pesa 975 kg.

L’equipaggiamento di serie, su tutte le versioni commercializzate al lancio, comprende lo sterzo ad assistenza variabile al 100% elettrico, climatizzazione manuale, chiusura centralizzata da remoto e 4 alza cristalli elettrici. Cui si  aggiunge un limitatore di velocità (con comando al volante) ed un display digitale da 3,5”.

Come detto, sono due gli allestimenti sul mercato. «La versione “Comfort” e quella “Comfort Plus”. Con gli incentivi alla rottamazione, la prima si può avere a 9.460 euro mentre la seconda a poco meno di 11.000».

Nonostante le dimensioni compatte, Dacia Spring offre un’abitabilità interna da record: 4 veri posti e un bagagliaio da 290 litri. Che diventano 620 abbassando i sedili posteriori.

In vendita in 3 “declinazioni”: privati e Pmi, business e Cargo

La Dacia Spring sarà proposta in 3 declinazioni: la versione per privati e piccole aziende, quella business (pensata per gli operatori del car sharing) e, a partire dal 2022, la Cargo. Quest’ultima sarà una versione commerciale omologata N1, senza sedili posteriori, e con un volume di carico di 1.100 litri.

«Tra l’11 e il 24 marzo – spiega il responsabile Dacia Italia, Guido Tocci – sono state ordinate 621 Spring e sono stati realizzati 2.000 preventivi. Per ora è difficile fare previsioni sull’andamento delle vendite».

Vendite che sono il frutto di una ricerca basata sulla tecnologia già utilizzata da Renault, come spiega Costin Seydoux, direttore del progetto Dacia Spring. «Quest’auto deriva dall’esperienza che abbiamo acquisito per Renault Zoe. Con l’aggiunta di un programma di oltre un milione di chilometri di prova. Sarà prodotta in Cina con piattaforma comune a Nissan. Perché in Cina? Perché il Paese asiatico è il primo al mondo nelle vendite di auto elettriche, con una quota del 60%».

A togliere ogni dubbio sulla presunta similitudine tra Twingo e Spring è intervenuta Melanie Bellot, product manager Dacia Spring. «Queste due auto appartengono a mondi diversi. La prima è di segmento A ed è dedicata al divertimento e alla maneggevolezza. La seconda è l’auto essenziale per rendere possibile a tutti un’auto elettrica».

La batteria della Spring è garantita per 8 anni o 120.000 chilometri quando la sua capacità, secondo le prove Dacia, sarà circa al 75%. L’auto, invece, ha una garanzia di 3 anni.

Visita il sito Dacia.it

Auto a gas ibride
Precedente

Auto a gas ibride, la UE dà il via libera a metano e GPL con elettrico

milan guida flotta BMW
Successivo

Il Milan guida una flotta BMW: le auto a management e prima squadra