AutoGallery

Al via gli ordini della nuova Dacia Sandero: Stepway e Streetway

  

La nuova Dacia Sandero riparte dalle 2,1 milioni di unità vendute dal lancio nel 2004. Da allora si sono avvicendate due versioni di una city car che si rinnova con i modelli “Stepway” e “Streetway”e incarnano il Dna di Dacia. Cioè prezzi competitivi e funzionalità.

Diventata modello emblematico e best seller, la Sandero è l’auto più venduta in Europa ai clienti privati dal 2017. È anche la Dacia di maggior successo visto che rappresenta il 32% delle vendite della marca dal 2004. La Sandero Stepway, crossover, rappresenta invece il 65% delle vendite, pari a più di 1,3 milioni di unità.

Ma com’è la terza generazione della Sandero? Sebbene abbia mantenuto le stesse dimensioni esterne, offre più spazio interno. È il frutto di una nuova piattaforma che propone migliori equipaggiamenti, più sicurezza attiva e passiva, infine nuove motorizzazioni. Tra le quali il sistema a doppia alimentazione benzina/Gpl, un nuovo cambio automatico e l’inedito manuale a 6 rapporti.

Nuova Dacia Sandero: Streetway e Stepway

«Con questa nuova generazione, Dacia rinnova i suoi modelli emblematici e tutta l’offerta del segmento B. Le nuove Sandero Streetway e Sandero Stepway offrono maggiore abitabilità, più comfort, sicurezza e piacere di guida. In pratica: auto essenziali al giusto prezzo», spiega Mihai Bordeanu, direttore marketing Dacia durante la presentazione.

Il design esterno della nuova Dacia Sandero Streetway è inedito e combina modernità e robustezza. Sarà anche perché sembra più bassa e “ben piantata”, anche se la linea generale appare più fluida con il parabrezza più inclinato e il cielo ribassato di un centimetro.

Altra novità: i gruppi ottici anteriori e posteriori inaugurano la nuova Y-shape di Dacia. Una linea orizzontale che collega i due gruppi ottici prosegue nelle linee di luce Led e contribuisce a far sembrare più ampio il muso del modello. Migliorata anche l’aerodinamicità, a tutto vantaggio sia dei consumi sia di un minor rumore dell’aria quando l’auto è in movimento.

Con l’altezza dal suolo aumentata, Sandero Stepway è la crossover cittadina della gamma Dacia. Già, perché ha un’altezza libera dal suolo di 174 mm (+41 mm rispetto al passato, soprattutto grazie al diametro maggiorato degli pneumatici).

La versatilità si vede anche dalle barre del tetto: in pochi secondi, si trasformano in un portapacchi con una capacità di carico di 80 chili. Il tutto grazie a una chiave alloggiata nel vano portaoggetti e senza operazioni complesse.

Nuova Dacia SanderoPartono gli ordini della nuova Dacia Sandero

«Nonostante lo stop causato dal Covid19, il 2020 non è andato male per Dacia, visto che in Italia abbiamo commercializzato 46.000 auto». Così ha esordito Francesco Fontana Giusti (nella foto), direttore comunicazione & immagine di Renault Italia.

«Sandero è la prima auto straniera venduta ai privati, con 230.000 unità dal lancio nel 2008. Nella giornata di oggi sono partiti gli ordini. L’e-commerce? Sì, è possibile farlo. Solitamente però i nostri clienti limitano l’utilizzo del web all’opzione oppure alle informazioni sul prodotto. Per le fasi successive preferiscono ancora il “legame umano” con il rivenditore».

«Stiamo sviluppando le vendite online» ha aggiunto Sophie Albertus, direttore di Dacia Europa. «Dobbiamo capire fino a che punto possiamo utilizzare il web. È comunque un canale da presidiare, sui cui stiamo lavorando molto».

Per quanto riguarda l’abitabilità, c’è maggior qualità rispetto al passato nella nuova Dacia Sandero. Sia nei 3 posti posteriori sia in quelli anteriori. Miglioramenti anche nell’equipaggiamento di serie. Questo comprende il supporto smartphone, il display del computer di bordo, il limitatore di velocità e l’accensione automatica dei fari.

«Per la prima volta, Dacia si dota di un tetto apribile panoramico elettrico, che sarà proposto nel corso del 2021 sia sulla Streetway sia sulla Stepway. Sono poi presenti 3 sistemi multimediali: Media control, Media display e Media nav».

Con il primo, il proprio telefono diventa un sistema multimediale che dialoga con l’auto mediante l’app gratuita.

Il secondo: nella parte alta della consolle è integrato un grande display touchscreen da 8” che, tra le altre cose, permette di accedere ai settaggi di alcuni dispositivi di assistenza alla guida (Adas).

Infine, con Media nav, il sistema multimediale si arricchisce della navigazione a bordo e della connettività wireless per Apple Carplay ed Android Auto.

Leggi lo studio sugli Adas

Gli Adas salgono a bordo della Sandero Nuova Dacia Sandero

E a proposito di Adas, la nuova Dacia Sandero dispone di quelli di ultima generazione. Oltre al Cruise control e all’Esp di ultima generazione, proposti di serie sono saliti a bordo:

Frenata automatica d’emergenza, attiva da 7 a 170 km/h.

Sensore angolo morto, attivo a partire da 30 km/h fino a 140 km/h. È basato su 4 sensori (2 situati dietro al veicolo e 2 davanti).

Assistenza al parcheggio, composto da 4 sensori anteriori, 4 sensori posteriori, una parking camera e linee di guida dinamiche.

Assistenza alla partenza in salita, che per due secondi impedisce al veicolo di andare indietro.

La tecnologia è anche a vantaggio della sicurezza passiva che si traduce in una migliore protezione in caso di urto. Oltre a una struttura rinforzata, vi sono nuovi sensori di pressione porte e un accelerometro. Questo consente di rilevare in anticipo le collisioni laterali velocizzando l’apertura dei nuovi airbag a tendina e laterali (l’auto ne ha 6) che proteggono l’addome, il torace e la testa.

Nuova Dacia Sandero

I motori della nuova Dacia Sandero

I motori a benzina della nuova Sandero rispettano la norma Euro 6D-Full che entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2021.

SCe 65 (non disponibile su Sandero Stepway): 3 cilindri da 1 litro aspirato, motore entry level associato a un cambio manuale a 5 rapporti.

TCe 90: 3 cilindri 1 litro turbo associato a un cambio manuale a 6 rapporti o un cambio automatico di tipo Cvt.

ECO-G 100: nuovo 3 cilindri 1 litro turbo con sistema doppia alimentazione benzina/Gpl associato a un cambio manuale a 6 rapporti.

Il costruttore del gruppo Renault propone un sistema a doppia alimentazione benzina/Gpl su tutta la sua gamma di autovetture con il logo Eco-G (Lodgy escluso). Quando funziona a Gpl, l’auto emette in media l’11% di emissioni di CO2 in meno rispetto alla motorizzazione a benzina corrispondente. Importante l’autonomia, con un totale di 1.300 km grazie ai 2 serbatoi: 50 litri di Gpl e 50 litri di benzina.

La funzione Stop & start è poi disponibile su tutte le motorizzazioni. Questo, insieme ad altre migliorie, ha permesso di ridurre i consumi di carburante di almeno il 6%.

La nuova Dacia Sandero costa a partire da 8.950 euro per la Streetway e da 12.600 euro per la Stepway (nella foto sopra, i listini).

Leggi di Dacia Duster Gpl turbo

Dacia business per aziende e partite Iva

«Vogliamo fare di Dacia un marchio a sé stante, in piena evoluzione» ha detto in perfetto italiano Xavier Martinet, direttore marketing mondo di Renault ed ex responsabile in Italia. «Nel 2021 arriverà la Dacia Spring, una elettrica low cost che, ne sono sicuro, contribuirà al successo del brand nel Belpaese e in Europa. Per quanto riguarda il Gpl, su Sandero sarà disponibile già dall’inizio».

Nella presentazione della nuova Dacia Sandero, il direttore marketing di Renault Italia, Biagio Russo, ha ricordato come  per la vettura ci siano «vari tipi di offerte finanziarie, alcune delle quali per le aziende, partite Iva incluse».

Leggi del gruppo Renault che vola sulle ali di Dacia

Nuova Dacia Sandero

Xavier Martinet

Precedente

Road to MFA 2020 tra fleet e mobility manager: apriamo il dibattito

Ricarica di auto elettriche
Successivo

Ricarica di auto elettriche in 135 Carrefour dalla partnership con FCA e Be Charge