AutoGreen

Un database Hyundai per i concessionari, obiettivo stabilizzare la liquidità

Un nuovo database Hyundai per dare supporto a concessionari e filiali durante la pandemia Covid-19. Tale database interno contiene sia indicazioni per rispettare le disposizioni sanitarie sia per affrontare al meglio le nuove sfide derivanti dalla crisi.

L’azienda coreana ha pertanto istituito lo Hyundai Emergency Legal Program (H.E.L.P.), creato con l’aiuto di uno studio legale internazionale, rendendolo disponibile a tutti i concessionari europei.

H.E.L.P. svolge due funzioni principali: da una parte aiuta i rivenditori del brand a comprendere e interpretare tutte le informazioni derivanti dalle autorità. Dall’altra parte, viene utilizzato per distribuire informazioni e consigli interni al gruppo Hyundai con l’obiettivo di stabilizzare e ottimizzare la liquidità durante la crisi da Covid-19.

Il database Hyundai per le informazioni ai concessionari

«H.E.L.P. sottolinea l’impegno senza pari di Hyundai nei confronti della propria rete anche durante la crisi in corso». Così ha commentato Hyun-Soo Kim, general legal counsel e chief compliance officer di Hyundai Motor Europe. «Raccogliendo tutte le informazioni utili in un solo database rendiamo più semplice ai nostri concessionari il compito di rispettare tutte le complesse restrizioni e le misure legali provenienti ogni giorno da numerose fonti. Credo sinceramente che questo strumento sarà molto apprezzato dai nostri dealer».

I concessionari dell’azienda coreana possono accedere al database Hyundai attraverso il dealer portal. La pagina conduce alla sezione multilingue con le ultime informazioni da Hyundai Europa. Da qui si può raggiungere l’area regionale che contiene notizie e indicazioni rilevanti nella lingua di appartenenza.

Hyundai Kona punta alla domanda di auto elettriche in Europa

Inoltre, il costruttore ha reso noto di aver iniziato la produzione di Kona Electric nel suo stabilimento europeo in Repubblica Ceca.

La vettura ha un motore elettrico da 150 kW e una batteria che garantisce un’autonomia di 449 km. Insieme all’aumento della produzione dello stabilimento Hyundai di Ulsan, in Corea, nel 2020 la Casa triplicherà la disponibilità di Kona Electric per i clienti in Europa rispetto all’anno scorso.

«L’aumento della produzione di Kona Electric è un passo per soddisfare la crescente domanda europea di “emissioni zero”», ha detto Dong Woo Choi, presidente e Ceo di Hyundai Motor Europe. «Stiamo rafforzando l’Europa come impianto di produzione, fornendo in loco soluzioni di mobilità future».

Hyundai Kona electric, obiettivo: 35mila unità nel 2020

L’impianto ceco è fra i più grandi e moderni per la produzione auto. L’obiettivo è produrre oltre 35.000 Kona Electric in 12 mesi, con un ritmo di 150 unità al giorno. Gli obiettivi di consegna? Circa 80mila unità di auto elettriche nel corso del 2020, suddivisi tra Kona Electric, Ioniq Electric e il veicolo Z.E. a celle a combustibile Nexo. Con questo sviluppo, nel corso dell’anno Hyundai prevede di diventare il più grande produttore di veicoli a emissioni zero nel Vecchio Continente.

Dall’arrivo sul mercato nel 2018, Hyundai Kona Electric ha battuto ogni record di vendita. E’ stato il primo Suv commercializzato in Europa che combina un propulsore a batteria con lunga autonomia.

Il valore residuo della Kona electric

I successi della Kona derivano anche dal fatto di avere un valore residuo in crescita, grazie agli aggiornamenti introdotti. Secondo i dati pubblicati dall’organizzazione indipendente Autovista Intelligence, la stima del valore di Kona Electric dopo 3 anni e 60.000 km aumenta del 6,4% rispetto al model year precedente.

A costituire un plus anche il nuovo sistema di navigazione con schermo touchscreen da 10.25 pollici, la telematica Bluelink e il caricatore di bordo trifase da 10,5 kW.

Considerando le previsioni sui 5 mercati europei più importanti in termini di volumi, Hyundai Kona Electric manterrà in media il 47,2% del proprio valore originale. Un dato che in Italia sale al 48% e vede Kona Electric in testa alla classifica tra i modelli considerati.

I valori rappresentano stime basate sul prezzo di listino, sul mix dei canali di vendita, sulle specifiche delle vetture e altri fattori. Con l’obiettivo di prevedere il prezzo della permuta dopo 3 anni di utilizzo dell’auto e 60.000 km di percorrenza. Nei mercati analizzati – Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito -, Kona Electric mostra valori residui tra i migliori rispetto ai concorrenti.

Scopri anche la Kona ibrida

 

 

 

automotive alla fase 2
Precedente

L'automotive alla fase 2: i concessionari chiedono incentivi per l'usato aziendale

noleggio a medio termine
Successivo

Il noleggio a medio termine post Coronavirus